Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Barcellona 92, il 30° anniversario del miglior evento olimpico dello sport spagnolo

Barcellona il 25 luglio (stampa europea) –

Il Barcellona celebra lunedì 25 luglio il trentesimo anniversario della celebrazione dei Giochi Olimpici, l’unico che la Spagna ha ospitato fino ad ora e che da molti è ancora considerato il migliore della storia, oltre ad essersi distinto prima e dopo di esso. Alle Olimpiadi spagnole, che ha ottenuto il suo miglior risultato finora con 22 medaglie.

Dal 17 ottobre 1986, Juan Antonio Samaranch, Presidente del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), ha annunciato che la capitale catalana ospiterà i primi Giochi sul suolo spagnolo e la città e il Comitato Organizzatore, guidato da Josep Mikel Abad, ha lavorato difficile preparare un evento indimenticabile sia dal punto di vista organizzativo che sportivo con Beni Infrastrutture di prima classe, una grande eredità e un villaggio olimpico aperto sul mare. Anche la mascotte, “Kobe” di Javier Mariscal, era innovativa.

In poco più di cinque anni, Barcellona era pronta ad accogliere più di 9.300 atleti, 430 spagnoli e 169 paesi che hanno gareggiato, alcuni dei quali innovativi, come la squadra unificata che ha accolto gli atleti delle ex repubbliche sovietiche russe ad eccezione di Lituania, Estonia e la Lettonia, un Sud Africa libero dopo la fine del semestre razzista e con Nelson Mandela al potere, anche la giovane e nuova Croazia si è staccata dalla Jugoslavia, o dalla Germania recentemente riunita.

Si sono esibiti tutti il ​​25 luglio 1992 allo Stadio Olimpico in un’indimenticabile cerimonia di apertura e in uno spettacolo ben realizzato che metteva in mostra la cultura catalana e mediterranea. L’iniziale enorme “Ciao”, La Fura dels Bauls, Montserrat Caballé e il Barcellona di Freddie Mercury, la parata spagnola guidata dal maggiore generale Don Felipe de Borbón e, soprattutto, l’accensione del calderone da parte della freccia è stata del portiere paralimpico Antonio Repollo tra i momenti più ricordati della manifestazione che ha dato il via ai giorni di gara del Campo.

READ  Kun Aguero a Barcellona

L’innovativo Olympic Sports Aid Scheme (ADO) ha dato i suoi frutti e la Spagna ha firmato il suo miglior risultato olimpico, gettando i semi anche per il futuro. 22 medaglie, un numero non ancora superato, 13 ori, sette argenti e due bronzi decorano il medagliere dell’ospite, lontano dai cento della squadra unificata e degli Stati Uniti.

Sono state anche clamorose delusioni, come quelle della squadra di basket spagnola, segnata dal famigerato “Angolazo”, ma i campioni consacrati del Barcellona 92 ​​che sono stati dichiarati campioni olimpici, un raccolto che l’andaluso Jose Manuel Moreno ha iniziato nel processo del chilometro di pista ciclabile.

La vela, uno sport che di solito non ha fallito ai Giochi, ha mostrato il suo pieno potenziale raggiungendo un totale di cinque metalli, quattro dei quali erano l’oro. Jose Maria van der Ploeg a Veen, Luis Dorset e Domingo Manrique in Flying Dutchman, Teresa Zabel e Patricia Guerra nei 470 femminili e Jordi Calafat e Francisco Sanchez nei 470 maschili, mentre Natalia Via Dufresne ha vinto l’argento nella classe europea.

Montjüic ha oscillato magnificamente con l’atletica leggera, con il walker d’oro Daniel Plaza e il mezzofondista Fermín Cacho. Mai prima d’ora la Spagna ha vinto la medaglia d’oro nell’atletica leggera e il primo, pioniere, Barcelona Plaza a raggiungere, nella prova di marcia di 20 chilometri, quella prima medaglia d’oro con il tempo di 1:21.45, battendo il canadese Guillaume Le Blanc e l’italiano Giovanni de benedettini. .

