Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Al via il secondo tribunale per professionisti del diploma in medicina materna e fetale – Ministero della Salute Pubblica di Tucumán

Tucuman guida uno spazio nella rete di medicina fetale del paese, con interventi chirurgici intrauterini, che richiedono molta formazione. La medicina materno-fetale è un campo relativamente nuovo, ed è cresciuto in maniera esponenziale, rendendo più efficaci i controlli prenatali, in particolare sulla base della prevenzione.

Ministro della sanità pubblica dott. Rosana Shahla, ha sottolineato che questo è iniziato nel 2017 con un sogno che avevano con un gruppo di medici e sponsorizzato da un grande professore, il dottor Mario Palermo, dell’UBA (Università di Buenos Aires). “Questo ha instillato in noi questa dedizione alla cura dei pazienti che necessitano degli ultimi ultrasuoni per rilevare eventuali disturbi legati alla diagnosi prenatale. Abbiamo deciso di essere in grado di rispondere e Tucuman è una delle contee a farlo. Questo secondo tribunale deve fare con la formazione di tutte le risorse umane nella diagnosi Medicina prenatale e fetale, diagnosi e trattamento tempestivo.

In questo senso, il funzionario ha sottolineato che Tucuman aveva eseguito più di nove interventi chirurgici intrauterini e che questa testimonianza si estendeva a tutta l’America Latina.

Da parte sua, il Decano della Facoltà di Medicina dell’Università delle Nazioni Unite, Dr Matteo MartinezHa spiegato l’importanza di questo diploma a causa del suo impatto sulla mortalità materna nei neonati. “Oggi apriamo il secondo tribunale che è un’iniziativa che è partita da Tucuman, gran parte degli insegnanti sono di Tucuman e a parte lo sforzo che gli insegnanti hanno messo, penso che ci siano due figure centrali in questo, una di queste la chiamata è stato interpretato dal Ministro della Salute, Dott.ssa Rosana Shahla, come professore fisso presso il Nostro collegio, che ne ha preso l’iniziativa, vedendo l’importanza che ciò potrebbe avere in futuro, e naturalmente affiancato da un eminente accademico come Dott. Mario Palermo, Professore all’UBA, è davvero un lusso”.

READ  Van der Hoen, fuggitivo olandese, sconfigge il Giro Ditalia | Gli sport

Il preside ha riferito che finora ci sono poco più di 90 registrati da più di una mezza dozzina di paesi dell’America Latina: “Il certificato ha una forte componente teorica e, naturalmente, la corrispondente formazione pratica. Un modo semplice per avvicinarsi in modo che i cittadini capiscano che è l’assistenza sanitaria e la riforma che si può fare all’interno dell’utero Se non aspettiamo che nascano e che le operazioni procedano, non aspettiamo che sia difficile da controllare o eventualmente curare e che possa essere corretto per via intrauterina. , uno dei componenti è la chirurgia fetale”. Inoltre, ha detto, 40 professionisti si sono diplomati alla Corte Uno e circa la metà di loro proviene da Tucuman, quindi sperano che questo continui a crescere.

Direttore Associato del Diploma e Membro del Sottosegretario del Ministero della Medicina presso la Facoltà di Medicina, Dott Joanna AbarzaSi tratta di una certificazione importante per una nuova sottospecialità di cui la popolazione ha sempre più bisogno, ha affermato. Ha sottolineato che “è stata costituita una rete di medicina materno-fetale in tutto il Paese e, in particolare, è critica la necessità di poter formare insegnanti e professionisti che si dedicano a questa materia”, sottolineando che la medicina materno-fetale è in questo momento . Il più avanzato il cui aggiornamento è importante per tutti gli insegnanti del paese e anche di altri paesi. “La novità che abbiamo in questo secondo tribunale è la parte pratica, ricordiamo che nel primo è iniziato con un faccia a faccia e poi con l’epidemia l’abbiamo cambiato in misto. Attualmente stiamo facendo questa innovazione di acquisire insegnanti che sono in ogni provincia”, ha aggiunto.

READ  Perdita di capelli e attacchi di panico: quando le conseguenze del COVID-19 sono peggiori della malattia

Infine, il capo del reparto infanzia e gioventù, Dr, Elena Hurtado, osserva che la medicina fetale comporta progressi significativi nella cura delle donne in gravidanza che hanno qualche tipo di patologia fetale che in precedenza non avevano soluzioni: “Questo è un progresso in termini di equità e consente anche ai medici e ad altri colleghi dell’America Latina di offrire una soluzione. Ancora oggi siamo entusiasti di sottoporci per la prima volta alla chirurgia uterina nell’ospedale di maternità e di poter allestire un’unità di medicina materno-fetale. Il primo intervento chirurgico non solo ha gestito tutti gli elementi necessari, ma anche inclusa la possibilità di avere un chirurgo di alto rango per poter eseguire questo tipo di intervento”. Inoltre, ha sottolineato che tutto è stato realizzato grazie al supporto del Ministero, che è stato prezioso, perché ha permesso alle mamme di avere attrezzature di prim’ordine e la capacità di fare esercizi, cioè di essere in prima linea tra tante. istituzioni private del paese.

Galleria fotografica