Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Aumenti gas e luce: come si applicherà l’aumento dei prezzi per case e aziende da giugno

EFE

Dopo le audizioni pubbliche tenutesi più di due settimane fa, il ministro dell’Energia, Dario Martinez, ha firmato le decisioni che prevedono l’ammodernamento delle tariffe gas ed elettricità. Sono stati pubblicati in un numero speciale della Gazzetta Ufficiale, che è stato pubblicato sabato.

Come affermato dal Ministero dell’Economia, nel caso dell’energia elettrica, l’aumento del prezzo stagionale dell’energia elettrica (PEST) sarà dell’ordine del 26%, Che influenzerà le bollette degli utenti tipici con un consumo medio nell’area della Grande Buenos Aires con un aumento del 16,53 per cento. In ogni provincia l’aumento della bolletta elettrica sarà diverso, ma è sempre inferiore in termini percentuali a quello registrato nella Grande Buenos Aires.

Nel caso di utenti con tariffa social, l’aumento della bolletta nella Greater Buenos Aires sarà in media del 7,7%.

Quelli con una media sociale avranno un aumento totale delle bollette nel corso di un anno inferiore al 21,6%Ciò equivale al 40% dell’aumento registrato dal CVS nell’ultimo anno. Il resto degli utenti residenziali riceverà, in media, incrementi delle bollette annue totali inferiori al 42,7%in una percentuale pari all’80% del piano di lavoro congiunto 2021.

Per quanto riguarda GasE il Gli utenti con media sociale non riceveranno alcun aumento; Mentre per il resto degli utenti sul territorio nazionale, il prezzo di vendita del gas al punto di ingresso nel Sistema di Transito (PIST) salirà tra il 41,7% e il 46,3%, che rappresenterebbe un aumento medio della bolletta per le utenze residenziali tra il 18,55% e il 25%.

In tale contesto, fonti ufficiali hanno confermato che gli aumenti di gas ed energia elettrica rispettano rigorosamente “i controlli emanati dal Presidente della Repubblica al riguardo”. Alberto Fernandez Ministro dell’Economia, Martin Guzmanper quello? Le correzioni medie sono inferiori alla varianza del reddito delle persone“.

READ  Il 20 luglio il ministero della Difesa annuncia massicce misure di sicurezza e dispiegamento

nel caso se NegoziE il L’incremento medio sarà del 36% perché il valore aggiunto della distribuzione ha più peso in fatturazione; Ciò che le aziende addebitano non è l’energia stessa. Hanno evidenziato dall’economia “perché il peso del potere è inferiore, può essere ulteriormente aumentato, il che ha lo stesso effetto sulla bolletta”.

Si segnala che l’adeguamento dei prezzi del gas naturale al punto di ingresso nel sistema di trasporto (PIST) è disposto dalla Delibera 403/22 del Dipartimento dell’Energia. Mentre l’adeguatezza del prezzo stagionale dell’energia elettrica (PEST) è stata disposta con la delibera 405/22 della stessa autorità.

Quando vanno pagate le bollette con l’aumento?

Due settimane prima delle audizioni pubbliche, dove sono state avanzate proposte ufficiali per aumentare i prezzi di gas ed elettricità Dovrebbe essere applicato da giugnoI nuovi grafici dei prezzi non sono ancora ufficiali. Dalle aziende del settore, preposte all’implementazione del processo di fatturazione per gli utenti, assicurano che una volta pubblicate le nuove tariffe occorrano almeno 15-20 giorni per l’applicazione – e 60 nel caso di vendita al dettaglio -, Pertanto, interesseranno le tasche degli utenti solo a luglio o agosto, a seconda del periodo di fatturazione per ciascun cliente.

“Quando vengono pubblicati gli aumenti, entrano in vigore da quella data; ma giugno e luglio non sono completamente utilizzati perché fatturamo ogni giorno una sessantaseiesima parte dei nostri clienti. Alcuni vengono fatturati il ​​15 giugno, altri il 16, 17 e 18. Vengono fatturati per 60 giorni, alcuni potrebbero aver già ricevuto l’aumento e altri no.“, hanno spiegato qualche giorno fa a Infobae da una società.

READ  Gli Stati Uniti hanno dichiarato che le elezioni di novembre in Nicaragua hanno "perso ogni credibilità".

per questa ragionesolo due mesi dell’intero aumento corrisponderanno ai clienti fatturati il ​​1 agosto, sia giugno che luglio entrando nella nuova tariffahanno dettagliato.

Che dire della segmentazione dei prezzi

Nonostante il governo abbia indicato che sta ancora lavorando al frazionamento dei prezzi, la verità è che non è stato ancora comunicato quando entrerà in vigore e gli annunci di ieri non prevedono alcuna azione al riguardo.

In tale contesto, le società di distribuzione dei servizi hanno avvertito che l’attuazione di tale processo, una volta individuato, richiederà almeno due mesi. La frammentazione indica che lo stato specifica in dettaglio quali utenti riceveranno più o meno sussidi nelle loro tariffe. Gli utenti tra i primi dieci redditi della popolazione, come previsto dal governo, non riceveranno alcun sussidio. Tuttavia, non è ancora deciso come verrà attuata questa decisione.

Il suggerimento del governo è che i percettori di reddito equivalenti a 3,5 panieri di base (ci sono circa $ 313.916 secondo i dati di marzo), tre o più proprietà, tre o più auto di età inferiore ai 5 anni, inizino a pagare il prezzo pieno. Anzianità o possesso di barche o aerei di lusso. Per gli utenti AMBA sono stati considerati anche criteri geografici: Chi abita nei 13 quartieri identificati da ENRE come ad alta capacità di rimborso non riceverà più sostegno.

Sebbene le date non siano state discusse in udienza pubblica, le società di distribuzione del gas hanno indicato che ci sarebbero volute almeno otto settimane prima che iniziassero a funzionare. La segmentazione richiederà le modifiche necessarie ai sistemi informatici che avranno un costo imprevisto per le aziende. “I distributori stimano il periodo di tempo richiesto di almeno otto settimane”, ha affermato Daniel Martini, direttore esecutivo dell’Associazione dei distributori di gas (Adigas), durante la sessione del 12 maggio.

READ  Non è rimasto nemmeno un pappagallo! Incarcerato per aggressione e 800 prigionieri evasi | Cronaca

Secondo il direttore dell’associazione, uno degli inconvenienti è la difficoltà di provare che il titolare è la stessa persona che riceve il servizio. Su indicazione di Enargas, le società hanno inviato chiamate a più di 3 milioni di utenti per regolare la proprietà e solo il 2,5% del totale ha risposto.

Continuare a leggere: