Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alternative per il trattamento del dolore cronico nei pazienti reumatici

La capacità dei trattamenti consente ai pazienti affetti da malattie reumatiche di ridurre significativamente il dolore che provano.

Dr. Luis Cummings, esperto nella gestione del dolore durante la chirurgia della colonna vertebrale presso l’Hospital Damas de Ponce Puerto Rico.

Il Il dottor Louis CummingsUno specialista in gestione del dolore per la medicina e la sanità pubblica ha spiegato le procedure a disposizione dei pazienti con malattie reumatiche e il dolore cronico di cui molti di loro soffrono.

Ha notato che nel ventunesimo secolo non è possibile pensare o credere che il paziente debba vivere con il dolore, poiché esistono alternative che alleviano e consentono un sollievo completo.

In questo caso ha fatto riferimento a tecniche di ecografia e fluoroscopia, che l’esperto considera provvisorie, perché molti pazienti trascorrono anni senza bisogno di un nuovo intervento, così come alcuni che ritornano dopo pochi mesi.

“Dico al paziente: ti vedrò di nuovo finché ti prenderai cura di te stesso, perché se fai la raccomandazione e risolvi il tuo dolore, ma se continui a fare quelle attività che danneggiano l’articolazione. Non tutti hanno la condizione di hanno un intervento chirurgico e non tutti vogliono avere l’operazione”, ha spiegato lo specialista.

Siamo sempre stati alleati di tutti gli specialisti, questo è multidisciplinare, la maggior parte di loro viene inviata da reumatologi e la maggior parte dei pazienti ha altre condizioni oltre all’artrite.

Le osservazioni dell’esperto sono arrivate nell’ambito del Reuma Expo 2021 organizzato dalla Foundation for Rheumatology (FER), un’attività rivolta a medici e pazienti a Porto Rico e nel mondo.

I trattamenti più utilizzati, avanzati ed efficaci

Il dottor Cummings ha spiegato che i pazienti reumatici tendono a soffrire di dolori cronici nelle zone colpite, in particolare le articolazioni del corpo e nelle zone strategiche della colonna vertebrale. Per questo motivo, ha sottolineato, i maggiori progressi in questi tipi di condizioni sono farmaci o farmaci che riducono l’impatto del dolore articolare nei pazienti con artrite.

READ  La medicina legale non ha identificato 27 corpi a Chalchoapa

L’eminente medico ha affermato di aver insistito sul fatto che i farmaci biologici aiutano a prevenire il processo infiammatorio e ogni giorno ce n’è di più. Ma ha spiegato che ci sono tre livelli di cura per i pazienti con dolore da artrite cronico:

1-. Medicinale. Medicinali prescritti per il trattamento di condizioni che colpiscono le articolazioni di pazienti con varie malattie reumatiche.

Due-. trattamenti. Le terapie fisiche insieme ai farmaci aiutano i pazienti a condurre uno stile di vita normale e attivo. Questo può essere fatto con tecniche di caldo e freddo nella zona interessata accompagnate da esercizi.

3-. interventi chirurgici. Questi includono quelli menzionati prima Il dottor Louis Cummings, che considera tecniche meno invasive come gli ultrasuoni e la fluoroscopia.

Quando è stato consultato sugli oppioidi, lo specialista è stato enfatico nel garantire che questo non fosse raccomandato per i pazienti reumatici, ma se assunto non poteva durare più di sei settimane.

Ha spiegato che “gli oppioidi non dovrebbero essere usati e, se vengono usati, devono essere sotto controllo medico e in un tempo non superiore a sei settimane per evitare la dipendenza da essi, che finisce per compromettere la salute del paziente”.

Per quanto riguarda il progresso e l’efficacia, l’eminente medico ha osservato che gli sforzi per evitare l’intervento chirurgico nei pazienti che non ne hanno bisogno e per utilizzare altri metodi di cura diretta sono la migliore lettera di presentazione, poiché si evita l’usura del paziente e questo può portare a un normale vita senza dolore e con il minimo consumo di farmaci.

L’importanza del dolore

Ha sottolineato che il dolore è un meccanismo difensivo, ma il dolore cronico finisce per colpire gravemente il corpo e soprattutto l’organo esposto, motivo per cui ha insistito sul fatto che in caso di dolore è importante andare subito da uno specialista per scoprirne la causa di esso. .

READ  Il suggerimento dei medici che avrebbe potuto salvare la vita di Maradona due settimane prima della sua morte

Ha aggiunto che questi dolori cronici possono influenzare il sistema nervoso centrale e produrre problemi psicologici che possono influenzare la vita del paziente e possono minacciare la sua vita.

Guarda l’intervista completa: