Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Brasile: una settimana molto difficile per Jair Bolsonaro | Il presidente minaccia il collasso istituzionale

da Rio de Janeiro

Li avevamo Due clamorose sconfitte per l’estrema destra Jair BolsonaroUno atteso, l’altro sorprendente.

Martedì, La Camera seppellisce il disegno di legge che chiedeva il voto di ristampa, in sostituzione del sistema elettronico, introdotto nel 1996. Vale la pena ricordare che, contrariamente a quanto ripetutamente affermato dall’estrema destra, nel sistema attuale non vi era alcuna frode.

La sconfitta era prevedibile, ma non ha aiutato a calmare gli animi di Bolsonaro: ha continuato a chiedere “elezioni verificabili” per accettare l’esito delle elezioni presidenziali del prossimo anno, avvertendo di “gravi conseguenze” se “la maggior parte di noi non lo farà”. Fidati del conteggio ufficiale.

E ancora una volta scagliato con insolita aggressività Luis Roberto Barroso, che, oltre ad essere membro della Corte Suprema Federale, il più alto organo giudiziario del Paese, presiede la Corte Suprema Elettorale.

Ma venerdì è arrivato il colpo più potente: rispondendo a una richiesta della Polizia Federale, un altro membro della Corte Suprema che è stato bersaglio dello sdegno presidenziale, Alexandre de Moraese Seleziona la prigione di Roberto Jefferson (foto a sinistra con Bolsonaro), Il capo del partito di destra PTB e alleato arrabbiato di Bolsonaro.

La reazione del presidente è stata esattamente quella che gli specialisti consigliano di aspettare quando uno psicopatico è sconvolto: pura rabbia vendicativa. Ha annunciato che chiederà al Senato di rimuovere Moraes e Barroso (che ha già definito “un idiota”, “un deficiente” e “un figlio di puttana”, in un chiaro esempio di quello che considera il requiem della posizione che ha tiene).

Annunciando l’iniziativa, è tornato per la millesima volta a minacciare il collasso istituzionale. Bolsonaro moderato dice: “Tutti conoscono le conseguenze interne ed esterne del collasso istituzionale che non provochiamo né desideriamo”.

READ  Hanno trovato resti umani nel carrello di atterraggio dell'aereo che ha lasciato Kabul

Chi scrive per lui questi testi mantiene lo stesso stile: confusione, con errori grammaticali, soprattutto nelle consonanze. E con cataratta da manipolazione e allusioni alla menzogna.

Il testo di ieri, anche se non menziona direttamente Roberto Jefferson, dice che i residenti non accetteranno passivamente le continue violazioni della libertà di parola e le prigioni arbitrarie.

Roberto Jefferson è stato imprigionato per volere della Polizia Federale. Questa richiesta è stata supportata da una denuncia che ha confermato la manipolazione delle informazioni sui social network, oltre a minacce di aggressione fisica a membri della magistratura e richieste di chiusura del Congresso, seguite da richieste di intervento militare. Dichiara anche di uccidere qualcuno Lola.

Ha anche invitato gli assassini alleati del clan presidenziale a muoversi contro i “comunisti”, cioè coloro che si oppongono al governo.

Bolsonaro considera un diritto costituzionale fare tutto questo. Dopotutto, dice, si esercita la libertà di espressione.

Roberto Jefferson è noto per aver rappresentato la peggiore e la più brutta della politica brasiliana. Un manipolatore a buon mercato, si è alleato – rigorosamente – con tutti i governi dal ritorno della democrazia.

Divenne famoso quando, durante la prima presidenza di Lula, denunciò l’esistenza di un “mensalão”, che consiste nell’acquisto da parte del governo dei voti dei deputati per l’approvazione dei loro progetti di legge in assemblea in cambio di pagamenti mensili.

L’esistenza di un tale meccanismo non è stata dimostrata. Ciò che può essere dimostrato è che molti debiti elettorali di partiti alleati con il governo di Lula sono stati coperti illegalmente.

Una campagna così maligna ha avuto enormi ripercussioni sui media dominanti e ha quasi impedito la rielezione di Lula.

READ  Le ambasciate degli Stati Uniti e del Regno Unito in Afghanistan hanno esortato i loro cittadini a lasciare il Paese "il prima possibile" a causa dell'avanzata dei talebani

I media non si sono azzardati ad avanzare su un punto chiave: un alleato di Jefferson è stato cacciato da una posizione importante quando montagne di risorse pubbliche sono state deviate. Segnalare “mensalão” è stata la sua vendetta.

Ora, con Bolsonaro, ha superato tutte le oscenità apparse durante la sua carriera politica. La verità è che Entrambi valgono.