Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Capo della mafia italiana, arrestato a Guernica, era l’anello di congiunzione tra il Sudamerica e l’Europa

Dal 2015 Maiorano è indagato dalla procura antimafia di Cadanzaro nella regione Calabria del sud Italia e uno dei membri della mafia Entrangetta.

Un uomo di 68 anni è stato arrestato a Buenos Aires, Guernica, e accusato di farne parte. Ndrangheta mafiosa italiana Era il principale collegamento tra il Sud America e l’Europa, con l’Argentina come uno dei suoi indicatori Si ritiene che il traffico di cocaina e il traffico di droga siano coinvolti dal 2009Lo hanno reso noto fonti giudiziarie e di polizia martedì.

Si tratta di Carime Alfonso Maiorano, da sette anni in allerta rossa dall’Interpol ed è stato arrestato qualche giorno fa da agenti del Dipartimento di intelligence antimafia della Polizia federale argentina (PFA) nella sua abitazione nella già citata Calle 126 al 300. A sud della città di Buenos Aires, l’area del partito del presidente Perón.

Secondo le fonti, per Telum, Maiorano è indagato dal 2015 È stato accusato da un procuratore antimafia di Catanzaro nella regione Calabria del sud Italia e uno dei membri dell’organizzazione mafiosa Entrangetta.

Secondo l’Avviso rosso dell’Interpol – a cui Telum aveva accesso -, Maiorano era “incaricato di facilitare la collaborazione e la comunicazione diretta tra i leader italiani, dai quali riceveva ordini, e cabos sudamericani”.

È stato arrestato nella sua abitazione nella città di Guernica, un sobborgo del presidente Berna, a sud della periferia di Buenos Aires Screenshot della foto
È stato arrestato nella sua casa nella città di Guernica, a sud della periferia di Buenos Aires del leader del partito Perón / screenshot della foto

Ndrangheta mafiosa italiana

“Questo gruppo criminale è in grado di importare grandi quantità di cocaina in Italia dal 2009, soprattutto attraverso un noto porto di Goia Tauro, Reggio Calabria. La maggior parte degli incidenti è avvenuta e sono stati rilevati nei piccoli comuni italiani di Corigliano Calabro e Cassano Ionio , entrambi in provincia di Cosenza” citano nella relazione.

Un investigatore ha spiegato a Delum: “Maorano è il capo più alto della Ndrangheta in Argentina. Inoltre, è il principale collegamento con l’Europa per il contrabbando di cocaina tra i principali trafficanti di droga di Argentina, Bolivia, Colombia, Paraguay e Brasile”.

READ  La corazzata Cristóbal Colon arriva in Italia prima di essere utilizzata nelle manovre di Mare Aberto.

Il giudice italiano lo ha anche accusato di coordinare i rapporti commerciali, le esportazioni di droga e il traffico di armi, gestiti dalla mafia italiana in Sud America, principalmente con i suoi omologhi albanesi in Europa.

Via della droga

Nel dettaglio nell’inchiesta, il percorso del farmaco È iniziato in Paraguay, è passato attraverso l’Argentina e si è concluso nella città brasiliana di Santos.Da dove era Inviato in EuropaPrincipalmente Italia e Albania.

Uno dei porti in cui veniva imposta la droga era Gioia Taro in Calabria, uno dei più grandi del Vecchio Continente.

“Per arrivarci doveva attraversare il Mediterraneo, attraverso Gibilterra, quindi probabilmente si sono fermati in Africa”.Il ricercatore ha spiegato.

Mandato d’arresto internazionale

Maiorano, che dal 2015 ha un mandato d’arresto internazionale tramite un’allerta rossa dell’Interpol, sarebbe arrivato in Argentina prima del 2014, anche se le indagini hanno rivelato che dal 2009 è legato agli affari della mafia calabrese in Sud America.

“Negli anni ha trasportato migliaia di chili”, spiega un’indagine, che ha coinvolto anche reati in Sudamerica, tutti compiuti da investigatori italiani, motivo per cui Maiorano sarà ora processato. .di essere estradato per il processo nel suo paese.

L’uomo viveva a Guernica con la moglie argentina e un figlio italiano, dove vendeva auto ed era tassista della zona.

“È interessante come si è nascosto, sembrava un altro uomo di periferia. Parlava spagnolo e italiano. Aveva documenti argentini. È interessante che i calabresi cerchino di venire in Argentina perché qui non attirano l’attenzione”.disse l’analista.

Al momento del suo arresto Maiorano non aveva un cellulare, indicando che l’esperto era “un professionista che lavorava in modo tale che nessuno sapesse con chi stava parlando”.

READ  Francia dice no buscar despeciar a España o Italia por su control fronterizo

“La mafia italiana è un mistero. Dicono che non c’è ‘ndrangheta in Argentina, ma questo arresto, sommato all’arresto di Giancarlo Massidda a Berazategui nel 2018, lo dimostra”È stato aggiunto un sondaggio suggerito.

Fonti indicano che nel 2020, su iniziativa italiana, è stato creato all’Interpol il programma “I-CAN”, che mira a implementare un sistema globale di allerta rapida e realizzare una cooperazione multilaterale di polizia nella lotta alla Ndranghueta. custodia

giustizia italiana

Ora c’è la giustizia italiana 45 giorni per formalizzare le accuse contro Maiorano e chiederne l’estradizione Al Giudice Federale Federico Villena incaricato del Tribunale Penale e Correttivo Federale 1 di Lomas de Zamora, Procura Federale di Cecilia Incardona 2 nell’ambito del procedimento di intervento.

Secondo il giudice italiano, Maiorano rischia fino a 24 anni di reclusione per il reato previsto dalla legge sulla droga del Paese europeo.

  • È anonimo e gratuito

  • Per te stesso, puoi invitare qualcuno della tua famiglia o qualcuno che conosci.

  • 24 ore su 24, tutti i giorni dell’anno.

  • Concentrarsi sull’uso dei materiali, sull’informazione e sul supporto – www.sedronar.gob.ar