Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Avviso G7 per la Cina

Il La posizione della Cina sull’invasione russa dell’Ucraina Rimani a fuoco. Dall’inizio della guerra lo scorso febbraio, Pechino non ha condannato l’attacco L’esercito russo lo dispiegò sul suolo ucraino, adottando una posizione di neutralità. Un fatto criticato dal segretario generale della Nato Jens Stoltenberg.

Tuttavia, la NATO non è l’unica grande organizzazione globale ad essere stata molto critica nei confronti del gigante asiatico. Il Gruppo dei Sette, composto da Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna, Canada, Giappone, Italia e Germania, ha presentato due richieste al governo di Xi Jinping. Il primo fornisce informazioni su ciò che sta accadendo in Ucraina. “Chiediamo che la Cina Smettila di impegnarti nella disinformazione e in altri mezzi per legittimare le azioni della Russia”.gruppo ha detto.

Ma la richiesta più importante riguardava la possibilità che la Cina fornisse assistenza alla Russia. In questo senso, il fascicolo Il G7 è stato forte. Pechino non dovrebbe aiutare la Russia nella sua guerra di aggressione e dovrebbe sostenere la sovranità dell’Ucraina. In questo modo i ministri degli Esteri dei suddetti paesi hanno chiesto alla Cina di rifiutarsi di fornire qualsiasi tipo di aiuto. “Chiediamo alla Cina di non aiutare la Russia e di non intaccare le sanzioni imposte“.

Alcune delle dichiarazioni che vengono dopo che Cina e Russia hanno rafforzato le loro relazioni bilaterali. Lo scorso marzo, entrambe le potenze hanno dimostrato unità contro gli Stati Uniti e la NATO, che secondo loro erano responsabili dell’origine del conflitto. Frequente Espansione verso est della NATO dopo la Guerra Fredda Non solo non ha reso l’Europa più sicura, ma ha anche gettato i semi del conflitto”.

READ  Il centro logistico Amazon a Saragozza entrerà in funzione nel 2022

Inoltre, c’era anche in corso L’attrito della Cina con l’Europaa causa dell’abbondanza Le sanzioni imposte da Bruxelles all’economia russa Ciò ha causato, tra le altre cose, un congelamento delle attività finanziarie di oligarchi o entità finanziarie o un veto sulle importazioni di gas e petrolio russi. Né il dialogo può essere sostenuto mentre si impongono sanzioni unilaterali che servono solo a radicare il conflitto”.

Frizione tra Cina e NATO

D’altra parte, i dati del G7 arrivano dopo le critiche reciproche tra Cina e Nato. portavoce Il ministro degli Esteri cinese Zhao LijianIl corpo è stato accusato di causare instabilità in Europa.

“Per qualche tempo, il capo della Nato ha ignorato i fatti e Ha mescolato bianco e nero quando ha fatto accuseLegian ha detto dopo che Stoltenberg ha descritto la posizione del gigante asiatico come una “sfida seria”. La Cina è stato uno dei 35 paesi che si sono astenuti dal voto in Cina. Votazione in Assemblea Generale alle Nazioni Unite.