Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti mettono da parte le differenze e aumentano la produzione di petrolio da agosto | Economia

Il ministro dell’Energia saudita Abdulaziz bin Salman Al Saud durante un incontro dei paesi esportatori di petrolio lo scorso anno.Nota. / Reuters

Le tensioni che hanno tenuto in stallo la produzione di petrolio stanno cominciando a dissiparsi. Le nazioni esportatrici hanno raggiunto un accordo questa domenica per aumentare la produzione di petrolio greggio di 400.000 barili al giorno a partire da agosto, quasi lo 0,4% in più rispetto ai circa 97 milioni di barili che sta producendo ora, come affermato in una nota. Di fronte a un forte aumento dei prezzi, ai massimi da oltre tre anni, i rappresentanti dell’OPEC allargata o OPEC+ hanno deciso di tenere una riunione in videoconferenza questa domenica per cercare di riaprire il rubinetto dell’offerta, ostacolato dai disaccordi tra l’Arabia Saudita e Arabia Saudita. Emirati Arabi Uniti, le trattative hanno dato i loro frutti.

maggiori informazioni

Per evitare di abbandonare l’incontro remoto con un nuovo fallimento, era necessario bilanciare l’equilibrio. L’accordo prevede l’aumento delle quote di produzione per Emirati Arabi Uniti, Iraq, Kuwait, Russia e Arabia Saudita a partire da maggio 2022. Nel testo diffuso ai media, i Paesi esportatori affermano di aver osservato “il continuo rafforzamento dei fondamentali di mercato, con evidenti segnali di miglioramento della domanda di petrolio e basse scorte OCSE, mentre la ripresa economica continua nella maggior parte del mondo grazie all’accelerazione dei programmi di vaccinazione”.

Alla fine di maggio, l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico prevede che l’economia globale si riprenderà del 5,8% quest’anno, mentre il Fondo Monetario Internazionale prevede un aumento del 6% del PIL mondiale. E nonostante i blocchi come l’Unione Europea siano sulla buona strada per una piena transizione verso un’economia a zero emissioni, la crescita è ancora legata a un maggiore fabbisogno di petrolio.

READ  La Spagna è il paese in cui i consumatori si preoccupano di più della situazione economica - idealisti / notizie

Sulla carta, aumentare l’offerta di altri due milioni di barili da qui a fine anno allenterebbe la pressione sul prezzo di un barile di petrolio, che nei giorni scorsi ha superato i 75 dollari, sia nel caso del petrolio. E il gas.. West Texas negli Stati Uniti e nel Brent europeo, con una rivalutazione che si avvicina al 70% in un anno, nel caso di quest’ultimo.

L’aumento dell’energia è la causa principale della turbolenza dei prezzi. Negli Stati Uniti, l’inflazione ha toccato il 5,4% a giugno, il livello più alto dal 2008, e nella zona euro all’1,9%, vicino ai livelli più alti in tre anni, quindi entrambi i blocchi erano molto interessati a che l’accordo diventasse realtà, grazie alla sua capacità per ridurre i prezzi dell’energia. Tanto che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha esortato i paesi esportatori a lavorare insieme, un riferimento alle ostilità tra l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti. Un portavoce della Casa Bianca ha confermato che stanno “seguendo da vicino i negoziati e il loro impatto sulla ripresa economica globale” e stanno continuando i contatti per trovare una soluzione che consenta di aumentare la produzione.

Resta da vedere fino a che punto il movimento del cartello dei petro-stati può aiutare a coprire l’aumento della domanda derivante dalla forte ripresa economica in atto e anche alleviare la pressione sulle banche centrali, sempre più sollecitate a crescere. I tassi di interesse per contenere gli aumenti dei prezzi resistono sostenendo che l’aumento dell’inflazione è temporaneo. Un rialzo dei tassi sarebbe una mossa delicata a causa del suo potenziale di danneggiare la ripresa, ed è particolarmente dannoso per i paesi più indebitati, come Spagna, Italia o Grecia, che dipendono dall’accesso a finanziamenti a basso costo sui mercati.

READ  L'Italia lavorerà sulla bolletta elettrica, ma non applicherà il 'modello spagnolo'

L’anno scorso, l’OPEC+, che include alleati come la Russia, ha accettato di tagliare la produzione di circa 10 milioni di barili al giorno a causa del calo della domanda dovuto alla pandemia. Dopo il ritaglio, era a circa 90 milioni di barili, anche se gran parte di quel taglio è stato recuperato con il passare dei mesi e le restrizioni si sono allentate.

I dettagli di come il tiro alla fune ha appianato le differenze tra Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita non sono stati rivelati. Il ministro dell’Energia saudita Abdulaziz bin Salman ha evitato di specificare i termini dell’accordo. “Perché lo divulgo? Questa è un’arte e la teniamo tra noi. Lo chiamiamo segreto di stato. Ha concluso che costruire il consenso è un’arte”. Anche il divario tra i due Paesi, tradizionalmente alleati, ha fatto temere una spaccatura all’interno dell’Organizzazione dei Paesi Esportatori, che avrebbe ripercussioni incerte per l’economia globale, puntando sempre su quell’organismo per contrastare il disallineamento tra domanda e offerta di energia. Bin Salman voleva evitare qualsiasi speculazione al riguardo. “Ciò che ci unisce è molto più di quanto tu possa immaginare”, ha insistito.

L’idea di unità è volata anche sul messaggio del suo omologo emiratino Suhail Al Mazrouei. “Gli Emirati Arabi Uniti sono impegnati in questo gruppo e coopereranno sempre con esso e coopereranno al suo interno per compiere ogni sforzo per raggiungere l’equilibrio nel mercato e aiutare tutti”, ha affermato.