Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Avviso per prezzi e dollari

Il ministro dell’agricoltura, dell’allevamento e della pesca, Julian Dominguez, ha chiesto al capo di stato maggiore, Juan Manzor, di “ampliare e gestire il” Fondo nazionale di emergenza “per rispondere alle accuse dei produttori” di fronte alla siccità che ha colpito alcune aree del paese .

Le alte temperature e la continua siccità influenzeranno la decisione di ripristinare il bestiame, che è uno degli obiettivi che il Ministro dell’agricoltura, dell’allevamento e della pesca sta cercando di raggiungere, Julian Dominguez. Nel tentativo di aumentare l’offerta per riorganizzare i prezzi, un recente rapporto di Maria Giulia Ayasa Avverte che un cambiamento delle circostanze creerà un altro ostacolo al raggiungimento di questo obiettivo.

“Questo non solo influenzerà lo scenario a breve termine, ma influenzerà anche la capacità di ripristinare le scorte di bestiame per i cicli futuri”, Allertata Maria Julia Ayasa, autrice del Rapporto Rosgan.

Negli ultimi 15 giorni del 2021 è apparso un drastico cambiamento delle condizioni meteorologiche. Le piogge sono cessate bruscamente e le temperature hanno iniziato a salire a più di 40 gradi Celsius, una situazione che si è protratta per diversi giorni senza interruzioni, causando un forte stress termico sia nelle colture che nel bestiame.

A breve termine, in alcune zone – soprattutto nel nord del Paese – si stanno già effettuando svezzamenti anticipati per alleggerire le vacche in lattazione, ma anche molte cucciolate vengono rilasciate senza possibilità di sussistenza in un contesto come quello attuale.L: “Non solo questo si tradurrà in vitelli più leggeri, ma se generalizzato, potrebbe comportare un raccolto meno concentrato nei mesi di punta.‘, ha osservato.

READ  Tra forti accuse di brogli, il partito di Putin guidato dalla Duma di Stato mantiene il riconteggio del 60% dei voti

Al contrario, a causa dei prezzi più elevati registrati dal vitello, si prevede che l’allevatore tenderà a separarsi dalle altre classi dell’azienda, impedendo lo svernamento, che potrebbe portare a un raccolto più piatto rispetto a quanto visto negli ultimi anni.

Questo scenario non è insolito nemmeno per il credito al consumo. È inoltre probabile che si verifichi un maggiore afflusso di giovani tori e vacche destinate al consumo, che finora hanno trovato nell’allevamento pastorale un’alternativa accessibile ai prezzi più elevati dei cereali.

“Questa stagione secca potrebbe non solo continuare a spingere al rialzo i prezzi dei cereali, ma anche, se continua come previsto fino alla fine di marzo, potrebbe finire per esaurire le scorte di mangimi disponibili in anticipo, così come le riserve che dovrebbero passare attraverso il inverno. Questo effetto, se realizzato, si rifletterebbe solo nel medio termine, essendo l’alternativa che il lavoratore invernale adotterebbe con minore urgenza, ma si rifletterebbe senza dubbio nel minor completamento dell’azienda. Sebbene a livello di raccolta dei vitelli, una situazione vincolata, come abbiamo visto l’anno scorso, è inaspettata – sono stati persi più di 650.000 animali – e non ci sono differenze significative previste nel numero di vitelli svezzati”, spiega.

carne.jpg

Nello specifico, Aiassa rileva che il 2022 non sarà l’anno in cui il livello dell’offerta inizierà a riprendersi. A lungo termine, già pensando alla raccolta dei vitelli per il 2023 e fino al 2024 è dove vediamo vincoli significativi nel livello di approvvigionamento. “I servizi che vengono forniti ancora oggi in molte aree di allevamento saranno senza dubbio influenzati da questo contesto climatico”, ha affermato.

READ  Elezioni in Canada: Justin Trudeau è stato rieletto ma non ha raggiunto la maggioranza in Parlamento | Il partito liberale al governo ha vinto 158 dei 338 seggi alla Camera dei Comuni

Negli ultimi anni, c’è stato un cambiamento nei servizi da allora, con inverni più rigidi e primavere successive, le condizioni fisiche delle vacche impiegano più tempo a riprendersi e la curva di servizio tende naturalmente ad allungarsi. È probabile che le condizioni di siccità estrema e lo stress da caldo estremo registrati da metà dicembre si traducano in tassi di gestazione inferiori, riducendo così lo svezzamento dei vitelli nel 2023.

Secondo le ultime decisioni del governo, la cosiddetta vacca in scatola – corrispondente alle categorie D ed E per classificazione – è una delle poche categorie con piena liberalizzazione delle esportazioni che l’industria premerà per la sua ripresa. Livelli di occupazione per la sua capacità installata.

Prevede che “è molto probabile che, quando conosceremo i dati sugli stock di bestiame alla fine di dicembre 2021, vedremo finalmente che il numero di mucche si stabilizzerà o addirittura crescerà molto poco”. Semplicemente, l’estrazione o la macellazione delle vacche è notevolmente diminuita nell’ultimo anno (circa 300.000 vacche in meno nel 2020), in parte a causa delle restrizioni all’esportazione e in parte per il già completamento di una fase di depurazione non produttiva. Le pance che sono apparse molto chiaramente nell’estrazione delle ultime due sessioni, 2019 e 2020.

Tuttavia, Aiassa sostiene che questo indicatore non è di per sé un segnale di ripresa degli stock, perché queste pance produttive dovrebbero essere in grado di mantenere o addirittura migliorare i tassi riproduttivi e successivi svezzamenti, che lo scorso anno hanno raggiunto solo il 62% e nel decimo Quest’ultimo, ha riuscì a malapena a raggiungere la media del 63%. “Anche in questo caso, le tariffe sono ancora in ritardo rispetto ad altre mandrie sviluppate. Il miglioramento di questa norma consentirà senza dubbio di mitigare gli effetti negativi che abbiamo sperimentato come gli anni in corso, in cui il fattore climatico sta facendo il suo meraviglioso gioco. Ovviamente questo dovrebbe essere uno dei principali obiettivi da raggiungere nei prossimi anni.‘, ha finito.

READ  Ristrutturò la sua casa e trovò una lettera inquietante scritta nel 1975 sotto la carta da parati.