Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alberto Fernandez viaggia a sorpresa al Summit delle Americhe: dall’invito di Massa al suo ruolo di ‘voce regionale’ | Rumore interno ed esterno

Stasera Alberto Fernandez si recherà a Los Angeles, dove si terrà il Summit delle Americhe, con alcune modifiche e definizioni dell’ultimo minuto. A cominciare dalla sua partecipazione e dal ruolo che avrebbe svolto all’incontro, nella sua duplice veste di Presidente dell’Argentina e di Presidente ad interim della CELAC, quando a tre membri delle Americhe fu vietato di partecipare.

Ma non appena si è deciso che il viaggio si sarebbe svolto – verso la fine della scorsa settimana – ci sono stati dei cambiamenti inaspettati. Un passeggero in meno: già smesso Mattia Colvas, che ha già un’agenda fissa lì. Un altro ospite: Sergio MassaChe lunedì mattina ha ricevuto la telefonata dalla bocca dello stesso presidente di Olivos, andata avanti fino a tarda notte senza conferme né smentite, con la stessa risposta: «Organizza l’agenda parlamentare». Nei giorni in cui Tutti i suoi fuochi brillano All’interno della coalizione di governo, l’ambiguità del Presidente della Camera dei Rappresentanti sembrava riflettere l’intensità del rumore interno e l’auspicata espressione di fastidio più del lavoro parlamentare.

Hype intorno a Scioli e Massa

Il personaggio di Masa appare come un ospite inaspettato subito dopo essere entrato in scena Daniele Osvaldo Cioli, Già eletto ma non ancora assunto (questo avverrà dopo il ritorno del presidente dagli Stati Uniti, sabato prossimo) ministro dello Sviluppo produttivo. Accadde così che, con la sua figura composta solo per metà da un compositore, che rappresenta una sorta di “impresa di unità” e porta con sé la sua vasta “esperienza manageriale”, l’ambasciatore ancora in Brasile sostiene esattamente nella stessa posizione a cui aspira e quello su cui sta lavorando Tegrese. Non è esattamente il ministro.

READ  Cile: Gabriel Boric inaugurato minuto per minuto | "Faremo del nostro meglio", ha detto il nuovo presidente.

Molti rumori interni sono arrivati ​​in luoghi inaspettati, come un gruppo “Regola delle donne”, che riunisce funzionari di prima e seconda linea di tutti i settori del governo. Le “donne al potere” sono rimaste sorprese quando sabato pomeriggio hanno visto che il gruppo WhatsApp in cui condividono attività e idee gestionali, improvvisamente Malina Galmarini “ha lasciato il gruppo”E poi quattro “masse a rete” senza una parola né una spiegazione. Bene, giusto, allo stesso tempo Massa ha finito per confermare che, a parte tutte le sue affermazioni e calci, Scioli era solo un sostituto di Kulfas.

Ruolo regionale

Alberto dirà al vertice quello che proponeva pubblicamente: serve un dialogo senza eccezioni. All’incontro regionale della CELAC sull’educazione, ha già affermato chiaramente che l’embargo contro Cuba e il Venezuela è inutile, e che in questo contesto molto speciale e altamente diseguale, causato da un’epidemia e nel mezzo di una guerra che ha completamente cambiato lo scenario, è impossibile pensare a soluzioni con la struttura della Guerra Fredda, perché la guerra ha fatto precipitare la crisi delle formule di integrazione esistenti, “come hanno individuato dal governo.

Il suo ruolo di presidente ad interim della CELAC influenzerà questa affermazione, non perché si aspetti che una “sedia regionale” in particolare occupi il vertice, ma per la costruzione che ha mostrato in questi giorni. È quello che ha parlato con Andres Manuel Lopez Obrador (che alla fine non parteciperà, il suo ministro degli esteri rappresenterà il Messico), con Maduro (“Alberto sarà la voce del Venezuela”, giurato da Caracas), che ha ottenuto un chiamata di Joe Biden dopo aver confermato la sua partecipazione, Invito a un incontro bilaterale a Washington a luglio.

READ  Il Regno Unito ha modificato la sua lista rossa e ha aperto le frontiere agli argentini: quali requisiti devono essere soddisfatti per viaggiare

In questo contesto, Fernandez contribuirà con il suo voto al vertice che, tra l’altro, pone l’immigrazione come una questione prioritaria, ma senza la presenza di un capo di stato nelle vicinanze, il paese con la più grande comunità di immigrati negli Stati Uniti, e come la nuova e sorprendente “carovana degli immigrati” avanza come un urlo verso quei limiti.