Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Bolivia: Janine Anez avrebbe tentato il suicidio | Ore fa, è stata accusata di genocidio

L’ex presidente di fatto della Bolivia, Janine AnezSabato, il ministro del governo ha riferito che “l’autolesionismo” è sorto in una delle sue braccia nel carcere dove si trova, ma che la sua salute è “stabile” e presenta solo “qualche piccolo graffio”. Eduardo del Castillo. L’avvocato di Anez, Jorge Valda, ha detto che si trattava di un tentativo di suicidio. “Oggi, l’ex presidente costituzionale, Jeanine Anez, ha cercato di suicidarsi e ha fatto un tentativo, e grazie a Dio è fallito”, ha detto in un video che ha inviato alla stampa. Lo ha fatto per inviare un messaggio di aiuto, aiuto e angoscia”.

Mi dispiace informarla che la signora Anez avrebbe tentato di autolesionarsi nelle prime ore di questa giornata, però, Vi annunciamo che la vostra salute è completamente stabile. ha qualche Piccoli graffi su una delle tue braccia, però, Nulla di cui preoccuparsiLo ha detto il funzionario in conferenza stampa. Pagina 12 Ha provato a comunicare telefonicamente con Carolina Ribera Onez, la figlia dell’ex presidente di fatto, ma non ha risposto alle chiamate sul suo cellulare. Jose Llorente, addetto stampa del ministro del Castillo, autore dell’annuncio, non ha risposto alle lettere di questo storico.

Richieste corrispondenti sono state fatte alla signora Jeanine Anez, la quale dice che non sa per quali motivi avrebbe tentato di causare qualche tipo di danno, eppure lei: Lesioni superficiali che non hanno provocato alcun tipo di lesione graveDel Castillo ha aggiunto alla stampa. Inoltre, ha confermato che il personale medico del sistema carcerario determinerà se Anez avrà bisogno di una valutazione psichiatrica.

READ  Il brutto momento di Cynthia Fernandez nella sua piscina di casa: "È impuro"

“Non solo si preoccupano di ciascuno dei loro diritti umani, ma lo sono Privilegi su altre persone private della libertà. Il Studi medici corrispondenti Nelle varie istituzioni sanitarie del Dipartimento di La Paz e Tutti menzionano che la signora Jeanine Anez ha tutte le condizioni vitali per attendere il confinamento protettivo nel centro di Miraflores.‘, ha concluso il ministro del governo.

“Genocidio, lesioni gravi”

L’ufficio del procuratore generale venerdì ha presentato a Accusa ufficiale contro Anez Per gli eventi classificati provvisoriamente come “Genocidio, ferite gravi e ferite seguite dalla morte” dei massacri di Sankata e Scapa, Evento Dopo il golpe contro Evo Morales nel novembre 2019Lo ha annunciato il governo boliviano. Le accuse che Anez dovrà affrontare comportano una pena detentiva compresa tra 10 e 20 anni, secondo il codice penale boliviano.

L’accusa è stata presentata alla Corte Suprema di Giustizia, che deve chiedere l’autorizzazione al Congresso per processarlo. Attualmente il Movimento Socialista Americano non ha la maggioranza in Parlamento e il leader della coalizione dei partiti Società dei cittadiniprecedente presidente Carlos MesaHa sottolineato di appoggiare il rapporto dell’Autorità generale per l’intelligence internazionale, ma che per perseguire Oniz occorre realizzare una “riforma del sistema giudiziario”.

“Siamo d’accordo e sosteniamo il rapporto GIEI: riformare il sistema giudiziario e finanziario e cambiare i suoi operatori sono due richieste per garantire equità e giusto processo nei casi che devono essere perseguiti”, ha scritto sul suo account Twitter.

Senkata e Sacaba

questa settimana Il Gruppo Multidisciplinare di Esperti Indipendenti (GIEI) della Commissione Interamericana sui Diritti Umani (IACHR) ha confermato il “massacro” di civili in Bolivia, presentando il suo rapporto finale su quanto accaduto a Sencata e Sacaba, dove 37 manifestanti sono stati uccisi e repressi dalle forze di sicurezza. L’iniziativa ha intervistato testimoni di violenza governativa e semi-governativa, nonché ascoltato testimonianze di organizzazioni civiche, autorità e rappresentanti istituzionali. In totale, un gruppo di esperti portato in giro 400 interviste e analisi di oltre 120.000 file. Durante la presentazione del rapporto, un rappresentante della Global Initiative for Animal Health ha affermato: Patricia Tabata Valdez Urge avere un rapporto “La nuova soglia, ora più alta e più urgente per l’insopportabile”.

READ  Alto funzionario militare nordcoreano giustiziato per aver definito "irrealistico" un ordine di Kim Jong Un

Nel frattempo, la figlia di ñez questa settimana ha cercato di incontrare i rappresentanti di Commissione Interamericana sui Diritti Umani (IACHR). “Va a trovare mia madre e vedere in che condizioni si trova (…) ho inviato un’e-mail in modo che potesse vedere mia madre”, ha detto Ribera alla stampa locale. Tuttavia, l’agenzia gli ha suggerito di recarsi presso la missione tecnica dell’agenzia in Bolivia per presentare le sue affermazioni.

Mentre un gruppo di tre ex presidenti che guidavano i governi neoliberisti in Bolivia ha rilasciato una dichiarazione che ordina all’accusa e alla magistratura di adottare le misure necessarie “per preservare la sua vita e la sua integrità fisica e psicologica”. La domanda è stata firmata da Carlos Mesa (2003-2005), Jaime Salam (1989-1993); Jorge “Toto” Quiroga, che era il vicepresidente del dittatore Hugo Banzer Ha assunto la presidenza dopo le dimissioni di Banzer per motivi di salute (2001-2002).

Mentre Ribera l’ha descritta come “persecuzione politica”, è stata annunciata un’inchiesta contro di lui per presunta non registrazione in Gestire le donazioni nell’Unità di gestione sociale Ministero della Presidenza. Omar YujraIl deputato del MAS ha confermato che “(le donazioni) non sono state registrate, compreso il Ministero della Presidenza gestito dall’allora signora Anez e sua figlia, in uno in un’unità che era specificamente responsabile di questo argomento”, al deposito del giornale . Motivo dalla Bolivia.