Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Avevo paura e paura che l’auto esplodesse”, racconta Alkapi, l’ex militare accusato degli attacchi di Cucuta contro Duque e la 30a brigata.

“Avevo paura e paura che l’auto esplodesse”, racconta Alkapi, l’ex militare accusato degli attacchi di Cucuta contro Duque e la 30a brigata.

Un capitano dell’esercito coinvolto in un attacco al presidente Duque e un’autobomba nella 30a brigata cercherà un accordo con l’ufficio del procuratore generale. Immagine: file privato.

Più di due mesi dopo che è esplosa L’autobomba è esplosa nella 30th Brigata dell’Armata a Cúcuta, La capitale nordoccidentale di Santander, i dettagli degli attentati che hanno sconvolto la Colombia nel 2021 e Si tratterebbe di colui che ha sofferto, in Sardinata, Ivan Duque, presidente del Paese, insieme ad alcuni suoi ministri.

Secondo le autorità, Il capitano in pensione Andres Fernando Medina, soprannominato “Il Capi”, E’ stato lui la mente dell’operazione e nelle ultime ore sono state svelate le dichiarazioni dell’ex militare interrogato.

La copertina è apparsa prima Fasi del lavoro del Pubblico Ministero Ha rilasciato una dichiarazione in cui gli si chiedevano le ragioni che lo avevano portato a pianificare l’attacco. L’interrogatorio è stato pubblicato da Semana sabato lì Conferma che Medina voleva il pentimento Ma a causa delle presunte minacce, ha deciso di continuare con il piano orribile.

“Stavo per pentirmene, ma la mia famiglia è stata minacciata e non potevo tornare indietro”, ha detto il capitano in pensione.

Secondo la pubblicazione, El Capi è stato interrogato alla stazione di polizia di Los Martires a Bogotà e ricevuto domande dal pubblico ministero competente, che lo ha avvertito di lasciare l’esercito e ha finito per commettere un crimine in un disertore delle FARC.

Nel suo viaggio attraverso l’esercito, Medina ha lavorato come pilota di elicottero a Teorama, sempre nel Norte de Santander, dove è stato commesso il delitto. Dopo un’aggressione di cui è stato vittima, è stato risarcito e ha proseguito la sua vita.

READ  "Vaccine Tourism": il governo non ha dati sugli argentini che si sono recati a Miami e potrebbero essere vaccinati di nuovo nel paese

Grazie al riconoscimento ottenuto presso la base militare dove si è svolto l’evento, ha potuto entrare nella 30° Brigata senza destare sospetti e, come si è saputo qualche settimana fa, L’uomo ha registrato diversi video in esso Ha raccontato il suo piano terroristico.

Durante l’interrogatorio dell’ex capitano, è stata letta la testimonianza del padre di El Capi, identificato come Joaquín Medina Duarte, 56 anni, che doveva essere convinto dal figlio a ottenere il furgone con cui aveva commesso il delitto. Tentativo: “Gli ho detto che stavano cercando un camion bianco Fortuner, se poteva ottenerlo per guadagnarci una commissione”, Cita il documento noto alla rivista Bogotà.

Tuttavia, non hanno preso il camion a North Santander, Così il cugino di El Capi è venuto a Bogotà e lì ha comprato l’auto per 120 milioni All’inizio di giugno è tornato in reparto per consegnare l’ordine.

L’uomo ha anche detto che i suoi seguaci gli hanno ordinato di entrare nella brigata in sicurezza perché “Tutto era organizzato, ed è entrato senza problemi.” Ciò confermerebbe che altri membri delle forze armate hanno assistito El Capi nel suo piano.

Infine, il 15 giugno, portò l’auto alla base militare e confermò di averlo fatto “Paura e paura di far saltare in aria la macchina”, Riferendosi all’esplosivo che ha provocato l’aggressione, ma ha comunque commesso il delitto, poi è salito su una motocicletta che lo aspettava e si è allontanato per incontrarsi. John Mica, che avrebbe potuto ordinare l’attacco all’esercito americano di stanza lì.

Va notato che, secondo la direzione delle indagini penali, Degen, nell’attacco 44 persone sono rimaste ferite. Inoltre, la polizia sostiene che El Capi sia un seguace dell’alias John Mica, capo del 33° Fronte dei disertori delle FARC, e il soprannome di Ciro, il capo logistico dello stesso gruppo.

READ  Chi sono i membri e quanto è pericoloso il ramo afghano dello Stato Islamico

Come riportato in dettaglio dalla rivista Bogotà che Federal Bureau of Investigation (FBI) degli Stati Uniti Ha anche interrogato El Capi e gli ha detto che lui e gli altri arrestati nell’incidente potevano essere estradati negli Stati Uniti.

Continuare a leggere: