Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Carlos Locoder: “Nella primavera del 2022 si raggiungerà il livello delle vendite del 2019” – Business – 19/09/2021

All’età di vent’anni inizia a collaborare con il padre, Luis E. Lecueder, che il 14 giugno 1971 fonda il proprio studio professionale che, 50 anni dopo, porta ancora il suo nome. È sposato con Raquelita Methul da 46 anni e ha sei figli e quindici nipoti. Prima di iniziare la conversazione con El País, si scusa e fa un’ultima telefonata. Il suo viso si illumina e si sente il rumore delle macchine in funzione. È entusiasta di iniziare la costruzione della zona franca del World Trade Center di Punta del Este. Tra gli altri progetti, la società sta attualmente sviluppando Carrasco Boating, Carrasco Valley e Minas Shopping Terminal, mentre incorona Plaza Italia.

Come è avvenuta la transizione alla leadership nello studio costruito da tuo padre?

– Mio padre è stato a capo dello studio per 23 anni e io ne ho compiuti 27, quindi non ricevo un “post” da mio padre perché lavoro con lui dal primo giorno in cui ha aperto lo studio. Quindi il giorno in cui non c’era, c’è stata una transizione naturale. La principale eredità lasciatami da mio padre sono i principi morali, il lavoro e la responsabilità. Memorizzare le proprie parole e sapere che le cose si fanno con fatica. Il mio più grande successo non è fare un altro progetto, ma questa “posizione”, quando non ci sono, i miei figli prendono il sopravvento. E sapranno come andare avanti. È normale.

Dove trovi la motivazione per continuare ogni giorno con questa forza pionieristica?

Dedico la mia vita, prima alla mia famiglia, e poi al mio lavoro. E condivido questo lavoro con la famiglia che viene da forza e ispirazione, con mia moglie che si occupa di temi che si discutono anche al tavolo familiare e con i miei figli che lavorano con me. I miei hobby sono il calcio e la vela, ma anche il lavoro. Lo faccio perché lo amo e sento che quello che faccio è buono, e oggi mi sento bene anche a lavorare con i miei figli. Qual è la massima felicità di lavorare circondato dai miei figli? Ci sono cinque ragionieri e un ingegnere associati alla fase di costruzione dei vari progetti. Le funzioni di ciascuno di essi sono assegnate e c’è anche il lavoro di squadra. Il punto è che ognuno ottiene il lavoro per ciò che è stato impostato e non viene assegnato un compito per essere familiare.

READ  Da dicembre 2019, nel settore sono stati creati 36.000 posti di lavoro ufficiali

– Come sono stati quei primi giorni dell’emergenza sanitaria?

– Martedì 17, abbiamo chiamato il governo e abbiamo deciso di chiudere i centri commerciali. Tutto era spento. La risposta è stata improvvisamente molto difficile… Il fatto è che mi metto sotto i piedi del governo e mi dico: “Povero governo, ci vogliono tante idee da realizzare e dopo dieci giorni il Paese è chiuso”.

Nei centri commerciali dovevamo fare un piano per salvarci perché le aziende chiuse, dopo un certo tempo, muoiono. Quanto tempo regge il corpo senza respirare? E nel caso delle aziende è lo stesso… Abbiamo dovuto studiare non solo come sopravvivere, ma anche come aiutare i trader a sopravvivere. Questo ha permesso oggi che non ci siano praticamente posti chiusi nei centri commerciali. Ci sono anche molti, molti feriti gravi, ma quasi nessuno mortale.

– All’inizio dell’epidemia, in una situazione unica al mondo, si sono aperte le porte del Plaza Italia.

—Se a marzo 2020 mi hanno chiesto del centro commerciale Plaza Italia, infatti a quel punto stavo cercando di salvare ciò che era vivo. Nella pandemia abbiamo perso tutti. Pochissimi i settori vinti. Abbiamo bloccato le spese per tre mesi senza avere entrate e debiti da saldare. Visto che i grandi magazzini potevano continuare a funzionare e volevano aprire (in Plaza Italia), abbiamo deciso che dovevamo andare avanti. È stato fatto un grande lavoro e siamo stati in grado di aprire Plaza Italia in tre fasi, il che è piuttosto unico. Ora apriremo l’outlet con circa 25 negozi e food court, e aprirà il Plaza Italia.

Quando pensi che verrà valutata la performance di Plaza Italia?

– Tra sei mesi o un anno perché è un progetto che si apre quando le persone non hanno ancora ripreso l’abitudine di andare al centro commerciale. Settimana dopo settimana, nei centri commerciali riprendono le abitudini di acquisto, perché le persone si rendono conto che non esistono malattie contagiose. Ci sono ancora limitazioni di capacità nei cinema e nelle mense, che portano le persone a fare una passeggiata. A progetto in corso, prevedevamo una media di 15.000 visite al giorno al centro commerciale Plaza Italia, ovvero 450.000 visite al mese. Questo è il numero a cui miravamo per avere un progetto di successo. Senza dubbio, in questo ultimo trimestre dell’anno, saremo il 25% in meno e saremo assorbiti. Come altri centri commerciali, quando abbiamo riaperto l’anno scorso, il traffico era diminuito del 50% e oggi è sceso del 20%. Entro un anno, stimo che saremo in calo del 10% e a poco a poco queste abitudini si riprenderanno.

