Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alleanze, un modello fallito in Europa di cui ora soffre il governo

“La cosa normale è che quando due parti governano in un’alleanza e la loro relazione è cattiva, pause mesi prima delle elezioni” afferma Ignacio Martin, vicepresidente dell’Associazione spagnola per le scienze politiche e l’amministrazione (AECPA). Per Martin, questo è dovuto al fatto che la forza con il maggior sostegno parlamentare “cerca di conquistare i voti del piccolo partito per governare da sola”, mentre la formazione meno rappresentata è “sottomessa e invisibile all’interno dell’esecutivo” e cerca di ” scheggia per” migliorare i risultati nelle prossime elezioni.

Con il prezzo dell’elettricità più caro della storia, nel mezzo di una crisi di approvvigionamento senza precedenti e con i soldi europei in attesa di riparazioni, Unidos Podemos è “furioso” dopo aver visto che il suo grandioso obiettivo (l’abolizione della riforma del lavoro di Rajoy) gli sta sfuggendo , che porta all’apertura di Una nuova crisi all’interno dell’esecutivo. Questo scenario apre una serie di possibilità che potrebbero favorire il progresso elettorale. Di fronte a questo sconosciuto, il quotidiano La Información ha cercato di pubblicare Un esercizio di politica rispetto ad altre coalizioni di governo Ci sono stati negli ultimi anni in paesi limitrofi Per determinare le probabilità che il termine non finisca come previsto.

Il vicino più prossimo della Spagna con esperienza in coalizioni di governo è Italia. Oggi è Mario Draghi a guidare il governo con diverse forze politiche, però, Questa formula di aggregazione di più partiti accumula da qualche anno fallimenti nello Stato italiano. Così, nel maggio 2018, è stato annunciato un “governo del cambiamento”, guidato dall’indipendente Giuseppe Conte e sostenuto dalla Lega Nord (partito nazionalista conservatore) e dal Movimento Cinque Stelle (forza populista di sinistra).

READ  Covid-19, una malattia preesistente per le aziende farmaceutiche prepagate?

Ma l’esperienza è durata appena un anno Dopo una crisi di governo con il leader della Lega Nord, Conte si è dimesso. Dopo quasi dieci giorni, ha ripreso le redini del Paese, mantenendo il Movimento Cinque Stelle nel governo e aggiungendo un partito di centro (Italia Viva). però, Dopo un anno e mezzo, – e nel pieno della crisi del Covid – quest’ultimo ha lasciato il governo, provocando le eventuali dimissioni di Conte.

Ma ha sofferto anche l’instabilità italiana Irlanda. Nel 2011 – quando le elezioni erano dietro l’angolo – i “Verdi” hanno lasciato il governo di coalizione con Fianna Fail (un partito di sinistra), sostenendo che Brian Cowen (primo ministro) era “non credibile” e che lo era. “Il politico più odiato dell’isola”. Una situazione simile si è verificata in Grecia Nel 2019. Panos Kamenos, ministro della Difesa e leader del partito dell’Alleanza per la minoranza, ha lasciato il ramo esecutivo guidato dal radicale di sinistra Alexis Tsipras per accettare il cambio di nome della Macedonia. Qualcosa che ha sorpreso l’opinione pubblica perché né l’austerità che ha caratterizzato Bruxelles né gli incendi nella penisola – dove morirono 100 persone – riuscirono a spezzarla.

In effetti, anche i paesi nordici hanno sofferto. occupazione Norvegia, il Partito del progresso (di una corrente di destra) ha lasciato il governo nel 2020 dopo il presunto rimpatrio di un terrorista islamista, accelerando l’avanzata elettorale. Allo stesso tempo Danimarca – Nel 2014 – Un certo numero di ministri – appartenenti al partito di minoranza al governo – hanno lasciato le loro cariche, a un anno dalle elezioni, dopo che la banca d’affari Goldman Sachs è diventata pubblica. nell’Europa dell’Est, Polonia Fu l’ultimo paese a subire gli effetti negativi dell’alleanza. Due mesi fa, il ramo esecutivo si è diviso dopo che il primo ministro – Mateusz Morawiecki – ha licenziato il suo vice, che era il leader dell’altra formazione che ha completato il governo. Questa esperienza di governo tra i due poteri conservatori durò solo due anni.

READ  Il giro del mondo in 5 minuti di lettura: le notizie di oggi

coalizione di governo belga È stato sconfitto nel 2018 dopo che il Partito Nazionale Fiammingo ha deciso di abbandonarlo a causa della decisione del Primo Ministro Charles Michel di firmare il Global Compact for Migration delle Nazioni Unite.

Solo due paesi sono riusciti a utilizzare questa formula: Germania e Lussemburgo. Il primo creò la “Grande Alleanza”, un accordo di governo tra socialdemocratici e conservatori (i due partiti con la più alta rappresentanza nel Bundestag) che durò un’intera legislatura. Mentre quest’ultimo nel 2018 ha rinnovato la coalizione formata da tre partiti di centrosinistra, al potere da quando hanno rovesciato dopo 18 anni il Partito conservatore guidato da Jean-Claude Juncker.

Lo conferma l’esperto di politica Jose Rama “Il meno interessato al crollo del governo è Podemos”. Questa affermazione è supportata da tre argomenti: “In primo luogo, mancano di leadership; in secondo luogo, possono avere uno scisma interno che aggrava il declino elettorale e, infine, sono diventati un partito importante, aderendo a un governo che non lo fa. Hanno beneficiato di loro rovesciamento elettorale, ma al contrario, hanno trattenuto le loro attività all’interno dell’autorità esecutiva”.Penso che il Consiglio legislativo durerà fino all’anno scorso (2023)e Pedro Riera, direttore associato di un master in analisi politica ed elettorale presso l’Università Carlos III, continua: “Ci sono molti interessi all’interno della coalizione, come la ripresa economica o l’evitare l’ingresso di Vox”.

Miguel Anxo Bastos, Professore di Scienze Politiche all’Università di Santiago de Compostela, lo conferma prima delle elezioni”Il più comune è prendersi una pausa“, ma avverte che “non sempre va bene”. Infine, aggiunge che “tutto dipende” dai “rapporti durante il mandato e dalle aspettative che seguiranno”. Così, il politologo norvegese Kar Ström, che oggi insegna all’Università di San Diego (USA), ha pubblicato una teoria che divideva i partiti in tre categorie: quelli che cercano voci, chi vuole spedizione o quelli che inseguono Modifiche alle norme. L’essenza del PSOE è quella di essere un partito inclusivo (massimizzante), mentre Unidas Podemos si inserisce maggiormente nell’ultima categoria di Strom, due posizioni che possono essere compatibili, ma che rendono difficile il rapporto futuro.

READ  Sola onora Giuseppe Manzo, ambasciatore italiano uscente in Argentina - Telam