Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Chi ama e chi odia ‘Cuba’ Granma

“Abbi cura di te, abbi cura di te, abbi cura di te”… La voce dei suoi genitori imita il tono affettuoso dei suoi genitori. L’autobus fa una curva e ricompare il mare; Per alcuni secondi il dialogo si interrompe. Oggi la Dott.ssa Nadia Laura Garcia Serrano ha vinto ieri il punteggio più alto all’esame di stato.

Sarà un chirurgo generale, una specialità in cui le donne non sono frequenti. 24 anni. Il dottor Fabian Pérez Alonso, accanto a lui, il più anziano del gruppo, ha 26 anni e tre anni di esperienza nella professione, è il segretario dell’UJC, e il capo della brigata composta da 60 neolaureati.
Il gruppo si reca in due autobus a Matanzas, che a questo punto è diventata l’epicentro dell’epidemia a Cuba.

Non tutti coloro che hanno espresso la propria volontà sono stati selezionati. Tra gli altri requisiti, dovevano ricevere le tre dosi del vaccino candidato Abdallah o Sopirana 02, prodotti della scienza cubana e superare l’esame di stato con buoni voti.

Data l’attuale situazione sanitaria a Matanzas, sono stati enfatizzati il ​​controllo epidemiologico e le misure antiepidemiche. immagine: Alexei Abel Macintosh Leone

Ma la dottoressa Nadia Laura mi corregge quando assicuro che questa è la sua prima missione: «No, ero già nei centri di isolamento, la differenza ora è che lo farò da medico e non da studentessa, la responsabilità è grande , ha vissuto la passione», dice, con gli occhi lucidi. I suoi genitori sono ingegneri e, sebbene sia l’unica figlia, supportano sempre le sue decisioni.

Così è stato questa volta: “Con paura, abbi cura di te, ragazza, ma alla fine sii orgogliosa di me”. Sarai mai un internazionale? “Non è inconcepibile che, quando lo Stato chiederà progressi, io ci sarò”. Viaggio in un autobus pieno di giovani volontari che, come medici e infermieri, affronteranno, per la prima volta, una massiccia epidemia.

READ  Medicina di precisione: 159 milioni "devono essere fatti in modo efficiente".

Al nostro arrivo a Matanzas, il Dr. Jorge Gonzalez (Bobby), che era responsabile – 24 anni fa, come Dr. Nadia Laura – era responsabile del gruppo che ha cercato e salvato i resti di Ernesto Che Guevara e dei suoi compagni in Bolivia.

Poco dopo, il ministro della Sanità, il dottor José Angel Portal, è arrivato definitivamente in città. I ragazzi scesero in moto, perché durante il viaggio verso Libertad Park, la gente affacciandosi alle finestre o passando per strada, salutava, applaudiva o metteva i pugni sul petto, in segno di gratitudine.

Il numero di contagi giornalieri prodotti dal nuovo ceppo a Cuba è molto alto, vicino a quello registrato in Italia nella primavera del 2020. È possibile fare un confronto?: a suo favore l’Italia ha la settima economia del mondo e la tecnologia più recente (nessuno vieta il tuo commercio e il tuo denaro); Ma Cuba ha un sistema sanitario comunitario e il suo governo può concentrare le risorse e disporne secondo le necessità del Paese.

Il ministero del Turismo, ad esempio, ha smaltito il parcheggio dei camion acquistati per essere utilizzati dalle sue aziende, li ha convertiti in ambulanze e li ha inviati a Matanzas. Ma ci sono anche umani e medici formati per il servizio pubblico e non per il profitto individuale.

Per inciso, i dottori Julio e Carlos sono in città da quasi un mese e in precedenza erano responsabili delle brigate mediche cubane in Italia tra molti altri internazionali che ora stanno rispondendo alla chiamata a casa.
I ragazzi seguono, e io sono rimasto con tre giovani giornalisti (di cui due ancora studenti), che hanno viaggiato anche loro, perché sono di Matanzas e sentono il bisogno di sostenere il loro giornalista.

READ  La città avrà un grande centro ad alte prestazioni

Nel pomeriggio, ci siamo incontrati con Adone negli uffici del quotidiano Giron, quando abbiamo iniziato a sentire la notizia del tentativo della controrivoluzione di scendere nelle strade di diverse città del paese. Solo pochi giorni fa il Congresso degli Stati Uniti ha approvato un nuovo gioco di sabotaggio milionario a Cuba.

Le sue pedine qui non chiedevano la fine immediata del blocco, che in tempo di epidemia diventa genocidio, ma l’apertura di un “corridoio umanitario” che rendesse possibile l’intervento americano; Intendono trasformare l’aggressore del popolo cubano nel suo salvatore.

L’odore del denaro incoraggia. Non vedevo l’ora e siamo partiti per gli eventi di Matanzas. Non sono più un giornalista (non sono mai stato, da nessuna parte, né sarò un osservatore), e ora sono solo un altro rivoluzionario cubano. Ci uniamo alle decine e centinaia di rivoluzionari cubani che marciano con le bandiere cubane. Qualcuno gridò: “Dov’è Fidel?” “qui qui!” Ripetiamo tutti.

Molti vicini ci sostengono. Altri rimangono indifesi, come se la rabbia non fosse con loro e come se non fosse in gioco il futuro dei loro figli.

I mercenari confusi si ritirano e se ne vanno. Lì, per strada, accanto alla gente, il giovane Joel Quibo (fisico nucleare di professione), neoeletto membro della Segreteria del Comitato Centrale, e la giovane Susley, ora membro dell’ufficio regionale del partito.

Intanto, nella zona rossa di ogni ospedale di Kobe Matanzas, si lotta per la vita, non con le risorse di cui ci priva l’embargo, ma con l’eccesso di coraggio e dignità della gente che è stata sicuramente strappata via.