READ  La disoccupazione nell'eurozona è scesa al 7,5% ad agosto, un decimo in meno rispetto a luglio

La TLC dovrebbe essere trattata con “un po’ di attenzione”

La grande crescita in Uruguay avverrà quando le esportazioni raddoppieranno. Se vogliamo che i nostri dipendenti ottengano un lavoro, produrremo per noi stessi, in un paese chiuso con barriere tariffarie? “

“Voglio che l’Uruguay produca 7000 milioni di persone che abitano il pianeta. Quindi bisogna arrivare senza tasse o barriere doganali. Si può pensare in un altro modo: dall’estero arriveranno più prodotti che faranno concorrenza a quelli uruguaiani. È un dato di fatto. Ma questa è la vita, c’è competizione”.

“Ho un parere positivo sugli accordi di libero scambio, che vanno fatti con una certa cautela, per difendere alcuni settori, con transizioni per raddrizzare le cose. Il commercio non ha colore politico”.

Ha evidenziato gli sforzi del governo per combattere la pandemia e il piano nazionale di vaccinazione COVID. Come vede i progressi nella rivitalizzazione economica?

Siamo ancora al di sotto dei livelli pre-pandemia. Il governo prevede una crescita del 3,5% del PIL per quest’anno, ma nel 2020 c’è stato un calo ancora maggiore. Tra il 2004 e il 2015 ci sono stati ben undici anni. I prezzi delle materie prime sono aumentati, così come il capitale che è entrato in Uruguay per fare investimenti, quindi le cose sono cresciute. Nel 2015 l’economia ha iniziato a rallentare. Da un lato, la situazione internazionale che giocava contro il deficit fiscale del governo, e dall’altro, cominciava a limitare le prospettive di un suo rafforzamento. Tutte queste cose hanno determinato che l’economia stava iniziando a rallentare. Le vendite dei centri commerciali sono leggermente diminuite nel 2016, 2017 e 2018. Non c’è stata recessione ma recessione. D’altronde già nel 2019 c’è stata una recessione, con un calo delle vendite. Nel marzo 2020, l’epidemia è diminuita in un momento in cui le vendite non erano fiorenti.

– Quali sono le aspettative dei centri commerciali in questi cinque anni del nuovo governo?

– L’idea non era quella di ripristinare i livelli del 2019, ma gli anni precedenti erano migliori. Oggi il primo passo è entrare nel 2019 e poi continuare a recuperare.

—Quando stimi che le vendite dei centri commerciali raggiungeranno il livello del 2019?

Si accederà nella primavera del 2022.

READ  +++ Coronavirus oggi: COVID-19 torna al centro della scena a Tokyo 2020 +++ | mondo | DW

– Cosa ci si può aspettare da questa nuova ondata di investitori e imprenditori arrivati ​​dall’Argentina?

– La prima ondata di argentini che è arrivata a Punta del Este ci ha lasciato la migliore spa del Sud America. Nella soia, ci hanno insegnato a coltivare e seminare il raccolto uruguaiano. Il settore agricolo dell’Uruguay è eccellente e dinamico, ma non c’è dubbio che il fallimento delle aziende argentine ha migliorato la produttività. L’Uruguay deve offrire agli argentini quello che non hanno nel loro Paese: stabilità politica, serietà nelle istituzioni, rispetto delle regole. L’Uruguay ha tutto. Se gli argentini si stabilissero in Uruguay, lavorassero e li esportassero nel mondo, farebbero molto bene. E c’è un motivo contro di noi: i costi dell’Uruguay sono troppo alti perché abbiamo il peso del Paese.

– Qual è la tua visione del ruolo dello Stato e della creazione di nuove tasse?

Il mondo di oggi mostra chiaramente che il motore della crescita delle economie è il settore privato. Per crescere deve essere stimolata perché, in questo mondo globalizzato, le persone stanno investendo altrove. Una nuova tassa significa scoraggiamento degli investimenti. Quello che voglio è che le tasse siano basse e sufficienti per finanziare uno Stato efficiente e giusto. Vogliamo uno Stato che partecipi alla vita della società, alla redistribuzione e all’aiuto dei più deboli. Perché lo Stato faccia tutto questo, servono fondi. Chiedo solo che i soldi ricevuti dallo Stato siano ben gestiti e non sprecati.

– Le riforme strutturali annunciate dall’attuale governo sono rallentate?

Ci sono due fattori contro cui giocano. Il motivo principale è l’epidemia, che ha rallentato tutto. L’altro è che il sistema politico in Uruguay è lento ma anche molto pericoloso. LUC ha già suggerito riforme incombenti per quanto riguarda la questione della sicurezza. E altre di quelle riforme a venire.

– C’è una nuova spinta alla penisola con il nuovo World Trade Center situato di fronte alla scuola pubblica di Punta del Este?

– L’area tra Plaza de los Artesanos e Concorde Exane è rimasta in fase di sviluppo e sarà rivitalizzata dal WTC Punta del Este. L’importo dell’investimento è di 35 milioni di dollari USA ei lavori saranno completati in tre anni. Si stima che vi lavoreranno 1.000 persone al giorno, che si sposteranno nel settore gastronomico e dei servizi. Come l’apertura a fine mese di Plaza Italia, la cosa bella è che creiamo posti di lavoro quando il Paese ne ha più bisogno.