Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Anche bambini e ragazzi possono soffrire di sindrome post-COVID

La sindrome PostCovid compare negli adulti con vari sintomi durante l’anno successivo all’infezione con il coronavirus acuto. Ora, la sua diagnosi è iniziata nei bambini e negli adolescenti / Reuters / Adnan Abedi

Nel mondo sono già stati registrati più di 187 milioni di casi di COVID-19. Alcune persone che passano da un’infezione asintomatica a una grave e guariscono soffrono anche di sindrome PostCovid prolungata o Covid, un gruppo di sintomi che scienziati di diversi paesi stanno ancora studiando bene e il loro trattamento tempestivo. Finora si pensava che le persone di età superiore ai 18 anni avessero maggiori probabilità di sviluppare sintomi dopo una lesione acuta, ma casi di bambini e adolescenti in Europa e in Australia sono già stati riportati su riviste scientifiche, ma in paesi come l’Argentina ci sono anche stati alcuni casi.

“Alla fine dello scorso anno, abbiamo trattato il caso di una ragazza con una forma lieve di COVID-19. Tre settimane dopo la dimissione dall’ospedale a causa di un’infezione acuta, la paziente ha sviluppato sintomi come tosse, mancanza di respiro e diarrea e ha dovuto essere portato in ospedale. È stata eseguita un’endoscopia Ha trovato un problema allo stomaco e problemi alla gola. Ha ricevuto cure e si è ripreso”. Infobae Enrique Casanueva, capo del servizio di malattie infettive pediatriche presso l’ospedale universitario Austral di Pilar, in Argentina.

“L’infezione da coronavirus è una malattia che ancora non conosciamo in tutte le sue manifestazioni successive. La comunità scientifica e medica sta imparando ogni giorno perché è una nuova malattia che può lasciare delle sequele. “Ciò che deve essere preso in considerazione è che non tutte le persone reagiranno allo stesso modo durante e dopo un infortunio”, ha detto il dott. Casanova.

“È importante che le famiglie si prendano cura della salute dei bambini e degli adolescenti con COVID-19. Sono seguiti dopo COVID-19”, ha consigliato lo specialista in malattie infettive pediatriche Enrique Casanueva, dell’Austral University Hospital/PAHO

“È importante che le famiglie si prendano cura della salute dei bambini e degli adolescenti con COVID-19. Dovrebbero essere monitorati dopo il COVID-19, soprattutto se praticano sport agonistici. “Dobbiamo essere attenti alla diagnosi differenziale per escludere se si tratta di PostCovid o di un altro problema di salute”, ha aggiunto Casanueva, membro della Società Pediatrica Argentina.

READ  Il Museo del Brasile riceverà dall'Italia un fossile di 100 milioni di anni fa

La sindrome PostCovid è stata descritta per la prima volta negli adulti. Ma Diversi studi in Svezia, Italia, Regno Unito e Australia hanno riportato un fenomeno simile nei bambini, inclusi sintomi come mal di testa, affaticamento e palpitazioni, anche se raramente presentano sintomi iniziali gravi di COVID-19.

Le stime della frequenza a lungo termine del COVID nei bambini variano ampiamente. Ci sono ricercatori che indicano la necessità di ulteriori studi per essere in grado di ottenere un quadro migliore dell’impatto del virus Corona sui bambini, Soprattutto quando vengono prese misure di restrizione o rilascio nelle città o prese in considerazione nei piani di vaccinazione.

Il pediatra Danilo Ponsenso, del Policlinico Universitario Gemelli di Roma, ha guidato il primo tentativo di registrazione a lungo termine del COVID nei bambini. Con il suo team, hanno intervistato 129 bambini di età compresa tra 6 e 16 anni a cui è stato diagnosticato il COVID-19 tra marzo e novembre 2020. A gennaio, riportato in uno studio che più di un terzo ha avuto uno o due sintomi persistenti quattro o più mesi dopo l’infezione e un altro quarto ha avuto tre o più sintomi.

come un sintomo frequente, I ragazzi in Italia hanno sperimentato insonnia, affaticamento, dolori muscolari e disagio da gatto, un modello simile a quello osservato negli adulti con infezione prolungata da coronavirus. Anche i bambini che avevano sintomi iniziali lievi, o erano asintomatici, non erano immuni da questi effetti persistenti.

In Italia, uno studio ha mostrato che i bambini con PostCovid avevano insonnia, affaticamento, dolori muscolari e disagio persistente di tipo catarrale, un modello simile a quello osservato negli adulti con COVID/EFE/EPA/MASSIMO PERCOSSI/Archivi prolungati.
In Italia, uno studio ha mostrato che i bambini con PostCovid avevano insonnia, affaticamento, dolori muscolari e disagio persistente di tipo catarrale, un modello simile a quello osservato negli adulti con COVID/EFE/EPA/MASSIMO PERCOSSI/Archivi prolungati.

Il Dati pubblicati dall’Office for National Statistics (ONS) del Regno Unito a febbraio e aggiornati ad aprile Hanno anche sollevato preoccupazioni. Hanno mostrato che il 9,8% dei bambini di età compresa tra 2 e 11 anni e il 13% dei bambini di età compresa tra 12 e 16 anni ha riportato almeno una presentazione persistente cinque settimane dopo una diagnosi positiva. Un altro rapporto pubblicato ad aprile ha rivelato che un quarto dei bambini intervistati dopo essere stato dimesso dall’ospedale in Russia aveva sintomi di COVID-19 dopo più di cinque mesi.

