Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cepyme calcola che equiparare la dimensione delle imprese alla media europea creerebbe 1 milione di posti di lavoro | Economia

Le dimensioni ridotte delle aziende spagnole e la loro bassa produttività ostacolano la ripresa economica e la crescita delle imprese. La Spagna creerà 1,2 milioni di posti di lavoro e il suo PIL crescerà del 5,2% in più se aumenterà le dimensioni delle sue imprese allo stesso livello della media europea, secondo Rapporto sulla crescita aziendale Dalla Federazione spagnola delle piccole e medie imprese (Cepyme) pubblicato questo mercoledì. L’organizzazione identifica 100 barriere normative – finanza, occupazione, contabilità e finanza – che impediscono la concorrenza tra le società e la creazione di posti di lavoro. Per supportare la crescita delle aziende secondo le loro esigenze, Cepyme propone di differire di quattro anni l’attuazione degli impegni, fino a quando l’azienda non uniformi le proprie dimensioni, e mette a punto un pacchetto di aiuti che favorisca l’integrazione aziendale.

Le aziende in Spagna sono più piccole rispetto ai paesi vicini. Un’impresa spagnola impiega in media 4,7 persone, mentre una nell’Unione europea ne impiega 6. Con Germania, Regno Unito e Austria il divario è più ampio: la dimensione media delle loro imprese è doppia rispetto a quella spagnola. Lo stesso si osserva quando si analizza il tasso di turnover. Il fatturato medio dell’azienda spagnola è di 1,1 milioni di euro, rispetto a 1,4 milioni di un’azienda europea (il 32% in più). Le vendite per azienda in Germania e Irlanda sono quasi tre volte superiori a quelle delle aziende spagnole.

Nonostante le loro scarse prestazioni, le microimprese (quelle con meno di 10 addetti) svolgono un ruolo importante nella generazione di valore aggiunto. Se nell’UE contribuiscono per circa il 18% al valore aggiunto, nel settore delle imprese spagnolo questa percentuale raggiunge il 22%, superando il più grande paese dell’UE tranne l’Italia (26%). Il contrasto è più marcato con Svezia (15%) e Germania (13%), che sono dall’altra parte della classifica. Né il vantaggio delle piccole imprese va a favore della Spagna. Il fatturato per addetto alla piccola impresa comunitaria ha superato dell’11% il reddito delle imprese spagnole (135.600 euro contro 122.300 euro).

READ  Il ritorno alla vita normale in Italia, che allenta le restrizioni dovute al Covid

In termini settoriali, all’interno delle microimprese spagnole, solo il manifatturiero e l’ospitalità hanno una produttività superiore alla media UE (rispettivamente +17% e +2%). A loro volta, i maggiori svantaggi riguardano i servizi professionali (-23%) ei trasporti (-17%).

L’elevata partecipazione delle microimprese alla generazione di valore aggiunto e la loro bassa redditività hanno esercitato una pressione al ribasso sulla produttività dell’economia. La Spagna è tra i Paesi Ue con le performance più basse: 222.200 euro di fatturato per lavoratore. Solo Romania e Portogallo mostrano una percentuale inferiore, mentre Irlanda e Belgio raddoppiano la cifra spagnola.

Indipendentemente dal loro contributo all’economia, le piccole imprese affrontano difficoltà ancora maggiori. “Le PMI sono finanziate a tassi di interesse più elevati e hanno meno opportunità di attrarre talenti o innovazione, il che si traduce in una minore resistenza alle crisi e una vita più breve per le piccole imprese”, afferma Cepyme nel rapporto. La vulnerabilità delle PMI è evidente se si guarda ai posti di lavoro che hanno perso nelle crisi rispetto alle grandi aziende. Tra il 2007 e il 2013, le aziende da 10 a 249 dipendenti hanno perso posti di lavoro per l’equivalente di oltre la metà di tutti i posti di lavoro distrutti, anche se erano responsabili solo di un terzo dell’occupazione totale.

aziende leader

Uno dei maggiori ostacoli al progresso delle imprese è il tasso di mortalità delle cooperative. Questo dato, che misura la percentuale di tessuto imprenditoriale che scompare ogni anno, in Spagna è del 35%, il che raddoppia le cifre di Germania, Paesi Bassi e Irlanda. Questa tendenza è esacerbata in Spagna nelle società di nuova costituzione, con solo la metà di esse che sopravvive tre anni dopo la loro creazione, quasi cinque punti al di sotto della media europea. Tuttavia, il tasso di imprenditorialità, che conta le imprese create per 10.000 abitanti, è uno dei più alti dell’Unione europea (35%), il che indica il potenziale degli imprenditori spagnoli.

READ  Fisher Investments: le economie potrebbero rimbalzare senza stimoli

Nel suo rapporto, la federazione sottolinea che le aziende cercano di non andare oltre il livello dei 50 fattori – il livello che separa le piccole e medie imprese – perché gli oneri che sopportano per aumentare la forza lavoro attraverso un solo fattore scoraggiano tale espansione. “C’è la sindrome dei dipendenti 50, perché quando si supera quel numero di lavoratori, l’aumento burocratico del processo sale in modo esponenziale”, ha affermato il presidente di Cepyme Gerardo Cuerva, oltre a chiedere alle aziende di consentire loro di standardizzare le loro dimensioni in modo che possano sopportare nuovi carichi e aumentare la loro crescita.