Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Carlem Lopez non risponde alle domande del Congresso: “Chiedo, nell’esercizio del mio diritto costituzionale, di tacere”

Successivamente la sessione del Comitato di Vigilanza e Monitoraggio è stata temporaneamente sospesa Carlo López Il suo avvocato ha detto che si sarebbe astenuta dal testimoniare, invocando il suo diritto al silenzio.

Il 15 febbraio, dopo non aver assistito, due convocazioni del detto comitato Congresso della RepubblicaL’imprenditrice ha precisato che i fatti su cui stanno indagando sono simili a quelli indagati dalla Procura della Repubblica, non avendo ancora reso la sua dichiarazione.

“Signor Presidente, i fatti oggetto di questa commissione sono identici o relativi a quelli che sono oggetto di un’indagine davanti alla Procura della Repubblica, alla quale partecipo attivamente e non ho ancora rilasciato alcuna dichiarazione. Per questo motivo , ti chiedo, nell’esercizio del mio diritto costituzionale, di rimanere in silenzio”, ha detto Lopez zoomando. .

Nonostante ciò, il capo della commissione, Hector José Ventura Angel, ha chiesto di leggere i meccanismi e gli obblighi dei ricercati, tra cui la loro testimonianza sui fatti indagati.

A questo punto si entra L’avvocato di López Arredondo, Cesar PerezChi è il Ha osservato che il diritto al silenzio è protetto dalla costituzione politica del Perù.

“Uno dei limiti (allo svolgimento dei comitati di revisione contabile) è basato sul rispetto della costituzione e, quindi, del giusto processo. Da questo punto di vista, il diritto al silenzio, invocato dal mio sponsor, si trova nella costituzione”.disse l’avvocato.

L’avvocato ha anche giustificato questa richiesta, come precedentemente affermato da Lopez, che la commissione ponesse le stesse domande che farebbe l’ufficio del procuratore generale.

“Impossibile (cancellare) la linea di interrogatorio seguita nelle varie sessioni di questa commissione con oggetto di indagine in Procura della Repubblica, Le domande sono le stesse, signore. Pertanto, poiché è fisicamente impossibile eguagliare questo, la raccomandazione che Abbiamo dato alla nostra cliente la sua accettazione del diritto al silenzio riconosciuto dalla costituzione, e questo per rispetto a cui ci riferiamo in questa (audizione)annunciato.

READ  Medicina fetale: la salute di un bambino inizia nove mesi prima della nascita

Poi la seduta è stata momentaneamente sospesa.

Carlem Lopez ha invocato il suo diritto costituzionale di rimanere in silenzio, di astenersi dal rispondere alle domande del Congressional Oversight Committee e degli osservatori. | Video: Congresso della Repubblica

Quando l’udienza riprende, l’investigatore indaga Ha risposto alle domande, invocando il suo diritto costituzionale al silenzio.

Ha detto: “Questo è un mio diritto, non eviterò nulla e coopererò a tutte le indagini a livello di accusa, ma oggi rivendico un diritto che mi autorizza”.

8 mesi ti impediscono di lasciare il Paese

Il 2 febbraio l’a Autorizzazione Spero questo pomeriggio 8 mesi ostacoli per lasciare il Paese contro Carlem Lopez, Direttore Generale di Petroperú, Hugo Chávez Arevalo; Samir Abu Dayeh, proprietario di Heaven Petroleum; Altri funzionari sono coinvolti nelle indagini sulle presunte irregolarità scoperte nell’acquisizione da parte di Petrobero del biodiesel B100 da Abu Daya.

“L’Ufficio del Pubblico Ministero (MP) ha chiesto alla magistratura di impedire a Carlem López Arredondo di lasciare il Paese per 8 mesi; il direttore generale di Petroperú, Hugo Chávez Arevalo; e altri funzionari di questa società statale, sono indagati per il presunto reato minore di complicità”, PJ ha annunciato tramite un tweet.

Ricordiamo che il pubblico ministero Nora Cordova È la persona che guida le indagini sull’offerta da 74 milioni di dollari vinta da Abu Dayyeh, che doveva incontrare l’imprenditrice Pedro Castillo. Carlo López e direttore generale di Petroperoe Hugo Chavez Arevalo Nel palazzo del governo.

Cassetta Petropero

Dopo che sono stati svelati i presunti incontri tra il presidente; Hugo Chávez, Direttore Generale, Petroperú; Carlem Lopez, consulente e imprenditrice; e il proprietario Operatori petroliferi del paradiso, Petroperú ha annullato il contratto di appalto. Tuttavia, giorni dopo, il bravo professionista è stato premiato per riacquistare il biodiesel B100 nella compagnia di schiavi.

READ  Preparati per un weekend da sogno calcistico

Continuare a leggere