Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Bolivia: la ragazza violentata dalla nonna ha avuto un parto prematuro

Attiviste femministe protestano davanti al Percy Boland Hospital for Women a Santa Cruz, in Bolivia, in una foto d’archivio. EFE / Juan Carlos Torrejon

Lo denunciano gli avvocati della madre della ragazzina di 11 anni violentata dalla nonna e rimasta incinta in Bolivia. La più piccola ha avuto un parto prematuroLo hanno riferito sabato i media locali.

L’undicenne, rimasta incinta dopo essere stata aggredita sessualmente dal nonno, Rimase nell’orfanotrofio della Chiesa cattolica per diversi giorni, Da dove è stata portata in un ospedale della città di Santa Cruz, dove, secondo la denuncia, è stata operata.

Che bisogno hanno le autorità statali di accelerare il parto, saranno responsabili se succede qualcosa di peggio con questo bambinoLo ha confermato l’avvocato Nestor Higa, secondo quanto riportato dai media locali.

La difesa ha indicato che il Collegio dei Reclami ha coordinato il trasferimento della ragazza in ospedale e ha denunciato la separazione della madre dalla ragazza, definendola “violenta persecuzione” da parte delle autorità.

Il difensore civico aveva già sporto denuncia contro la chiesa, i funzionari dell’ospedale e il difensore civico comunale. Dall’infanzia e dall’adolescenza a Yabakani, Santa Cruz e successivamente la Corte di giustizia regionale di La Paz ha concesso a questa istituzione la tutela della ragazza per la sua valutazione medica.

Allo stesso modo, il Ministero della Salute ha costituito un’équipe di dieci specialisti tra psicologi, ginecologi e psichiatri, tra gli altri, per effettuare una valutazione “tecnica rigorosa” dello stato di salute della ragazza che ha già subito Circa 23 settimane di gravidanza.

Gli oppositori dell'aborto manifestano fuori dall'ospedale di Santa Cruz.  Le Nazioni Unite in Bolivia hanno osservato che sottoporre una ragazza a una gravidanza forzata
Gli oppositori dell’aborto manifestano fuori dall’ospedale di Santa Cruz. L’ONU in Bolivia rileva che sottoporre una ragazza a una gravidanza forzata “si qualifica come tortura” (EFE)

Al momento, le autorità non hanno emesso una sentenza in merito allo stato di salute della minore o alla procedura a cui è stata sottoposta.

READ  Il governo sta cercando di fare un altro passo nell'accordo con il Fondo monetario internazionale per determinare il futuro di Guzmán e Georgieva

Il caso dell’undicenne è diventato noto due settimane fa e ha scatenato un nuovo clamore e dibattito in Bolivia tra chi difendeva il diritto di una minore a boicottare la gravidanza e chi ne rifiutava la possibilità.

In un primo momento ha saputo che la madre della ragazza maltrattata aveva acconsentito ad abortire la minorenne, ma dopo essere stata avvicinata da un’organizzazione affiliata alla Chiesa cattolica, la donna ha rinunciato a interrompere la gravidanza. il minorenne.

La ragazza viveva nel comune di Yapakani, nel distretto orientale di Santa Cruz, sotto le sue cure. Una nonna di 61 anni (che è in custodia), i cui genitori viaggiano costantemente per lavoro.

questa settimana La madre della ragazza ha denunciato che non le è stato permesso di visitare la figlia nell’orfanotrofio della Chiesa cattolica dove si trovava.

Questo controverso caso è arrivato alla Commissione Interamericana dei Diritti Umani (IACHR), che ha esortato la Bolivia a proteggere le ragazze dalla gravidanza forzata, lo stesso caso in cui la madre di un minore è andata a chiedere misure precauzionali ed evitare l’interruzione del suo 11- gravidanza della figlia di un anno.

Da parte sua, le Nazioni Unite in Bolivia hanno sottolineato che Sottoporre una ragazza a una gravidanza forzata è considerato tortura. Ha esortato le autorità a intensificare gli sforzi per proteggere i diritti delle ragazze vittime di violenza sessuale.

L’aborto in Bolivia è un crimine ma secondo la legge Eccezioni quando c’è abuso sessuale, c’è una malformazione congenita o la vita della madre è in pericolo.

Secondo i dati di Casa de la Mujer, nel 2020 ci sono state 39.999 gravidanze per bambini di età inferiore ai 18 anni, il che significa che 104 ragazze rimangono incinte ogni giorno in Bolivia, di cui 6 hanno meno di 13 anni.

READ  Hanno trovato i corpi dei passeggeri dell'aereo scomparso nella Russia orientale

(Con informazioni da EFE)

Continuare a leggere: