Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alberto Fernandez presenta oggi l’Argentina come ‘creditore ambientale’

Oggi a Glasgow, in Scozia, il presidente Alberto Fernandez inizia la partecipazione dell’Argentina alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26) del 2021, dove Richiederà uno scambio di debito per l’azione per il clima e una nuova assegnazione di diritti speciali di prelievo (DSP) per migliorare l’ambiente.

L’Argentina assumerà la posizione di “creditore ambientale” davanti ai 196 paesi che hanno partecipato alla Scozia per discutere gli effetti del cambiamento climatico.

Il Presidente prenderà parte alla cerimonia di apertura del Leaders Summit, che sarà incaricato dal Primo Ministro britannico, Boris Johnson, nel campus dell’evento scozzese, e poi, a partire dalle 10, parteciperà alla sessione plenaria della COP26.

Nel pomeriggio in Scozia si recherà con altri capi di Stato e di governo alla Kelvingrove Art Gallery, dove prenderà parte al ricevimento del Primo Ministro e poi terrà i discorsi di benvenuto e verrà scattata la tradizionale foto ufficiale.

Martedì parlerà in plenaria al vertice e terrà diversi incontri bilaterali con altre controparti, prima di tornare in Argentina.

Il Regno Unito organizza in collaborazione con l’Italia la COP 26, il più importante meeting mondiale a livello internazionale dove 196 paesi si incontrano ogni anno per sviluppare linee guida per mitigare il cambiamento climatico e adattarsi ai suoi effetti.

Posizione argentina prima della COP26

L’Argentina è impegnata nella Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) e nell’Accordo di Parigi.

Ha consegnato il suo contributo determinato a livello nazionale (CND) nel dicembre 2020 con un livello di ambizione più elevato rispetto al 2016: ridurre le emissioni di gas serra entro il 2030 sarebbe del 25,7% superiore.

READ  Il prezzo dell'elettricità è stato ridotto per tre giorni ed è stato pagato a 128,70 euro

Durante la partecipazione di Alberto Fernandez al Leaders Summit tenuto dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden nell’aprile 2021, è stato annunciato un nuovo aumento del livello di ambizione, che è del 27,7% in più rispetto al 2016.

L’Argentina ritiene che i pilastri di mitigazione, adattamento e finanziamento dell’accordo di Parigi dovrebbero avere un risultato equilibrato.

Ciò è stato particolarmente evidenziato durante l’Americas High Level Dialogue on Climate Ambition, organizzato dall’Argentina lo scorso settembre.

Gli sforzi per la riduzione delle emissioni necessitano di un contesto che consenta lo sviluppo e tenga conto delle diverse debolezze e capacità esistenti nei paesi in via di sviluppo.

Il principio delle responsabilità comuni ma differenziate e l’esistenza di mezzi di attuazione, che tengano conto delle capacità di ciascun paese, alla luce delle diverse circostanze nazionali, sono centrali per l’Argentina nei negoziati.

L’Argentina crede che gli sforzi dei paesi in via di sviluppo debbano essere accompagnati da una maggiore ambizione e impegno nella fornitura e mobilitazione di risorse finanziarie da parte dei paesi sviluppati, al fine di aumentare il livello della nostra ambizione collettiva.

In questa linea, dovrebbero essere compiuti progressi sulle seguenti questioni:

Mobilitare risorse agevolate ea fondo perduto, attraverso banche multilaterali e bilaterali, con operazioni flessibili e trasparenti.

Pagamenti per servizi ambientali regolari

Scambi di debiti per l’azione per il clima.

Una nuova assegnazione di DSP, senza discriminazioni nei confronti dei paesi a reddito medio, per migliorare il nostro ambiente.

– Rimodellare le analisi effettuate dalle agenzie di rating del rischio, per non snaturare la realtà dei nostri Paesi.

– Prestare attenzione al fenomeno del debito irresponsabile – sorto prima della pandemia ed esacerbato da questo virus – con maggiore flessibilità in termini, tassi e condizioni

READ  I primi 100 giorni di Biden: ripresa economica e campagna di vaccinazioni di successo - Telam

L’Argentina è uno dei paesi leader nel riconoscimento internazionale della necessità di lavorare su una definizione comune e una metodologia contabile per la finanza climatica.Al fine di compiere progressi nel raggiungimento degli obiettivi della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) e dell’Accordo di Parigi.

L’Argentina sta lavorando al Piano nazionale di adattamento e mitigazione dei cambiamenti climatici e alla Strategia di sviluppo resiliente, con basse emissioni a lungo termine, che modelleranno e informeranno i contributi a cascata che il Paese apporterà, oltre a gettare le basi per la nostra politica climatica .