Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alla ricerca di tracce di vita, la NASA invierà due missioni spaziali su Venere

A rigor di logica si potrebbe pensare che il pianeta più caldo del nostro sistema solare e con le peggiori condizioni per generare vita sia Mercurio, il mondo più vicino alla nostra stella. ma no. La verità è Venere, il secondo pianeta nelle vicinanze cosmiche della Terra, è il mondo con una densa atmosfera di carbonio che provoca una temperatura superficiale di oltre 480°C.

Questo pianeta, molto simile alla Terra per dimensioni, massa e composizione, ha fatto di nuovo scalpore oggi, quando La NASA ha annunciato che si sta preparando per due missioni spaziali per i prossimi anni per visitarlo e studiarlo. Qualcosa che non accadeva da più di tre decenni.

Così, l’agenzia spaziale statunitense ha annunciato questo pomeriggio che Due missioni saranno inviate su Venere nel 2026, chiamate Da Vinci e Veritas, per esplorare ulteriormente questo pianeta, È stato relegato alla ricerca scientifica da altri come Marte, Giove o Saturno negli ultimi anni.

L’amministratore della NASA Bill Nelson parla durante la presentazione delle nuove missioni spaziali su Venere – REUTERS/Al Drago

Queste due missioni sorelle mirano a scoprire perché Venere è diventata un mondo infernale Offrono alla società l’opportunità di indagare su un pianeta che non visitiamo da 30 anni”. NASA, Bill Nelson. Nelson Ha spiegato che la missione da Vinci esaminerà in profondità l’atmosfera di questo pianeta, mentre Veritas si concentrerà sulla topografia di Venere.

Due missioni avanzate

L’ultima navicella spaziale della NASA dedicata all’esplorazione di Venere, Magellan, è arrivata nel 1990 e ha trascorso quattro anni a mappare la superficie del pianeta. Con radar avanzato. Da allora, la NASA ha inviato con successo un display di veicoli spaziali su Marte, cinque veicoli spaziali, quattro orbiter e due lander, nel tentativo di comprendere la storia dell’acqua e la possibilità di vita sul Pianeta Rosso. Ma l’agenzia spaziale statunitense non ha inviato nulla su Venere.

READ  Battlefield 1 è gratuito su Twitch Prime per un periodo di tempo limitato e lo avrai per sempre - e presto Battlefield V

L’anno scorso, Venere ha trascurato È tornato di nuovo sotto i riflettori planetari dopo che un team di scienziati che utilizzano telescopi terrestri ha affermato di aver scoperto اكتشف Prove convincenti di microbi che vivono nelle nuvole di Venere Oggi le temperature rimangono piacevolmente calde piuttosto che torride. Hanno detto di aver scoperto la molecola di fosfina, Non sono riusciti a trovare una spiegazione ragionevole per come si è formato lì, se non come prodotto di scarto degli organismi viventi.

Una vista di Venere dalla NASA-JPL/JPL-Caltech Magellan Spacecraft/Pubblicato via Reuters.
Una vista di Venere dalla NASA-JPL/JPL-Caltech Magellan Spacecraft/Pubblicato via Reuters.

Ma altri scienziati che hanno esaminato gli stessi dati hanno affermato di non aver visto un segnale convincente. Ma il risultato ha portato a Jim Bridenstine, allora amministratore della NASA, per dire a settembre : “È ora di dare la priorità al fiore”. L’anno scorso, la NASA ha presentato proposte per il Discovery Program, in cui gli scienziati hanno avuto idee per missioni planetarie più piccole a prezzi modesti. Due di queste idee erano da Vinci e Veritas, che oggi vengono annunciati come vincitori.

Davinci è l’acronimo di Deep Atmosphere of Venus Noble Gas Research, Chemistry, and Imaging. Uno degli obiettivi scientifici di Da Vinci, secondo la NASA, sarà quello di comprendere l’origine dell’atmosfera di Venere, come si è evoluta e come e perché differisce da quella della Terra e di Marte. Inoltre, questa missione mira a fornire dettagli sulla storia tettonica e vulcanica del pianeta ea comprendere la storia dell’acqua di Venere.

Da Vinci cerca di dimostrare in modo conclusivo che la fosfina esiste su questo pianeta. Dopo essere entrata in orbita, la navicella lascerà cadere una sonda sferica piena di strumenti che “annuseranno” e analizzeranno i gas mentre scendono nell’atmosfera per poco più di un’ora. Le concentrazioni di krypton, argon, neon e xeno, i gas nobili che non interagiscono con altri elementi, potrebbero fornire indizi su come si sia formata Venere e la sua atmosfera. Le misurazioni potrebbero anche trovare segni di se l’acqua è sfuggita da Venere nello spazio e se gli oceani hanno coperto la superficie.

Le missioni DAVINCI+ e VERITAS cercheranno tracce di vita su Venere - Reuters/Al Drago
Le missioni DAVINCI+ e VERITAS cercheranno tracce di vita su Venere – Reuters/Al Drago

E lo stesso I dispositivi potrebbero anche identificare direttamente le molecole di fosfina, e questo porterebbe a un vivace dibattito sul fatto che la fosfina sia Era la prova definitiva della vita o se poteva essere stata generata da qualche reazione geologica o chimica che non coinvolgesse la biologia. Un risultato negativo non chiuderà il problema. Poiché la sonda campiona l’atmosfera solo in un punto alla volta, l’assenza di fosfina non dimostrerà l’assenza di fosfina ovunque. La sonda continuerà a studiare il pianeta con una telecamera per catturare immagini nelle lunghezze d’onda dell’ultravioletto e del vicino infrarosso.

READ  WhatsApp | Come lasciare un gruppo inosservato | Applicazioni | Applicazioni | Smartphone | Telefoni cellulari | trucco | Tutorial | virale | Stati Uniti | Spagna | Messico | NNDA | NNNI | GIOCO SPORTIVO

Veritas sta per Venus Emissivity, Radio Science, InSAR, Topography e Spectroscopy.La missione invierà un veicolo orbitale che produrrà mappe globali 3D ad alta risoluzione utilizzando il radar, Lo spettrometro determinerà di cosa è fatta la superficie. Inoltre misurerà accuratamente i cambiamenti nella gravità del pianeta e fornirà indizi sui processi geologici interni, dal suo nucleo alla sua superficie.

Altre agenzie spaziali hanno visitato Venere di recente. L’Agenzia spaziale europea ha lanciato il Venus Express nel 2005, in orbita attorno al pianeta per otto anni, monitorando piccoli flussi di lava e altre prove che potrebbe essere ancora geologicamente attivo.

Akatsuki, dell’Agenzia spaziale giapponese, è l’unico veicolo spaziale attualmente su Venere. Nel suo studio dall’orbita, la sonda ha rilevato disturbi nei venti del pianeta noti come onde gravitazionali, nonché correnti a getto equatoriali nella sua atmosfera.

Continuare a leggere: