Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Angela Merkel: L’eredità di 16 anni al potere in Germania | internazionale

Il cancelliere tedesco, Angela Merkel, Lui, dopo 16 anni al potere, inizierà il suo ritiro dalla più grande potenza economica europea una volta che si terranno domenica le elezioni che determineranno il suo successore. E anche se non si sa ancora quando lascerà definitivamente il Bundeskanzleramt, visto che dovrà attendere la formazione di un nuovo governo, la sua eredità comincia da ora in poi a imperare.

Un’eredità che si distingue da più di tre decenni per la sua influenza all’interno dell’Unione Europea, il suo peso nell’economia internazionale, il suo lavoro nelle gravi crisi che hanno colpito il vecchio continente e, naturalmente, Attraverso lo slancio registrato dalla Germania, tra molti altri aspetti.

Non è facile riassumere in pochi aspetti i punti salienti dell’eredità Merkel. Ma Johannes Grobel, analista dell’European Policy Center (EPC), rileva un caso molto specifico: “Stabilità economica in un momento molto difficile per la Germania e l’Europa, poiché durante la sua presidenza hanno affrontato grandi crisi, molte delle quali di forti proporzioni economiche .”

(Vedi: Angela Merkel: La fine di un’era).

In particolare, come sottolinea Borja Santos, professore alla School of Public and Public Affairs dell’Università di IE, “La Merkel ha affrontato crisi enormi: la crisi finanziaria del 2008, l’euro, la minaccia di dissolvere l’Unione Europea, la crisi climatica, il flusso migratorio causato dal conflitto in Siria o la pandemia globale.“.

Nonostante questo,Il suo stile meno conflittuale gli ha conferito un ruolo di primo piano nella leadership europea, con un indice di popolarità che non è mai sceso al di sotto del 50% e la capacità di affrontare le sfide senza danneggiare eccessivamente la sua persona pubblica.ha detto Santos.

D’altronde la Merkel è stata considerata in varie occasioni come la donna più potente del mondo, e le modalità con cui ciò viene fatto Questa designazione ha raggiunto un altro aspetto che, secondo gli esperti, segnerà la sua eredità.

Secondo José MD Arilza, Professore presso il Dipartimento di Pubblica Amministrazione e Strategia di Esade, “È stata l’unica leader donna a reagire in un periodo di crisi sequenziale. Inoltre, ha rappresentato il mondo libero e le democrazie liberali durante gli anni di Donald Trump e la sua decadenza nazionalista e populista. È stato un interlocutore importante per la Russia e uno spaccato molto importante nei rapporti con la Cina. E il cancelliere ha mostrato uno stile di autorità razionale, scientifico e cauto, molto più efficace della leadership dei cosiddetti uomini forti, pronti a trovare soluzioni semplici (e sbagliate) a problemi molto complessi.“.

La crisi finanziaria e l’euro

Uno degli episodi in cui la leadership di Angela Merkel è stata più visibile è stata la crisi finanziaria del 2008 e La successiva possibilità di rottura dell’euro. Molti analisti hanno persino considerato che forse senza la loro influenza l’eurozona avrebbe cessato di esistere.

(Vedi: la Colombia afferma che i pezzi precolombiani saranno messi all’asta in Germania.)

Uno di questi è James Shields, professore di scienze politiche presso l’Università di Warwick, nel Regno Unito, che ha osservato che “La crisi finanziaria e la crisi dell’eurozona, e poi la crisi dei rifugiati, l’hanno evidenziata nel suo momento più cruciale e sigillato la reputazione di leadership assertiva riassunta nella frase “Wir schaffen das” (ce la possiamo fare). Ha usato il suo potere per preservare l’integrità di un blocco dell’UE che avrebbe potuto crollare sotto un altro leader. La storia avrà bisogno di tempo per giungere al suo pieno giudizio, ma possiamo dire con sicurezza che l’eurozona oggi deve la sua esistenza al suo risoluto rifiuto di lasciarla crollare.“.

“Nella crisi, la Merkel ha preso l’iniziativa non solo per uscire da una situazione difficile e senza precedenti, ma per ridisegnare la struttura economica e finanziaria dell’eurozona”, aggiunge Arelza, di ISAD.

Oltre a tutto quanto sopra, il suo lavoro alla guida della Germania non è ovviamente meno importante. Questo Paese è oggi la quarta economia più importante al mondo e possiede indicatori e forza che gli hanno permesso di superare nel migliore dei modi le crisi. Gran parte di ciò è stato fornito dal governo Merkel.

(Vedi: Strutture offerte dalla Germania per coloro che desiderano viaggiare per motivi di studio).

Come spiega Clemens Fuest, presidente dell’Istituto Ifo e professore all’Università di Monaco, “Ha guidato la Germania attraverso due grandi crisi economiche e in entrambi i casi la Germania ha ottenuto risultati relativamente buoni. La sua politica fiscale ha ridotto il debito pubblico e il deficit, e ha contribuito alla resilienza del Paese attraverso una rete di sicurezza Forte sostegno sociale e governativo alle imprese.

Per stimare alcuni numeri, secondo Fuest, Quando Angela Merkel è diventata cancelliera nel 2005, la Germania aveva cinque milioni di disoccupati, Debito pubblico alto e crescita lenta. “Nei successivi 16 anni, il progresso economico è molto migliore e l’attuale disoccupazione è di soli 2,5 milioni“.