READ  La formula perfetta per dormire bene: quante sane ore di sonno a partire dai 40 anni

I numeri riportati non sono alti come quelli degli adulti. I dati dell’ONS del Regno Unito, ad esempio, mostrano che circa il 25% delle persone di età compresa tra 35 e 69 anni ha sviluppato sintomi entro cinque settimane. Ma i numeri continuano a suonare allarmi, perché Il COVID-19 grave è molto più raro che negli adulti, quindi la maggior parte dei bambini avrebbe dovuto sopravvivere agli effetti del COVID per lunghi periodi, afferma Jacob Armann, pediatra dell’Università della Tecnologia di Dresda, in Germania.

Se il 10% o il 15% dei bambini, indipendentemente dalla gravità iniziale della malattia, ha sintomi a lungo termine, “questo è un vero problema”, dice, “quindi devi studiarlo”. Ma Arman in un’intervista alla rivista natura Ha detto che i numeri potrebbero non essere alti durante l’infanzia.

I sintomi dell’influenza aviaria prolungata includono affaticamento, mal di testa, difficoltà di concentrazione e insonnia. Arman ha osservato che anche altri fenomeni legati alla pandemia, come la chiusura delle scuole e lo shock di vedere i membri della famiglia ammalarsi o morire di COVID-19, potrebbero causare quei sintomi e gonfiare artificialmente le stime della malattia. “Hai bisogno di un gruppo di controllo per determinare cosa è realmente correlato all’infezione”, ha detto.

    Uno studio nel Regno Unito ha rilevato che su oltre 1.700 scolari risultati positivi al SARS-CoV-2, il 4,4% presentava sintomi persistenti, come mal di testa, affaticamento e perdita dell'olfatto.  L'1,6% ha avuto sintomi che sono durati almeno otto settimane / Reuters / John Sibley
Uno studio nel Regno Unito ha rilevato che su oltre 1.700 scolari risultati positivi al SARS-CoV-2, il 4,4% presentava sintomi persistenti, come mal di testa, affaticamento e perdita dell’olfatto. L’1,6% ha avuto sintomi che sono durati almeno otto settimane / Reuters / John Sibley

Il dottor Arman e colleghi hanno prelevato campioni di sangue dai bambini delle scuole superiori a Dresda, in Germania, da maggio 2020 per monitorare i tassi di infezione. A marzo e aprile di quest’anno, più di 1.500 bambini – circa 200 dei quali avevano anticorpi che indicavano una precedente infezione da coronavirus – sono stati sottoposti a tampone per vedere quanti bambini hanno riferito di avere avuto COVID da molto tempo.

A maggio hanno pubblicato i risultati di questo lavoro: non hanno riscontrato differenze nei tassi di sintomi riportati dai due gruppi. Secondo Arman, è probabile che il COVID prolungato nei bambini sia inferiore a quanto suggeriscono altri studi. Ha riconosciuto che ciò non significa che nei bambini non sia presente COVID o PostCovid prolungato, ma piuttosto che il numero potrebbe essere inferiore al 10%, il livello che sarebbe stato rilevato nello studio. Il numero reale è probabilmente inferiore all’1%.

READ  La leggenda dello stadio sconosciuto

L’epidemiologo dell’University College London Pia Hardlaid ha utilizzato i dati raccolti dallo studio Virus Watch, che tiene traccia delle infezioni e dei sintomi in oltre 23.000 famiglie in Inghilterra e Galles. Come affermato in un documento in esame a giugno, Lei e i suoi colleghi hanno scoperto che il 4,6% dei bambini con evidenza di infezione da coronavirus aveva sintomi persistenti che duravano più di quattro settimane.

Un altro studio del Regno Unito, pubblicato come Preprint a maggio, ha riscontrato un tasso simile. Degli oltre 1.700 scolari risultati positivi al SARS-CoV-2, il 4,4% aveva sintomi persistenti, Come mal di testa, stanchezza e perdita dell’olfatto. L’1,6% ha manifestato sintomi che sono durati per almeno otto settimane.

Oltre alle differenze nel verificarsi del problema, Gli esperti sottolineano ancora che una delle sfide oggi è determinare quanti bambini contrarranno il COVID per periodi prolungati a causa della mancanza di criteri diagnostici stabiliti negli adulti, per non parlare dei bambini. I sondaggi per rilevare i sintomi sono spesso troppo completi e non abbastanza specifici per distinguere il COVID a lungo termine da altre malattie.. Un suggerimento, dopo una revisione della letteratura per adulti da parte del National Institute for Health Research del Regno Unito, è che il COVID prolungato potrebbe essere un gruppo di quattro diverse sindromi, tra cui la sindrome da terapia intensiva, la sindrome da affaticamento postvirale e la sindrome da COVID prolungata. Questo può essere il caso anche nei bambini, secondo il Dr. Hardelide.

Continuare a leggere:

La sindrome post-COVID può verificarsi anche in persone con coronavirus senza sintomi
Sindrome post-COVID: quali sono le cinque domande a cui la scienza deve ancora rispondere?
Come difendersi quando un medico offre un farmaco non testato contro il COVID-19