Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Carezze, indispensabili per il benessere e la felicità dei bambini e per chi non lo è più | famiglia | mamme e papà

Il contatto fisico dei bambini è essenziale per il loro benessere e sviluppo quanto l’alimentazione. Non è un caso che abbiamo milioni di connessioni neurali nella pelle, che è l’organo più esteso del nostro corpo. La scienza supporta questa affermazione e conclude con diversi studi condotti negli orfanotrofi e negli ospedali pediatrici. Ad esempio, il medico americano Fritz Talbot Ho scoperto in un’indagine condotta prima della prima guerra mondiale in Germania che il tasso di mortalità nel centro di accoglienza per orfani era molto basso perché l’infermiera portava i bambini in braccio per molte ore, il che aumentava le loro possibilità di sopravvivenza. Un altro studio più recente, È stato preparato nel 2020 da ricercatori italiani e inglesiha concluso che il contatto emotivo è efficace nel ridurre la risposta allo stress dei bambini, migliorare il loro sviluppo fisico e neurocognitivo e modulare il loro stato fisiologico.

Ed è che le persone hanno bisogno di sentire altre pelli dalla nascita. dice Montserrat Diaz, un neuropsicologo Centro Comprensivo San Lorenzo a San Lorenzo de El Escorial. Il pianto del bambino si placa quando viene cullato tra le sue braccia: “Ci piace che tocchino la nostra pelle, e anche che lo facciano in modo gentile, consapevole e caloroso”.

La vita quotidiana offre molte possibilità per l’alimentazione I bambini hanno bisogno di contatti come abbracci, Oscillare, baciare, dare una bottiglia per coccolarsi, vestirsi, fare il bagno, cambiare un pannolino, massaggiare o tenere. “Tutto questo significa un contatto diretto con il bambino o il minore, che stimola il suo senso del tatto. Ma per essere efficace, deve essere fatto con attenzione, dolcezza e dedizione, perché influisce molto sullo sviluppo sano e armonioso dei bambini “. sottolinea il neuropsicologo. Secondo Diaz, gli esseri umani sono predisposti e programmati a ricevere stimoli dal mondo attraverso il tatto: “L’assenza di questo contatto fisico può causare un rallentamento della crescita e dello sviluppo anatomico del cervello nei bambini”.

READ  Gli studenti di Guanajuato viaggiano verso l'Himalaya attraverso la tecnologia - Dipendenze Politen

Un altro modo per promuovere il benessere attraverso il contatto pelle a pelle, soprattutto nei bambini, è il massaggio. Praticandolo si riduce lo stress dei genitori e ovviamente del bambino: “Inoltre, influisce maggiormente sull’aumento di peso e migliora la quantità e la qualità del sonno. Nel caso di neonati prematuri È stato dimostrato che migliorano il sistema immunitario, facilitano la digestione e aumentano la presenza di ormoni che promuovono la salute come l’ossitocina, la serotonina o la dopamina.

Abbracci e carezze non hanno controindicazioni

I bambini vengono viziati da troppe coccole? Per Erika Jimenez, neurologa dell’ospedale Ospedale Re Juan Carlos Mostoles di Madrid, Questa domanda è una credenza superata che è stata confutata: “Baciarli e baciarli provoca il rilascio di ormoni, come l’ossitocina e le endorfine, che producono felicità e benessere e generano rilassamento e calma”. In questo modo, come spiega Jimenez, in futuro saranno più sicuri e coraggiosi degli adulti, con una buona autostima, soffriranno meno disturbi fisici e avranno un sistema immunitario sano: «Più il bambino è difficile, più amore, carezze e baci di cui ha bisogno, perché senza dubbio non ci sono controindicazioni”.

Esiste infatti un metodo specifico per i prematuri, chiamato canguro o metodo pelle a pelle, che ha cominciato ad essere applicato in Colombia nel 1978 come strategia contro la carenza di incubatrici negli ospedali: «È risultato utile per i neonati perché li aiuta a regolare la temperatura corporea, a nutrirli con il latte materno più a lungo e a dormire meglio», spiega l’esperta.

L’importanza del contatto fisico a qualsiasi età

Testare il senso del tatto è fondamentale fin dalla nascita, ma anche a qualsiasi età. Ciò facilita una “connessione emotiva più profonda e onesta”, spiega Gonzalo de Casso, psicologo del Center Nodos, uno studio di psicoterapia e scuola per genitori. “Ad esempio, ci sono persone con un alto grado di demenza che non sono in grado di comprendere e sviluppare un discorso verbale coerente e sono sensibili alle manifestazioni di affetto attraverso le carezze o il contatto fisico”, aggiunge.

READ  Gli esperti sceglieranno la migliore empanada di Santiago nel 2022

Per l’esperta, il linguaggio del contatto corporeo è universale e di facile comprensione per i bambini: “Vanno amati, anche se ognuno è diverso dall’altro e sviluppa personalità, preferenze e stile di relazione diversi”. In questo senso, spiega, il tatto è essenziale per lo sviluppo umano, soprattutto all’inizio della vita, perché è la nostra principale risorsa per stabilire un contatto con il mondo.

Puoi seguire Mamas & Papas su Twitter FacebookE il Cinguettio Oppure registrati qui per ricevere Newsletter ogni due settimane.