Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Banco Santander dovrà risarcire Orcel 68 milioni per la sua deludente firma | economia

Andrea Orsel, al fronte, e Ana Botín, presidente del Santander, lo scorso maggio durante il processo.Juan Medina (Reuters)

Il 46° tribunale di primo grado di Madrid ha ordinato al Banco Santander di risarcire il banchiere italiano Andrea Orsel (Roma, 57) per 68 milioni di euro per la sua firma frustrata come amministratore delegato dell’entità spagnola, secondo la sentenza di quella sentenza. EL PAÍS ha accesso a. La decisione, che rappresenta una battuta d’arresto crudele e inaspettata per l’ente, sarà impugnata da Santander, che ha dichiarato: “Rispettiamo le decisioni giudiziarie, ma siamo totalmente in disaccordo con la sentenza conosciuta oggi. Il Consiglio di Santander spera di vincere il ricorso che presenteremo al tribunale distrettuale, come è già avvenuto nelle due denunce penali presentate ai tribunali in merito a questa vicenda”.

Il risarcimento di Orcel è suddiviso in 35 milioni per incentivi a lungo termine che non ha ricevuto quando la sua firma è stata sventata, 17 milioni per il bonus di costituzione concordato, 10 milioni per danni morali e di reputazione e 5,8 milioni per i due stipendi annuali fissati come obiettivi bonus, secondo la sentenza. Inoltre, il giudice Javier Sanchez Beltran decide che questi importi devono essere pagati “compresi gli interessi legali più due punti” del tasso di interesse e ordina alla banca di pagare le spese.

La chiave, l’impegno a mostrare il discorso

È successo che lo stesso Orcel aveva ridotto il suo ordine da 112 milioni a 76 milioni poco prima del processo per vari motivi. Ad esempio, su 35 milioni di incentivi iniziali, è andato a reclamare una cifra tra i 29 ei 18 milioni, a seconda delle questioni fiscali, secondo le tasse imposte al banchiere italiano. Ha anche ridotto la richiesta di risarcimento non monetario, da cui riceverà 10 milioni, perché ha trovato lavoro durante il processo come amministratore delegato di Unicredit, la più grande banca italiana. La frase è stata introdotta da Vozpoli.

READ  Il modello di compagnia aerea "low-cost" della Spagna è stato potenziato

La chiave del processo era se la lettera di offerta di quattro pagine a cui Santander offriva la posizione potesse essere considerata un contratto di lavoro vincolante o un’offerta iniziale non vincolante. Accusa Orcel Santander di aver violato un contratto che l’entità non ha ammesso, tuttavia, perché lo considerava solo una “offerta elettronica” che era subordinata a vari requisiti che poi non sono stati soddisfatti. Tra questi, che il consiglio di amministrazione e l’assemblea degli azionisti hanno approvato l’incorporazione definitiva, cosa che non è mai avvenuta, secondo Ana Botín, presidente di Santander, come confermato in diverse ore dalla dichiarazione resa durante il processo. Infine, il giudice ha ritenuto vincolante la lettera.

Orcel ha ottenuto questa vittoria in tribunale dopo aver omesso di perseguire la banca in un procedimento penale con accuse gravi che non hanno avuto successo e i tribunali hanno dichiarato infondate.

Conosci in profondità tutti gli aspetti della moneta.

Sottoscrizione

Il caso risale a settembre 2018, quando Santander annunciò la sua firma con Orcel numero due dall’ente. Tuttavia, dopo non essere d’accordo sullo stipendio, e su chi avrebbe pagato il bonus maturato presso la banca in cui lavorava, UBS ha annunciato, nel gennaio 2019, che avrebbe rinunciato al trasferimento «a causa del suo costo inaccettabile». Poco dopo, Orcel fece causa alla banca perché aveva lasciato UBS e perché aveva capito che la situazione gli aveva causato un danno alla sua reputazione; Ha chiesto un risarcimento di 112 milioni, riducendolo in seguito a 76 milioni e restituendolo a Santander.

La tesi di Putin era che l’intera trattativa si basava su due principi: l’assoluta fiducia che hanno avuto in Andrea Orsel nei decenni in cui ha lavorato con Santander e l’assoluta convinzione che UBS avrebbe pagato almeno la metà del bonus maturato dall’esecutivo per più di sette anni di lavoro. , che ha superato i cinquanta milioni. Putin crede che l’entità svizzera gli pagherà una parte della retribuzione variabile sospesa perché non è andato a una banca rivale, cosa che UBS ha rifiutato.

READ  Conto alla rovescia per "Vaccino economico" | Opinione

Con questa premessa, ha detto il banchiere, Santander ha annunciato nel settembre 2018 l’intera firma di Orcel, convinto di raggiungere un accordo economico che comporterebbe una riduzione significativa rispetto a quanto gli italiani avevano imposto a UBS «perché le banche commerciali no. Pagano lo stesso importo che pagano “, ha indicato Putin. Banche d’investimento Ma mesi dopo, dopo aver visto che UBS era riluttante a pagare il bonus, Santander ha rifiutato di accettare il conto che l’italiano chiedeva.

Fine della fiducia in Orcel

L’amministratore delegato ha chiesto 35 milioni per il bonus mancante a UBS, e 17 milioni concordati con Santander come bonus assunzione: 52 milioni in totale. Successivamente, UBS gli ha pagato 13,5 milioni del suo bonus accumulato, ma secondo Putin, Orcel si è rifiutato di abbassare tale importo rispetto a quanto rivendicato da Santander, che è una violazione della fiducia.

Putin ha sottolineato che non l’hanno mai usato: “In realtà, mentre stavamo negoziando, ha continuato a lavorare in UBS”, ha detto. Ha sostenuto che non avrebbe potuto fare una somma così alta prima dell’assemblea degli azionisti: “Socialmente e a livello reputazionale era un rischio che poteva causarci una disapprovazione del 40%, come è successo di recente”, in un riferimento mascherato a un rifiuto a carico dello stesso Orcel all’assemblea degli azionisti di UniCredit, che ha ottenuto un voto negativo del 42,66% dopo aver annunciato che avrebbe guadagnato 7,5 milioni all’anno. Tra coloro che hanno votato contro Santander Bank, sono stati pubblicati anche BBVA e CaixaBank, oltre a grandi fondi di investimento. espansione.