Cacho, di Soriano, è da molti ricordato come il campione del miglior successo sportivo nazionale per il Barcellona ’92. Quanto alla prova, quanto alla tappa, per come è entrato nella celebrazione di questa impensabile impresa fino a quel momento, l’atleta castigliano-leoniano è entrato negli annali della storia con 3:40.12 che è stato superato, nonostante l’ultimo rilassamento, dal marocchino Rachid El Bassir e il qatarino Mohamed Ahmed Suleiman. Una lenta prova in cui sono state decisive la strategia e la velocità finali dello spagnolo.

READ  Egan Bernal, con 'evoluzione favorevole' | Altri deportati | Deporta

La stessa notte in cui Fermin Cacho ha vinto la medaglia d’oro, la squadra di calcio spagnola è stata incoronata al Camp Nou. Una squadra afflitta da giovani personalità come Pep Guardiola, Kiko, Luis Enrique, Abelardo e Alfonso ha superato le rivali fino a raggiungere la finale contro la Polonia, decisa solo al 90′ con un gol dell’attaccante del Cadice.

Le ragazze d’oro nell’hockey hanno anche vinto l’oro, contro quasi tutte le probabilità, battendo la Germania in finale, mentre il judo ha contribuito con due medaglie con Myriam Blasco e Aludina Muñoz, e il nuotatore Martin Lopez Zubero è stato incoronato colpendo i 200 alla schiena e nuotando. La squadra di tiro è composta da Juan Carlos Holgado, Alfonso Menendez e Antonio Vazquez.

D’altra parte, le sette medaglie d’argento sono state più distribuite tra gli sport con due per il tennis, con la sorpresa Jordi Aris, che è stato premiato per la sua volontà di sacrificarsi nonostante sia caduto in cinque set contro lo svizzero Marc Rosset, e la coppia si è formata prima. Arantxa Sánchez Vicario e Conchita Martínez, che non hanno potuto battere gli americani Gigi Fernandez e Mary Jo Fernandez.

Antonio Peñalver nel decathlon, Faustino Reyes nel pugilato, Carolina Pascual nella ginnastica ritmica, la già citata Natalia Via Dufresne nella vela, e la squadra di pallanuoto maschile, che ha lasciato all’Italia uno dei loro momenti più amari con la straziante sconfitta, hanno completato l’argento medaglie.

Infine, solo due bronzi, per l’atleta Javier García Chico nel salto con l’asta improvviso in cui il grande Serge Bubka è stato eliminato con tre zeri, e per la tennista Arantexa Sanchez Vicario.

READ  Boca contro formazione Corinzi, per la Copa Libertadores

Il 9 agosto, un’altra festa di fantasia è stata responsabile dell’addio agli unici e riusciti Giochi Olimpici ospitati dalla Spagna al suono della Rumba di Los Manulos, Peret e Los Amaya, la conclusione migliore e più festosa di un evento indimenticabile per lo sport spagnolo e Barcellona.

Paralisi, un altro successo

Appena un mese dopo, la città ha nuovamente vestito i suoi abiti migliori per ospitare i Giochi Paralimpici, dal 3 al 14 settembre, un altro successo organizzativo e sportivo, visto che la Spagna ha messo a segno una grande prestazione che le ha permesso di vincere più di cento medaglie anche se non a quel tempo non avevano ancora un piano di aiuti come le Olimpiadi.

Barcellona ha ricevuto un totale di 83 nazioni e 3.000 atleti, 289 dalla numerosa delegazione spagnola che ha sospeso un totale di 117 medaglie, preceduta solo da Stati Uniti (175), Germania (171), Regno Unito (128) e Francia (106 ). ).).

Gli atleti spagnoli hanno vinto 34 medaglie d’oro, 22 delle quali grazie all’atletica leggera, che ha vinto un totale di 48 medaglie ed è stata, insieme al nuoto (43), la piscina di maggior successo, 31 d’argento e 42 di bronzo.

L’atleta di Biscaglia Javier Conde, disabile fisico, ha vinto quattro medaglie d’oro nella classe TS4 (800m, 1500m, 5000m e 10.000m) e l’atleta di Burgos Purificacion Santamarta, ipovedente, lo ha imitato con quattro vittorie nei 100, 200, 400 e 800 metri Classe T11.