Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Capitale: la giustizia sociale è la garanzia più profonda nell’esercizio dei diritti umani delle persone

Nella Giornata della Memoria per la Verità e la Giustizia, il Viceré ha ricordato i 30.000 scomparsi che combattevano per una patria libera e sovrana; Ha ringraziato le madri e le nonne di Plaza de Mayo per la loro educazione al popolo argentino. Ha passato in rassegna le politiche generali attuate dallo Stato del Chaco in cerca di giustizia.

L’evento centrale della Giornata della memoria per la verità e la giustizia è stato guidato dal governatore Jorge Kapetanic e dal vice governatore Analia Rush Quiroga, che hanno evidenziato la mobilitazione dei residenti del Chaco nelle strade. “Oggi più che mai è il giorno in cui la magistratura deve garantire la giustizia sociale, che è la garanzia più profonda nell’esercizio dei diritti umani per il nostro popolo”, ha affermato il presidente.

Kapetanić ha osservato che il 24 marzo 1976 un colpo di stato ha imposto una dittatura genocida che ha portato alla scomparsa di 30mila persone, e a questo scopo ha creato più di 700 centri segreti di detenzione, tortura e sterminio in tutto il territorio nazionale. Oltre a catturare le identità di oltre 500 neonati e ragazzi.

“Ma includeva anche l’apparizione in Plaza de Mayo di madri e nonne coraggiose, a cui tutte le persone devono rispetto e apprezzamento, insieme alle loro figlie e figli che hanno combattuto per un paese giusto ed equo”, ha sottolineato. In questo senso, ha sottolineato che è stata la dittatura ad attuare un programma economico che ha portato il livello di povertà dal 4% al 36%. Ha sottolineato che “hanno cambiato la cultura produttiva della cultura finanziaria, cioè l’appropriazione di uno stato oppressivo”.

READ  Guerra Ucraina-Russia, live last minute | Sanchez annuncia a Zelensky un carico di più armi

Ha detto: “Stiamo ancora pagando il prezzo delle sue ripercussioni, perché sono i gruppi economici che hanno trascurato dalla Banca Centrale circa 22 miliardi di dollari, ed è qui che è nato il debito estero che richiede lo sviluppo indipendente e sovrano del nostro Paese “, sottolineando l’importanza delle persone che hanno una memoria.

“L’Argentina ha acquisito prestigio internazionale grazie al processo alla giunta militare e alla politica sui diritti umani applicata da Nestor e Cristina”, ha sottolineato e ha evidenziato la presenza di tanti, tanti compagni per le strade “che sono stati arrestati e torturati. Non hanno mai promosso vendetta , hanno promosso la giustizia”.

“Dal 10 dicembre 2007 abbiamo deciso di costituire la provincia come procuratore penale per i reati della dittatura militare. Oggi ricorda che ci sono mille detenuti nel Paese e giustizia è stata fatta nel Chaco. Ha affermato, inoltre, che lo Stato del Chaco è querelante nel processo per la verità sul massacro di Napalbi, un fatto fondamentale nella storia dell’oppressione e dei crimini contro l’umanità nella nostra provincia. Inoltre, ha creato una “Guardia dei diritti umani” e ha reso obbligatoria la formazione sui diritti umani per le tre autorità statali.

La giustizia deve denunciare i crimini contro l’umanità

“I crimini contro l’umanità non eliminano, ed è la giustizia che deve smascherare gli autori di questi crimini. È anche importante che tutte le persone unite siano in grado di resistere ai gruppi economici nazionali e internazionali dominanti che promuovono il capitalismo anarchico per limitare i diritti dei popoli , che porta a una battuta d’arresto per l’umanità.

“Oggi più che mai è un giorno della memoria. Oggi più che mai è un giorno della verità. Oggi più che mai è il giorno in cui la giustizia deve garantire la giustizia sociale, che è la garanzia più profonda nell’esercizio dei diritti umani per il nostro popolo” , ha concluso Kapetanić Poi lo ha ringraziato per aver dato la parola in un giorno così importante per gli argentini.

READ  Salute e medicina per tutti

La cerimonia per il 46° anniversario del colpo di stato del 1976 si è tenuta a Casa por la Memoria (l’ex centro di detenzione segreto della “Brigata Investigativa”), dopo una massiccia manifestazione a cui hanno partecipato organizzazioni e organizzazioni per i diritti umani. Politico, sociale, studentesco e sindacale. Largo al Festival della Memoria.

Ministro per i diritti umani e il genere, Silvana Perez; Presidente del Comitato Memoria Mauricio Amarilla; Ministro dell’Istruzione Aldo Lineras. Ministro della Pianificazione, delle Infrastrutture e dell’Economia, Santiago Pérez Ponce; Il sottosegretario al Ministero dei diritti umani, Nayla Bush. Rappresentanti delle organizzazioni per i diritti umani: HIJOS Regional Chaco, Commissione permanente per i diritti umani (CPDH), Associazione dei parenti dei detenuti scomparsi, Associazione degli ex prigionieri politici; Tra l’altro.

Per un Paese con memoria, libero e sovrano

Il ministro per i diritti umani, Silvana Pérez, ha sottolineato i partecipanti alla manifestazione: “Con forza e misticismo, Chaquinas e Chakinios chiedono memoria, verità e giustizia. Continuiamo a lottare per un Paese libero, sovrano, equo ed eguale”.

Intanto il presidente del Comitato regionale per la memoria, Mauricio Amarilla, ha sottolineato che oggi più che mai gli abitanti del Chaco hanno dedicato una bandiera “mai ripetuta” e una bandiera di “memoria, verità e giustizia”. “Al di là della recente retorica del diniego, Chaco ha identificato il 24 marzo prima e dopo questo”, ha detto, aggiungendo che “un appello di questa portata non si è mai materializzato”.

Allo stesso modo, è stato felice di poter correre di nuovo un grande rally dopo la pandemia. “Il nostro spazio è così potente e grato a tutte le organizzazioni sociali, politiche, studentesche e sindacali che ci consentono di partecipare a questa chiamata oggi”, ha affermato.

READ  Come far funzionare o valutare il tuo miglior farmaco (spoiler: vai in bicicletta)

D’altra parte, ha sottolineato che sono passate due generazioni e oggi c’è chi non sa nulla di quello che è successo 46 anni fa. “Per questo è necessario consolidare e incrementare le politiche e i programmi della memoria nell’istruzione e in tutti i campi”, ha affermato, concludendo che “la memoria sociale e quella politica non possono essere separate, ed è responsabilità dello Stato pubblicare integralmente storia di quello che è successo”.

Da parte sua, Nayla Bush ha sottolineato l’importanza di accompagnare le organizzazioni e gli organismi per i diritti umani nel Paese. “È un giorno per commemorare i 30.000 scomparsi ed è anche un giorno in cui dobbiamo celebrare la democrazia”, ​​ha detto, “Questo è un fatto del passato e del presente ed è per questo che oggi continuiamo a dire ricordo. Verità e giustizia attraverso quest’opera monumentale, ponendo la memoria come scienza fondamentale delle nostre istituzioni, della nostra democrazia e della nostra società”.