Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Batlle (Ricerca medica): “Il premio Jaume I per il riconoscimento e l’energia per la squadra”

Valencia (EFE). il mondo Edoardo Battaglia Martedì con gratitudine ha ricevuto il Premio Jaume I per la ricerca medica per ciò che significa riconoscimento, leadership ed energia per la sua squadra e la continuazione del suo lavoro, che si concentra sul cancro del colon-retto.

Nelle dichiarazioni a EFE, Eduard Batlle (Barcellona, ​​1970) ha spiegato che la sua ricerca esplora la relazione tra la biologia delle cellule staminali del colon e il cancro del colon-retto (CRC) e i meccanismi coinvolti nelle metastasi e nell’evitamento immunitario dei tumori.

“Abbiamo scoperto nuovi meccanismi di come il cancro del colon è collegato al sistema immunitario e come fuoriesce da questo organo e ne colonizza altri, e abbiamo anche proposto nuovi trattamenti con farmaci esistenti per combatterlo”, ha osservato.

Alcune delle sue proposte di nuovi trattamenti sono in fase di sperimentazione in centri medici in diverse parti del mondo, e in Spagna anche presso l’Ospedale Vall d’Hebron di Barcellona.

Batlle, che ha trascorso praticamente tutta la sua carriera, circa 25 anni, dedicata al cancro del colon, ha lavorato per quasi quindici anni presso l’Istituto per la Ricerca Biomedica (IRB) di Barcellona come Professore all’ICREA e Direttore del Programma di Scienze del Cancro.

Circa due dozzine di persone del team di Batlle lavorano nella ricerca sul cancro al colon e circa 400 interamente all’IRB Barcelona, ​​​​che scelgono di cercare di capire il processo di metastasi o la diffusione del cancro ad altri organi del corpo, minacciando gravemente la sopravvivenza dei pazienti, tra le altre indagini.

La giuria del Jaume I Awards ha assegnato la medaglia del premio Eduard Batlle “per il suo lavoro pionieristico nell’immunobiologia del cancro del colon-retto. I suoi contributi principali includono la scoperta della gerarchia delle cellule staminali nel tumore e l’importanza della segnalazione del TGF per la crescita e la comunicazione tra le cellule tumorali. “

READ  Medicina riproduttiva e desiderio di raggiungere la genitorialità

“Molto orgoglioso e scioccato”

Da parte sua, un astrofisico italiano Lycia Green, che vive a Barcellona dal 2007, ha annunciato questo martedì di essere “profondamente onorata e scioccata”, come inaspettatamente, ricevendo un premio Jaume 1 nella categoria ricerca di base.

In una conversazione con Efe, Licia Verde ha confermato di non aver avuto il tempo di affrontare ciò che il premio potrebbe implicare nel futuro della sua ricerca, che “usa la fisica per capire cosa vediamo dell’universo dalla Terra e cosa succede nell’origine, composizione, struttura ed evoluzione.”

Le scoperte sulla scienziata Licia Verde hanno giocato un ruolo importante nell’attuale comprensione del Modello Standard della cosmologia e gli strumenti che ha sviluppato fanno ora parte dei libri di testo di cosmologia, come determinato dall’organizzazione dei premi.

Con un team di cinque-dieci ricercatori, la cosmologa si è assicurata che il riconoscimento del suo lavoro fosse finora “incredibile” e ha ringraziato le persone che l’hanno sostenuta e il comitato di selezione per aver preso in considerazione il suo lavoro e aver compreso l’universo in generale .

Licia Verde ha iniziato il suo lavoro di mappatura galattica e successivamente ha lavorato alla missione WMAP (per verificare le teorie sull’origine e l’evoluzione dell’universo), studiando la radiazione a microonde che permea l’intero universo.

Originaria di Venezia (Nord Italia), Verdi ha deciso di vivere e lavorare a Barcellona grazie alla tenuta di ICREA presso il Campus Diagonal dell’Università di Barcellona, ​​​​dal suo precedente incarico in un centro di ricerca negli Stati Uniti.

L’ICREA (Istituto Catalano per la Ricerca e gli Studi Avanzati) è un’istituzione finanziata dal governo catalano e gestita dal suo Consiglio di fondazione, che lavora in collaborazione con università e centri di ricerca e conta attualmente 266 ricercatori provenienti da tutti i campi del sapere.

READ  Con COVID-82%, ricovero per malattie respiratorie pediatriche

Due dei vincitori della 33a edizione dei Jaume I Awards, la stessa Verde e anche Eduard Batlle, sono ICREA Scholars.