Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Carolina Jimenez Aubert, sorella di Susana, parla per la prima volta dell’incidente del figlio: “Siamo più forti”

Carolina Jimenez Aubert, i suoi figli e il suo animale domestico si godono la vita (foto RS)

Carolina Jiménez Aubert È la sorella minore di Susana Jiménez. Sebbene condividano il padre, Augusto Jiménez AubertSebbene siano fisicamente simili, la donna d’affari è l’opposto dell’autista. Con una pendenza ripida, Carolina parla lentamente e ama passare inosservata.

Tuttavia, ha fatto notizia l’anno scorso quando suo figlio maggiore, Francesco Linder, A seguito del suo primo matrimonio, è rimasto coinvolto in un incidente stradale con i nonni paterni a Punta del Este. A seguito di quella tragedia, il marito e suo figlio di Carolina morirono Bakù, 13 anni, è stato ricoverato d’urgenza. È stato quindi portato al British Hospital, dove è rimasto per diverse settimane in terapia intensiva in condizioni riservate.

Carolina ha impiegato quasi un anno per poter parlare di quel momento difficile. “Paco sta bene, penso che sia cresciuto molto con tutto questo, è maturato molto, queste sono cose che non dovrebbero succedere ma quando accadono nella vita ti cambiano molto la testa e l’anima”. programma televisivo Consulente per le comunicazioni aziendali durante la sosta durante le vacanze a punto orientale.

“Grazie a Dio si sta riprendendo, nell’ultimo anno ha fatto un’intensa riabilitazione, recuperando il corpo e la testa, cercando di tornare alla sua routine. Perché ciò che gli mancava era il desiderio. Volevo costantemente tutto. Quando gli hanno detto che non poteva andare ancora a scuola, Paco voleva andarci, e poi quando glielo hanno permesso ma gli hanno detto di passare meno tempo, voleva andarci tutto il giorno. Ed era sempre così. Moriva dalla voglia di giocare di nuovo a football, quindi penso che il suo il desiderio di vivere e il desiderio di tutto ciò che ha sempre avuto lo hanno fatto andare avanti”, ammette Karolina. Prende fiato e aggiunge: “D’altra parte i bambini vivono le cose sempre in modo diverso, gli adulti pensano che reagiranno in un modo o nell’altro e i bambini fanno sempre a modo loro. Lo vedo bene, tutto quello che è successo chiaramente pesa su di lui, ed è stato difficile per lui non è ancora difficile da battere per lui, gli mancano i suoi nonni, ma è in ottima forma”, ha detto la sorella dell’amato pilota argentino.

Carolina Jimenez Hubert ha parlato per la prima volta dell'incidente che è quasi costato la vita a suo figlio Paco
Carolina Jimenez Hubert ha parlato per la prima volta dell’incidente che è quasi costato la vita a suo figlio Paco

Karolina ammette sempre con il suo tono calmo e la scelta delle parole che questo fatto l’ha resa più forte. L’ha resa una donna resiliente, come non avrebbe mai potuto pensare. “Quando con Paco è successo tutto ciò di cui non potevo nemmeno parlare, sono stato sopraffatto dal dolore, e quando è stato ricoverato in ospedale in condizioni molto gravi, ho pensato a situazioni simili di persone che conoscevo che erano state in coma per molto tempo e che si è ripreso, e poi mi sono aggrappato a quella speranza. Non riesco nemmeno a spiegare a parole quanto sia stato terribile. E in quel momento non potevo nemmeno parlarne, e ora sento di doverlo raccontare alla gente come ne sono uscita, perché se un’altra madre avesse attraversato una situazione simile e in quel momento non potesse immaginare nient’altro che suo figlio sarebbe morto, voglio dirgli che c’era speranza. scoprire è stato come la luce alla fine del tunnel”, rivela con entusiasmo mentre ricorda il tragico momento che ha vissuto.

READ  Operazione carne trita: la vera storia di un cadavere ingannato dai nazisti

