Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Afghanistan: Denunciano la decapitazione da parte dei talebani di una giovane pallavolista | Mahgoubin Hakimi era un membro della squadra giovanile del paese asiatico

Sembra che la decapitazione di un giocatore di una squadra giovanile di pallavolo afghana lo confermi Crescenti preoccupazioni per i pericoli delle donne nel paese governato dai talebani da agostoQuando occuparono Kabul e costrinsero le forze guidate dagli Stati Uniti a ritirarsi. Mahgoubin Hakimi È il nome della giovane donna che potrebbe essere stata assassinata dai talebani, secondo l’agenzia di stampa Ansa dei media iraniani, Farsi Independent.

La denuncia è stata presentata attraverso questo mezzo dall’ex allenatore della squadra giovanile, che ha usato lo pseudonimo Soraya Afdali per proteggere la sua identità. Secondo il racconto della donna: La giovane è stata uccisa all’inizio di ottobre, ma la sua famiglia non ha diffuso la notizia per paura di rappresaglie. Alcuni atleti che sono riusciti a fuggire all’estero hanno deplorato l’uccisione di un altro giocatore della squadra ad agosto.

All’inizio di settembre, il vice capo del Comitato per la cultura dei talebani, Ahmadullah Wasiq, ha affermato francamente che alle donne sarebbe stato vietato giocare a cricket oa qualsiasi altro gioco. Lo sport in cui mostrano il loro corpo. Questa dichiarazione è stata accompagnata da altre azioni del governo talebano come la risoluzione Sostituire il Ministero delle Donne E lo sostituì con la Promozione della Virtù e la Prevenzione del Vizio.

Hakimi era un giocatore di pallavolo per la squadra del comune della capitale afghana Secondo il suo allenatore, le circostanze dell’omicidio dell’atleta erano note solo alla sua famiglia. Ma è presumibilmente legato alla rigida interpretazione del Corano preparata dai talebani che riduce i diritti delle donne a servire le proprie famiglie.

READ  Matthias Delgado vince il titolo mondiale MTB in Italia

Secondo l’intervista riportata dall’ANSA, l’allenatore ha indicato che i giocatori della squadra giovanile sono riusciti a fuggire dal Paese, ma gli altri sono stati “costretti a fuggire e nascondersi”, come tentativi “di aiutare le organizzazioni internazionali e globali”. paesi non ci sono riusciti.

Settimane fa, circa 30 atleti della squadra di pallavolo afghana hanno denunciato la paura di violenze e rappresaglie da parte dei talebani per le loro attività sportive, e hanno chiesto aiuto alla comunità internazionale per lasciare il Paese.