Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alberto Fernandez davanti al Summit delle Americhe, con assenze che aprono opportunità | Aspettatevi il discorso del Presidente oggi in plenaria

da Los Angeles

C’è stato un bacio, un abbraccio, una foto con i padroni di casa, una foto del bambino (Alberto Fernandez ha mostrato la foto del figlio al cellulare al momento del saluto formale), il tango “Por Una cabeza” suonato tra la musica in sala, e l’Ingresso della Vittoria con sipario Holywoodense traslato dalla banda in tono. La Presidente e la First Lady Fabiola Yanez hanno partecipato ieri pomeriggio (e ora in Argentina) al Summit delle Americhe con tutte le performance allineate a Los Angeles allo spettacolo di apertura al Microsoft Theatre (lo stesso spettacolo in cui vengono solitamente distribuiti i Grammy) , ma segnato da eccezioni e assenze (Vedi nota separata). Il che apre la partecipazione del Presidente argentino – che parlerà oggi in plenaria in qualità di Presidente Pro Tempor Selac – con particolare attesa.

“Questa è una grande opportunità. La debolezza del vertice è la forza di Alberto”, hanno identificato i delegati. Si riferivano a un Vertice delle Americhe segnato dalla decisione unilaterale della nazione ospitante di escludere Venezuela, Nicaragua e Cuba, e la successiva chiusura delle porte, in modo molto acuto, da parte di Manuel Lopez Obrador. La voce del presidente argentino, in questo contesto e come presidente ad interim della Comunità degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi, appare evidenziata e scavalcata da un’agenda urgente, segnata dalle conseguenze della guerra e dalla questione energetica. La posizione di Fernandez è che non può esserci politica internazionale con embarghi ed eccezioni, e su come dire che nel discorso che terrà oggi al vertice, ha lavorato in questi giorni con Santiago Cafiero, con il quale ha finito di rifinire l’ultimo discorso. Notte in aereo. “La vostra voce sarà la voce del buon senso e della razionalità”, ha detto il ministro degli Esteri dopo aver partecipato alla riunione dei ministri degli Esteri in cui ha rivolto specifiche critiche al ruolo svolto dall’Organizzazione degli Stati americani nella regione e alla politica di blocco.

READ  Aereo venezuelano-iraniano: la magistratura federale approfondirà le indagini sul perseguimento di spionaggio illegale o terrorismo

L’agenda di Fernandez negli Stati Uniti

Alberto Fernandez è arrivato all’aeroporto internazionale di Los Angeles alle 7:37 ora locale, 11:37 in Argentina, su un volo charter Argentine Airlines, con una delegazione ufficiale di dodici – quaranta persone in più hanno viaggiato tra i portavoce e le seconde linee e protocollo, in oltre a tredici giornalisti accreditati. Era accompagnato dalla First Lady Fabiola Janez (il figlio è stato affidato per tre giorni alle cure della nonna materna), Cafiero, Ministro della Salute, Carla Vizzotti, Portavoce del Presidente, Gabriela Cerruti, e Segretario Generale del Consiglio dei Ministri. Presidenza, Julio Vitubello, e Affari Strategici, Gustavo Pelez; Segretari Legali e Tecnici, Vilma Ibarra, e Segretario per il Cambiamento Climatico, Sviluppo Sostenibile e Innovazione, Cecilia Nicolini; Capo di stato maggiore dei consiglieri presidenziali Juan Manuel Olmos e rappresentante Eduardo Valdes.

Sono tre giorni intensi per il presidente e la sua delegazione. Nel pomeriggio ha incontrato il presidente della General Motors Chilpan Amin, accompagnato da Massa, Cafiero, Arguello e Pelez. È stato riferito dalla presidenza che l’azienda ha annunciato la produzione del modello Chevrolet Trakker con un investimento di 350 milioni di dollari nel suo stabilimento di Alvear, Santa Fe. In un’intervista alla stampa, Massa ha concluso che gli imprenditori hanno sollevato la necessità di rimuovere i ricambi auto e le leggi sulla mobilità elettrica (l’azienda prevede la mobilità elettrica completa entro il 2035), per completare un secondo investimento di 900 milioni.

Da parte sua, Vizzotti ha tenuto un incontro bilaterale con il suo omologo statunitense, Xavier Becerra, incentrato sulla gestione della pandemia, sull’agenda globale per la sicurezza sanitaria e sui diritti alla salute sessuale e riproduttiva.

READ  dal vivo Francesco | Pagina 12

Con critiche all’Organizzazione degli Stati americani ed eccezioni

Il ministro degli Esteri Santiago Cafiero è arrivato di recente e ha partecipato alla riunione dei ministri degli Esteri in mattinata ora locale (mezzogiorno argentino). Lì ha preso una posizione forte in relazione al ruolo svolto dall’Organizzazione degli Stati americani nella regione: “L’OAS non dovrebbe legittimare nuovamente operazioni destabilizzanti”, ha affermato. Ha subito criticato: “La distribuzione delle sanzioni e dell’embargo va nella direzione opposta alla ricerca di strumenti efficaci per combattere le disuguaglianze”. Ha sottolineato che “i fatti mostrano che le misure unilaterali ancora in atto nella nostra regione sono fallite e hanno solo portato a sofferenza nella regione”. Il suo intervento, con un forte tono critico, è stato in linea con quello del ministro degli Esteri messicano Marcelo Elbard (intervenuto a nome di Manuel Lopez Obrador), che ha suggerito la necessità di “ristabilire l’Organizzazione degli Stati americani” (Vedi nota separata).

Durante l’incontro sono stati definiti i dettagli dei testi su cui i diversi paesi hanno lavorato e che sono stati preventivamente concordati. Questi i documenti che verranno firmati dai capi di Stato e di governo, tra cui Alberto Fernandez. Nella ricerca di questo consenso come obiettivo prioritario, e a prescindere dai sottotoni e dalle critiche ricevute dai vari interventi, sono stati evidenziati i punti più discussi, dando priorità alla necessità di pervenire a un documento comune.

L’incontro è stato presieduto dal Segretario di Stato degli Stati Uniti, Anthony Blinken, ei Ministri degli Esteri hanno discusso i cinque progetti di impegno politico proposti dal Paese ospitante: l’Inter-American Action Plan on Democratic Governance; il nostro futuro verde e sostenibile; Piano d’azione per la salute e la resilienza nelle Americhe; Programma Regionale per la Trasformazione Digitale; e accelerare la transizione verso l’energia pulita. Sono state aggiunte due iniziative: la bozza della Dichiarazione di Los Angeles sull’immigrazione e la protezione e la bozza del “Nono vertice delle Americhe Dichiarazione sulle buone pratiche di regolamentazione”.

READ  Bolivia: Janine Anez avrebbe tentato il suicidio | Ore fa, è stata accusata di genocidio

Secondo l’agenda ufficiale, sono ancora in corso gli incontri bilaterali con il Primo Ministro del Canada, Justin Trudeau, con il Presidente del Perù, Pedro Castillo, e con il Presidente del Cile, Gabriel Borek, che annuncerà un importante progetto gas che coinvolge entrambi i Paesi in corso. da specificare. La Cena di Gala d’Onore dei Capi di Stato e di Delegazione si svolgerà oggi, con Biden come ospite, presso la Getty Villa, un centro dedicato all’arte e alla cultura greca e romana costruito da un magnate del petrolio, vicino a Malibu.