READ  Sanchez rinvia passaporto Covid per cercare di salvare la campagna estiva ed evitare proteste

Alla fine, quando Greubel partì dall’EPC, “la leadership calma, assertiva e pragmatica di Merkel erano fattori importanti per la stabilità in Germania, mentre le sue capacità negoziali, la posizione internazionale e l’esperienza erano importanti risorse della turbolenta UE dell’epoca”.

Angela Merkel, cancelliere tedesco

Merkel è nota per la sua leadership calma, assertiva e pragmatica.

Afp

ombre della strada

Sebbene i fattori dovrebbero essere evidenziati nell’eredità di Merkel, è anche nei suoi 16 anni al potere Ha proiettato alcune ombre.

Forse la cosa più sorprendente è il suo ruolo “difficile” nella crisi del 2008 con i paesi in difficoltà. Secondo Johannes Gruebel, “Il fatto è che alcune delle loro risposte politiche a varie crisi, comprese ovviamente le politiche di austerità, hanno contribuito ad esacerbare le differenze tra l’UE27, tra Nord e Sud”.

Lo spiega più dettagliatamente Santos, di IE, che osserva che “la gestione della situazione in Grecia e in altri paesi dell’Europa meridionale è stata molto paradossale. Forti politiche di austerità e manifesta intransigenza hanno generato amore e odio sul fatto che l’Europa sia la leadership ne ha bisogno”. Questo, di fatto, ha provocato un’ondata di sentimento antieuropeo e anti Merkel in paesi diversi come Italia e Spagna, oltre che in Grecia, e risentimento tra i cittadini dell’UE nei confronti delle istituzioni del blocco a 27 nazioni.

Tutto questo sentimento ha esacerbato la divisione già esistente e alimentato l’ostilità europea, soprattutto in Italia. Mentre la Merkel lottava per preservare l’unità economica dell’Unione Europea, sono emerse altre carenze come il crescente divario tra regimi liberali e politicamente illiberali, l’ascesa dei movimenti nazionalisti e la crescita dell’euroscetticismo, che in qualche modo ha portato all’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea. Questi sono alcuni dei problemi irrisolti che la Merkel si è lasciata alle spalleJames Shields osserva che “la sua leadership è stata di continuità, non di cambiamento.

(Vedi: Chi sostituirà Angela Merkel al potere in Germania?).

Inoltre, nonostante la sua popolarità, vale la pena notare che ha dovuto governare per 16 anni in coalizione con altri partiti, motivo per cui non è stato in grado di attuare la politica economica promessa dalla sua formazione politica.Secondo un esperto ESADE, “In Europa, la Merkel ha rappresentato gli ortodossi di fronte a visioni che volevano più solidarietà finanziaria.

READ  Economia / Affari. Amazon ha istituito il primo centro europeo di innovazione per le operazioni in Italia

A livello locale in Germania, Santos e Fuest affermano, “Piccoli lavori” e il numero crescente di lavori rischiosi E ha suscitato molte polemiche all’interno del paese, prendendo alcune decisioni che hanno messo di fronte la popolazione, come lo spegnimento del nucleare nel paese, nonostante aiuti a ridurre le emissioni, e la sua mancanza di sforzi di riforma è stata anche criticata .

Il cancelliere tedesco Angela Merkel

La Merkel è stata criticata per il suo ruolo “difficile” nella crisi del 2008 con i paesi in difficoltà.

Agenzia di stampa Francia

Verso un’Europa senza Merkel

Una volta dentro Il cancelliere lascia il governo, sia il Paese che l’Europa affronteranno un futuro senza Merkel dopo 16 anni, Sarà difficile sostituire quella leadership. Come sottolinea Greubel, “In termini di leadership europea, sarà certamente difficile riempire i loro panni a breve termine. Sarebbe molto difficile avere la tua esperienza, i contatti diplomatici e le capacità di negoziazione coperte da altri leader sul posto. Tuttavia, ciò che può essere criticato per la leadership della Merkel in Europa è la mancanza di una visione strategica per il futuro, quindi il ritorno del dibattito sulla direzione strategica del progetto europeo è qualcosa che molti anticipano dopo la Merkel.“.

Questo, con una prospettiva difficile. Secondo Fuest dell’Istituto IFO, “La Germania e l’Europa dovranno affrontare grandi sfide interne ed esterne nei prossimi anni. A causa del cambiamento demografico, la dimensione della forza lavoro inizierà a diminuire e ciò creerà venti contrari alla crescita. Molti paesi escono dalla pandemia più deboli della pandemia, mentre la maggior parte dei paesi dell’UE ha grandi stati sociali che possono sostenere solo se la crescita economica continua. Ma l’Europa è in ritardo nella concorrenza e nella digitalizzazione. Molto dipenderà dal fatto che il Fondo europeo per la ripresa di nuova generazione dell’UE funzionerà e sarà integrato da adeguate riforme negli Stati membri. All’esterno, l’Europa deve difendere i propri interessi di fronte alle crescenti tensioni geopolitiche tra gli altri blocchi dominanti, Stati Uniti e Cina. Nel tentativo di affrontare queste sfide, i politici intelligenti e onesti come Angela Merkel mancheranno.“.

Robin Lopez Perez
Editor di portfolio