Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alitalia chiude i battenti dopo infinite perdite… per far posto alla compagnia di bandiera ITA | Economia

La nuova compagnia aerea, ITA (Italia Trasporto Aereo), è completamente pubblica e risorge dalle ceneri della vecchia Alitalia, pronta a decollare. Ma non lo farebbe senza polemiche. La compagnia ha messo in vendita i suoi primi biglietti aerei dal 15 ottobre, data in cui Alitalia, la vecchia compagnia aerea che ha sofferto un’epoca di continue turbolenze, cesserà le operazioni negli ultimi anni.

Gli aerei di ITA non sono ancora volati, ma posizionarli a terra è complesso, soprattutto sul fronte degli affari. Lo sciopero è iniziato all’orizzonte il 24 settembre, indetto dai lavoratori che al momento hanno solo rapporti con Alitalia e sono in attesa di essere trasferiti nella nuova società. La maggior parte dei contratti deve ancora essere firmata e il processo di selezione dei nuovi dipendenti è appena iniziato. Ma il divario è profondo con le gilde aeree intransigenti, che sono sulla via della guerra. Degli oltre 10.000 dipendenti di Alitalia, ITA intende assumerne solo circa 3.000 per il suo primo lancio, con tagli agli stipendi. Le organizzazioni sindacali, da parte loro, chiedono il trasferimento di tutti.

La nuova compagnia aerea, la cui offerta è ancora carente verso molte destinazioni intercontinentali, decollerà il 15 ottobre. Nel frattempo, il suo sito web appare ancora con un design simile a quello di Alitalia, anche se c’è un messaggio che avverte che si tratta di una versione temporanea, in attesa della versione definitiva. Le tariffe si muovono nella stessa fascia di quelle del vettore precedente, che ha annunciato rimborsi o modifiche a una data precedente, alcune a un costo aggiuntivo, per i suoi voli cancellati dopo il giorno di inattività.

READ  Draghi guida Sanchez alla guida dell'idrogeno verde nell'Unione Europea

“Chiederemo risposte, saremo ai tavoli [de negociación]Abbiamo chiesto di allargare il discorso a livello di governo”, ha affermato Fabrizio Coscito, segretario generale della Federazione italiana dei lavoratori dei trasporti (Filt Cgil). Il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, ha ammesso che la situazione in Alitalia era “estremamente complessa”. “Faremo tutto ciò che è in nostro potere per evitare danni”, ha aggiunto.

Il 5 luglio l’Italia ha concluso le lunghe trattative con la Commissione Europea per liquidare Alitalia, in bancarotta dal 2017. Il Paese ha poi ottenuto il via libera per creare da essa una nuova società. La complessa ristrutturazione delle società volta a uscire dalla crisi che Alitalia sta attraversando da tre decenni sta portando ulteriori problemi di delocalizzazione.

Settimane di meticolose trattative attendono l’ITA su vari fronti. Uno è l’acquisto di aerei, slot e diritti di volo necessari per decollare dalla vecchia Alitalia. La nuova compagnia, che prevede di iniziare ad operare con 52 aeromobili, di cui circa la metà proprietaria di Alitalia, ha presentato un’offerta vincolante che la direzione straordinaria dovrà accettare nei prossimi giorni. Non si sa cosa accadrà finora agli altri asset di proprietà di Alitalia, come il noto marchio mondiale valutato intorno ai 200 milioni di euro, divisioni che si occupano di manutenzione degli aeromobili e assistenza a terra negli aeroporti, che include la gestione o la gestione dei bagagli dei programmi di fidelizzazione della clientela.

Il governo italiano intende che ITA, che riceverà un’iniezione pubblica di 1.500 milioni di euro, scelga di acquisire questi beni sanitari da Alitalia in fase di gara, che la Commissione ha chiesto di essere a prezzi di mercato e aperta alla concorrenza. Ma non si sa in quali condizioni sarà fatto. Al momento, potrà ottenere solo tramite negoziazione diretta gli asset assolutamente necessari per operare nel settore dell’aviazione, come aeromobili e diritti di volo.

READ  "Lampedusa non esiste per l'Europa, siamo solo uno slogan"

L’accordo tra il governo italiano e la Commissione Europea per la ristrutturazione di Alitalia non è stato ancora specificato nei dettagli, ma si afferma che tra la vecchia e la nuova compagnia ci sarà un totale “sconvolgimento economico”, il che significa che l’ITA non erediterà i diritti di Alitalia debito. La Commissione ha imposto tale disposizione per evitare che il processo diventasse un aiuto di Stato per Alitalia che avrebbe interferito con la concorrenza. La Fondazione Europea sta ancora indagando se gli 1,3 miliardi di euro versati dallo Stato italiano alla società fallita negli ultimi anni costituissero aiuti di Stato. Alitalia, fallita più volte, è diventata una macchina per inghiottire denaro pubblico. Dallo scorso anno ha ricevuto quasi 300 milioni di euro in aiuti per le aziende colpite dalla pandemia, con l’approvazione di Bruxelles.

Dal simbolo della Dolce Vita al gradiente

Alitalia, conosciuta anche come Alitalia International, decollò per la prima volta nel 1947, come compagnia aerea. I suoi aerei hanno portato in giro per il mondo papi e protagonisti degli anni d’oro della Dolce Vita. Nel glorioso passato erano una sorta di emblema dell’eccellenza italiana. L’azienda è una sorta di patrimonio protetto che da quasi tre decenni non realizza profitti, nonostante le ingenti somme che vari governi vi hanno investito.

Poche volte nella sua storia è stato redditizio. Nel 2008 lo Stato ha lasciato la società per azioni, il cui nome è stato cambiato direttamente in Alitalia, anche se da allora non ha cessato di mantenerla. La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che l’azienda non sia stata in grado di adattarsi alla liberalizzazione del mercato dell’aviazione avvenuta in Europa nel 1997 e alla conseguente concorrenza. Inoltre, è sempre stato escluso dalla tendenza globale dell’aviazione verso le fusioni. Alitalia è un importante datore di lavoro nel Paese, con oltre 10.000 lavoratori diretti.

READ  Prezzo dell'elettricità | Light sale del 54% e lunedì varcherà la soglia dei 200 euro