Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Arrivo tardivo della variante delta a Mar del Plata: tutti i campioni erano negativi

i due campioni positivo al corona virus Che è stato oggetto di uno studio dell’Amministrazione nazionale dei laboratori e degli istituti di sanità (ANLIS) Carlos Malbran per determinare se variabile dell’ansia delta Alla fine ha dato risultati negativi.

Fonti ufficiali confermate 0223 che, allo stato attuale, gli studi di sequenziamento genomico hanno escluso l’infezione della variante delta tra la popolazione generale di Poiridon in almeno cinque campioni analizzati.

Gli ultimi campioni che erano allo studio sono coerenti con i viaggiatori che sono arrivati ​​​​dagli Stati Uniti e mentre erano in isolamento a casa che hanno dato risultati positivi nella diagnosi di Covid-19.

Casi positivi al coronavirus sono stati rilevati da studenti universitari del Centro Centrale di Telemedicina (Cetec-U) dell’Universidade Nacional de Mar del Plata (Unmdp) che stanno effettuando dei follow-up telefonici.

Finora è stato confermato 23 casi di coronavirus di tipo delta in tutta la provincia di Buenos Aires, Di questi, 21 hanno una storia di viaggi all’estero e due sono strettamente imparentati. Tuttavia, Attualmente, l’arrivo della variante originariamente scoperta in India a Mar del Plata è stato ritardato.

Prima di questo panorama, Victor Bazin, direttore del Centro centrale di telemedicina (Cetec-U), ha avvertito giorni prima La città in una “corsa contro il tempo” Per evitare che la variante delta del coronavirus scenda con un forte impatto si mette nuovamente sotto pressione il sistema sanitario.

Identificato per la prima volta in India nell’ottobre 2020 e identificato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) come variante preoccupante (VOC) nel maggio 2021, è diventato uno dei ceppi predominanti in molti paesi.

La variante delta era associata a un potenziale di trasmissione più elevato ea un tasso di attacco secondario più elevato. Il tasso di infezione secondaria nei contatti di casi con variante delta e senza anamnesi di viaggio è risultato essere maggiore rispetto ai contatti di casi con variante alfa 11,4% (95 CI 11,1% – 11,7%) rispetto all’8% (95 CI: 7,8% – 8,1%, come determinato dal Ministero della Salute della Nazione.

READ  Un test genómico mejora el tratamiento de uno de cada cinco cánceres de mama

Analisi basata su rapporti calcolati su dati globali, il numero effettivo di riproduzione per la variante delta è del 55% (95 CI 43–68%) superiore a quello della variante alfa e del 97% (95 CI 76–117%) rispetto a le altre varianti non-VOC e non-VOI.

Coinvolto

Ho condiviso questa nota