Quando suo figlio stava per morire, ebbe un’esperienza quasi mistica, a cui si aggrappava e per la quale ancora oggi è grata, commossa. Il giorno in cui Paco ha avuto l’incidente, quando è stato portato al British Hospital, l’ex moglie di mio fratello, la zia di Paco, mi ha detto: ‘Ho una Virgen del Cerro da radunare, è lei che va di casa in casa . Certo, le ho detto che l’amavo e me l’hanno portata in sanatorio. L’ho messa accanto al letto di mio figlio, in terapia intensiva, e lì ha passato tutta la degenza in ospedale. Un giorno, stavo accarezzando il collo di Paco e ho scattato una foto di quella fanciulla da sotto la sua testa. Non so chi l’abbia lasciato. Quando Paco è stato dimesso, ho voluto restituire la fanciulla, e lo stesso giorno la madre di uno dei compagni di classe di mio figlio mi ha chiamato e mi ha detto: A casa? ‘. Non potevo crederci. E così la Vergine è rimasta di nuovo con noi, questa volta nella nostra casa. Una volta che l’ho restituito, un’altra madre che conosco mi ha detto che era andata a Salta e che aveva appeso un rosario a nome di mio figlio e che la Vergine mi aveva portato in dono. È stato un miracolo! Così quest’anno sono andato al pellegrinaggio della Vergine di Salta, quello che ho pianto non lo so spiegare. Questo posto è magico. E questo è stato molto toccante per me. Così mi sono aggrappata ad essa, alla Virgen del Cerro, per tenerla sempre più presente nel mio cuore, nelle mie preghiere. Penso che tali estremi ti portino molto vicino alla fede. A volte, dalla medicina non c’è altro da fare e bisogna aspettare. E in quel momento l’unica cosa che puoi chiedere è che tuo figlio si faccia avanti», ha rilasciato come per catarsi, parlando per la prima volta a cuore aperto di quel terribile episodio.

Toccante abbraccio di madre e figlio
Toccante abbraccio di madre e figlio

Quest’estate, con il figlio praticamente guarito e la figlia minore, Guadalupe, Caro si sta divertendo con suo marito Diego Meguto Vacanza a Punta del Este. Tuttavia, nei giorni scorsi, ha dovuto recarsi d’urgenza a Buenos Aires perché sua madre era peggiorata da un male incurabile di cui aveva sofferto ed è definitivamente deceduta martedì scorso.

Dopo l'incidente del figlio Paco, che gli è quasi costato la vita, Carolina Jimenez Aubert ha parlato per la prima volta
Dopo l’incidente del figlio Paco, che gli è quasi costato la vita, Carolina Jimenez Aubert ha parlato per la prima volta

“Siamo venuti in Uruguay il 25 dicembre, ma siamo dovuti tornare a Buenos Aires perché mia madre si è ammalata dopo Natale. Parliamo sempre con i miei fratelli”. Il Whatsapp, siamo così emozionati, e dopo 3 giorni di permanenza qui a Punta del Este, mia madre non ha comunicato tramite chat, si è preoccupata ed è tornata a Buenos Aires con Susana. L’abbiamo ricoverata ed è morta due giorni fa. Oggi sono tornato in Uruguay con grande tristezza, e anche per questo mi dispiace molto Bakùche ha perso i suoi nonni paterni l’anno scorso nell’incidente e ora sua nonna.

READ  Adrián Pallares ha fatto un'analisi acuta di Silvina Luna e della sua dura battaglia con Martín Salwe

La donna d’affari prevede di continuare la sua vacanza fino al 15 febbraio. “La nostra casa, che è vicino a Manantiales, è il mio posto nel mondo. Mi piace stare qui, è quel posto in cui arrivo e in una frazione di secondo mi stacco da tutto. Mi godo questo momento con la mia famiglia, con i ragazzi, fuori degli impegni di routine.” Paco è anche vicino a suo padre, che vive a un isolato e mezzo da casa mia, quindi va e viene da un posto all’altro più facilmente. atrio È felice anche a casa e con i suoi amici ”, sottolinea il direttore del counseling Jiménez Aubert & Co.

Carolina Jimenez Hubert si gode le vacanze della sua famiglia dopo il tragico incidente del figlio maggiore (RS Photos)
Carolina Jimenez Hubert si gode le vacanze della sua famiglia dopo il tragico incidente del figlio maggiore (RS Photos)

In questo piano accogliente, Carolina mostra il suo comfort vicino al mare. “Quasi ogni giorno andiamo in spiaggia, ne approfitto per cucinare, cosa che amo e a Buenos Aires non ho molto tempo per farlo. Ogni pomeriggio andiamo al mare a guardare il tramonto. Ci piace , andiamo tutti, con i ragazzi e anche con il cane”, ha detto con un sorriso.

Quando Carolina parla di sua sorella, il suo tono di voce cambia, è felice. “Con Susanna ci vediamo spesso, passiamo il capodanno insieme ed è un’abitudine che cerchiamo sempre di fare quella festa con i fratelli. Una delle ultime volte che dovevo volare a Buenos Aires per vedere mia madre, sono venuta di nuovo con lei. Adoro condividere la vita con lei, è un genio.” Così divertente, così meraviglioso, quindi, la sua compagnia è adorabile. È una di quelle persone con cui ti siedi per condividere un po’ di tempo e lasciare tutto pieno di emozione. Tutto ti dice che è sempre adorabile, in tutto ciò che mi coinvolge e mi sostiene, mette in risalto le mie virtù. È una persona fantastica. Anche lei simpatica, carina, divertente, ci piace davvero stare insieme “, ammette.

READ  La prima foto di Bata Villanueva, a due mesi dall'incidente che ha messo in pericolo la sua vita

Continuare a leggere: