Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Carlos Tevez si è rivolto a un allenatore per aiutare i giocatori ed essere una delle élite in DT

“Carlos vuole imparare a comunicare, guidare e formare le squadre. Ha obiettivi chiari. È stato un giocatore eccezionale e vuole diventare un allenatore eccezionale”. La frase corrisponde a Roberto Rossi, Allenatore Carlos lavora con sembri Alla ricerca di perfezionarsi nel suo nuovo incarico di allenatore, in questo caso Centro. L’idea di DT è quella di aggiungere più conoscenze a quelle acquisite durante la sua vasta carriera di giocatore e giocando ai massimi livelli. Per questo intende lavorare a un progetto globale per il giocatore. “Il giocatore è come un essere umano”, ha aggiunto l’allenatore.

“Carlos è stato un giocatore eccezionale e vuole diventare un allenatore superiore. Si allena amplificando tutte le aree. In altre parole, lavora meticolosamente sugli approcci, e sulle conversazioni, su come differenziare i motivi delle decisioni di squadra. Come funzionano la passione di squadra e quella degli allenatori. Ci sono molte situazioni, avversità e resilienza in cui Carlos ha conseguito il diploma di insegnante vita Attraverso gli eventi che ha dovuto vivere. “È il numero uno in cerca di formazione perché cerca una competizione alta”, ha detto Rossi in un’intervista al quotidiano digitale Infobae.

L’idea di un allenatore canaglia è di avere “Un giocatore che può integrarsi nella società. Un giocatore che studia anche se si allena. Aiutalo a distinguersi nella vita, perché non tutti i calciatori diventano élite o altamente competitivi. Sta cercando lo sviluppo integrato del giocatore. Funziona anche su varie abilità naturali che possono portarlo in modo che domani possa svilupparsi anche nella vita e lasciare un segno, un’impronta, per un trattamento umano, perché lo sport è importante anche nella società”.

In seguito, l’allenatore ha osservato che l’obiettivo “è prepararlo alla vita. C’è un momento in cui il giocatore se ne va, una situazione molto forte. Si passa dal riconoscimento al silenzio assoluto. E infatti Ci sono molti casi di depressione. Poi, ma anche tante difficoltà economiche, i giocatori che si immaginavano potrebbero stare meglio economicamente e sono davvero molto complicati. E la visione di Carlos in questo è che il calciatore ha gli strumenti per gestire la vita, non solo nel calcio, ma può acquisire altre specialità in base al suo talento, guidandolo in termini di finanze in modo che non cada esattamente in questa produttività . Un sistema in cui la prima cosa che fanno è comprare una supercar e continuare a noleggiare, e iniziare a lavorare con i valori.

Rossi ha capito che quando ha incontrato Tevez c’era una squadra che lo ha sorpreso molto. “La prima impressione è stata di trovarsi di fronte a una grande persona per la sua umiltà”.

“Mi ha sempre fatto una buona impressione come la maggior parte delle persone. È così simpatico. È anche un vincitore perché ha vinto in Argentina, ha vinto in Brasile, ha vinto in Inghilterra, ha vinto in Italia, ha vinto i trofei. È appena uscito dal nulla e ha tenuto su. Lo vedi fisicamente e sembra pronto per giocare. In altre parole, si parla di disciplina. E ho incontrato una persona straordinaria, molto umile, molto retta. “Lo vedo come una persona molto semplice, molto convinto di ciò che vuole e desideroso di allenarsi”, ha detto l’allenatore con parole piene di lodi al pilota di Oriazole.

READ  Persecuzione in Nicaragua: la candidata presidenziale Cristina Chamorro deve affrontare un processo

“È molto concentrato sull’essere, prima di essere un buon calciatore, un buon essere umano. Questa è una sfida che richiede tempo e vive in una domanda perenne. Altro sul calcio. Siamo davvero una società di successo. Siamo in una società dove se vinci due partite sei il migliore, e se ne perdi due sei il peggiore, non dei due”, ha concluso Rossi.