Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Bruxelles cerca di porre fine al conflitto tra Francia e Italia sull’immigrazione Internazionale

I ministri dell’Interno dell’Unione Europea si sono riuniti questo venerdì in un appello straordinario per cercare di affrontare le tensioni tra i due maggiori membri del club sociale, Italia e Francia, sul Mediterraneo e sul destino dei migranti soccorsi nel Mediterraneo. Analizzare l’aumento migratorio di quasi tutte le rotte che portano al continente. Con così tanti fronti aperti, una situazione economica complicata e la possibilità che la guerra della Russia in Ucraina si trascini e il Cremlino acuisca la sua strumentalizzazione delle ondate di migranti, la Commissione europea vuole andare avanti e ridurre le tensioni su una questione che è sempre stata calda. All’interno dell’UE e ha creato differenze tra gli Stati membri dalla crisi dell’asilo del 2015.

L’incontro si è svolto sullo sfondo del conflitto tra Parigi e Roma, il governo italiano, guidato dall’estrema destra Giorgia Meloni, ha rifiutato di rilasciare più di 200 migranti soccorsi dalla nave Ocean Viking battente bandiera francese e finalmente accettati in Francia l’11 novembre. L’incidente non solo ha suscitato critiche da parte delle organizzazioni umanitarie e della Commissione, ma ha anche messo in guardia l’Italia dal suo “obbligo morale e legale” di soccorrere i migranti in mare; Ma la tragedia di Parigi, che ha criticato la mancanza di “umanità e di “solidarietà europea” della Meloni. La Francia ha annunciato l’intenzione di sospendere la ricollocazione volontaria di 3.500 profughi dall’Italia e recedere dall’accordo di distribuzione della migrazione del 2020, non si è concretizzata.

La Commissione europea ha dato ai ministri questo venerdì, come parte di uno sforzo per affrontare lo shock e la preoccupazione di altri paesi. Un piano in venti punti volto a contrastare la crescente migrazione Nel Mediterraneo centrale. Il quadro, che non introduce nuove misure, cerca di rafforzare sostanzialmente la cooperazione con i paesi terzi e di stabilire un maggiore coordinamento tra gli Stati membri in materia di ricerca e soccorso. “Non possiamo lavorare crisi dopo crisi, nave dopo nave, incidente dopo incidente”, ha sottolineato il vicepresidente della Commissione europea Margaritis Schinas. “Serve un quadro unico basato sul diritto Ue”, ha aggiunto il commissario europeo per lo stile di vita, che ha esortato i ventisette ad andare avanti con nuove misure legali sull’immigrazione.

READ  L'Italia accusa "pratiche irregolari" dietro l'aumento del prezzo del carburante

Parigi non si mosse

L’incontro di venerdì non ha cambiato la posizione della Francia, che dice che non accetterà più ricevimenti se non saranno coinvolti altri Paesi. Quest’anno circa 90.000 migranti e rifugiati hanno raggiunto l’UE via mare attraverso il Mediterraneo centrale, dal Nord Africa a Malta o in Italia; Il 50% in più rispetto al 2021. I paesi dell’UE meridionale avvertono anche di una maggiore pressione e di un minore sostegno da parte di altri paesi. “Il problema dell’immigrazione irregolare non riguarda solo i Paesi di arrivo, ma l’intera Unione Europea”, ha affermato il ministro spagnolo Fernando Grande-Marlasca.

Secondo i dati dell’agenzia per le frontiere dell’UE Frontex, Gli arrivi sono aumentati su quasi tutte le rotte migratorie. Sono diminuiti solo negli Stretti e nelle Isole Canarie. Nei primi dieci mesi dell’anno sono stati rilevati 275.000 ingressi irregolari alle frontiere esterne dell’UE, il 73% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e il record più alto nei primi dieci mesi del 2016, anche se di questo va tenuto conto. Ambiente post-pandemia. “La situazione è complicata in tutte le parti d’Europa”, ha sottolineato il ministro dell’Interno della Repubblica Ceca, Vit Ragusan, che presiede l’Unione europea questo semestre.

Unisciti a EL PAÍS per seguire tutte le notizie e leggere senza limiti.

Registrati

Senza contare il massiccio afflusso di ucraini dovuto alla guerra lanciata dalla Russia, l’aumento è dovuto principalmente a due rotte, ora in discussione e che causano tensioni: il Mediterraneo centrale, attraverso il quale sono entrate 65.572 persone (il 42% in più rispetto al 2021) fino a settembre, e nei Balcani occidentali (106.396 persone, un aumento del 170%). Obiettivo della Commissione europea è presentare al più presto un altro piano d’azione per la rotta dei Balcani occidentali, pronto per il vertice tra l’Ue ei leader di questi Paesi a Tirana il 6 dicembre, ha sottolineato Schinas. “L’immigrazione non dovrebbe essere una questione politica inebriante. Dobbiamo riportare la normalità al dibattito e continuare a dimostrare che l’Europa è parte della soluzione”, ha osservato il vicepresidente comunitario.

READ  Carla Vijotti confronta pratiche sanitarie e cerca supporto in Italia

Segui tutte le informazioni internazionali Facebook Y Cinguettioo dentro La nostra newsletter settimanale.

Iscriviti per continuare a leggere

Leggi senza limitazioni