Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Benessere posturale, la chiave del lavoro a distanza

A causa della pandemia, milioni di persone nel mondo stanno ora lavorando da remoto utilizzando strumenti digitali, abbracciando un modello che, se non fosse per queste circostanze, avrebbe impiegato molto più tempo per essere implementato su larga scala nei luoghi di lavoro.

Il lavoro a distanza, in modo sistematico o parziale, è sicuramente diventato una costante, con una crescente accettazione da parte di imprese e dipendenti.

Ma, indipendentemente dai suoi vantaggi, come conciliazione familiare, meno viaggi, riduzione del traffico e dell’inquinamento e risparmio di tempo, il lavoro a distanza può avere un impatto negativo sulla salute, a causa dell’uso di mobili e attrezzature inadeguati, abitudini di postura scorrette o cattiva postura . Distribuzione dello spazio di lavoro.

Ciò può avere conseguenze: da lesioni o disagi muscoloscheletrici, affaticamento visivo e mentale e formicolio alle gambe, a vertigini, crampi, lombalgia e tendiniti, secondo esperti in ambiente di lavoro e rischi professionali.

In questo senso, il 55% degli intervistati al sondaggio condotto dall’azienda per la progettazione e realizzazione di spazi di lavoro Actiu, afferma di aver avuto o conoscere qualcuno che ha avuto problemi muscoloscheletrici e il disagio legato all’utilizzo di mobili inadeguati mentre lavorava da remoto di recente.

Questa azienda (www.actiu.com) fa parte dell’Osservatorio spagnolo sul telelavoro (OTaD), un’iniziativa che mira a contribuire all’espansione del modello di lavoro a distanza che fornisce sicurezza ai lavoratori e alle aziende, contribuisce ad adattarsi alla nuova realtà lavorativa e più flessibilità ed efficienza.

ufficio a casa sano

“Uno dei problemi principali nella creazione di un ‘home office’ (home office) è la selezione di sedie e tavoli approvati, ma devono essere considerati anche compiti come l’illuminazione, la ventilazione, le condizioni ambientali, i periodi di riposo attivo e le rotazioni”, secondo Soledat Berpigal, consulente e responsabile della reputazione del marchio. azione.

READ  Messico, tra i dieci paesi con il maggior numero di patrimoni dell'umanità

“Sappiamo che il movimento aumenta la creatività e migliora la produttività. Se l’utente può muoversi liberamente, questo significa che i suoi muscoli si attivano, il loro stress, sforzo e tensione si riducono e allo stesso tempo diventano più efficienti e produttivi, sempre con il l’obiettivo di mantenere un corpo e una mente sani”, sottolinea.

L’esperto dice a Efe che prendersi cura della salute e delle condizioni del corpo è fondamentale durante le lunghe ore di lavoro.

“Per questo è importante organizzare la giornata lavorativa, e pianificare orari, comprese pause specifiche, con l’obiettivo di favorire il movimento del corpo”, sottolinea.

Berbegal sottolinea l’incorporazione di periodi di riposo attivo, ovvero brevi pause di pochi minuti durante le quali vengono eseguiti esercizi di stretching e movimento di muscoli e articolazioni, e l’alternanza di vari compiti durante la giornata lavorativa in ‘ufficio a casa’, per evitare carico.

Tieni anche presente che la scelta dei mobili è fondamentale.

“Un tavolo e una sedia adeguati sono essenziali per svolgere il lavoro e rispettare gli standard e le normative in materia di durata, ergonomia, stabilità e sicurezza applicabili ai mobili per ufficio, poiché verranno utilizzati regolarmente per scopi professionali”, sottolinea .

Secondo studi ed esperti di ergonomia, si raccomanda che questo mobile “home office” sia progettato e realizzato per rispondere ai movimenti del corpo.

Berpigal sottolinea che ci sono sedie da lavoro che “hanno a cuore la schiena e la postura, che oltre ad offrire un buon sostegno lombare, seduta e braccioli larghi e rotazione, hanno schienali dalla risposta intelligente, che “riconosce e interpreta” i movimenti dell’utilizzatore e anticipare e adattare la loro forma, lunghezza, inclinazione e torsione.”

“Esistono anche tavoli funzionali pieghevoli, sollevabili e mobili, con un sistema di regolazione dell’altezza che non richiede elettricità e funziona tramite un pulsante che aziona il pistone a gas, e controlla l’ascesa o la caduta del piano di lavoro, consentendo di alternare il lavoro in piedi e sedersi e facilitare il movimento”.

READ  Andres Garcia: Nel bel mezzo della sua crisi di salute, i suoi figli si sono incontrati ad Acapulco

Il Direttore dell’Innovazione presso l’Istituto di Biomeccanica di Valencia (IBV), Rosa Borcar, sottolinea che l'”home office”, in quanto normale spazio di lavoro, deve soddisfare tutti i requisiti e le implicazioni per i rischi professionali, poiché, di fatto, i mobili incide direttamente sulla salute del lavoratore”.

Ambiente di lavoro per il lavoro a distanza

Secondo gli esperti di Akteo, l’utilizzo di mobili comodi e l’esecuzione di esercizi di movimento e allungamento (pause attive) prevengono il dolore da cattiva postura.

Sottolineano che la sedia e il tavolo giusti per il lavoro a distanza sono le due comode sedute che mantengono una postura corretta.

I mobili dovrebbero consentire ai lavoratori remoti di tenere la testa sollevata, le spalle rilassate e la schiena dritta e gli occhi rivolti in avanti, secondo questa azienda specializzata.

Inoltre, raccomandano che le braccia e le gambe siano piegate con un angolo di 90 gradi (l’avambraccio rispetto al braccio e la coscia rispetto alla gamba) in posizione seduta, con le mani sulla stessa linea con le braccia e i piedi. pavimento o poggiapiedi.

Consigliano anche che la sedia abbia una base mobile per poter fare lo sforzo con le gambe e non con il tronco.

Quando si lavora in remoto a casa, lo schermo dovrebbe essere al centro della linea di vista, il materiale di lettura dovrebbe essere facilmente accessibile e l’illuminazione dovrebbe essere corretta e moderata, come indicato.

Berbigale, dal canto suo, aggiunge che “la luce, il più naturale possibile, è un elemento essenziale della produttività nell”home office’, poiché migliora il benessere, aumenta la creatività e facilita lo sviluppo delle attività in modo più flessibile ed efficiente. “

Sottolinea anche l’importanza di avere l’hardware giusto che faciliti la corretta postura del corpo, come un monitor che ti permetta di tenere la schiena dritta e lo sguardo dritto, piuttosto che un piccolo laptop a bassa quota che ti costringe a piegare il collo.

READ  La prima autostrada intelligente d'Europa: non servono conducenti

“Monitor, tastiere e altri elementi necessari per il funzionamento dovrebbero essere posizionati a una distanza adeguata dal corpo per garantire il comfort”, aggiunge.

Berpigal conclude che “strumenti digitali adeguati consentono di lavorare in remoto, comunicare la maggior parte del tempo con il resto dei colleghi e utilizzare in modo efficiente piattaforme di contenuti condivisi e videoconferenze”.