Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Accusano la Russia di bombardare un porto ucraino | Dopo l’accordo per consentire a Kiev di esportare grano

Solo un giorno dopo la firma dell’accordo per riprendere l’esportazione di grano attraverso il Mar NeroE il Sabato l’Ucraina ha accusato la Russia di aver lanciato missili nel porto strategico di Odessa e di “sempre” mantenere le sue promesse. Il porto di Odessa è stato attaccato proprio durante la lavorazione delle spedizioni di grano. (…) Hanno attaccato un’area dove c’è grano”, ha detto il portavoce militare Yuri Ignat, dopo che due missili da crociera Kalibr hanno colpito l’infrastruttura portuale e altri due sono stati abbattuti.

negazione russa

Sabato, il ministro della Difesa turco Hokusi Akar ha affermato che le autorità russe hanno negato il coinvolgimento nell’attacco di sabato. “I russi ci hanno detto che non avevano assolutamente nulla a che fare con l’attacco e che stanno studiando da vicino la questione”, ha detto. Tuttavia, il ministro ha riconosciuto che l’incidente era ovviamente preoccupante. Perché il suo Paese si fa garante di un accordo che trasforma Odessa e altri due porti del Paese in zone sicure per l’esportazione di grano.

Un portavoce dell’amministrazione ucraina a Odessa, Serhiy Prachuk, ha confermato il lancio di quattro missili nel porto. Uno ha colpito l’area commerciale, mentre gli altri due sono stati intercettati dal sistema di difesa aerea ucraino. Il quarto missile avrebbe potuto colpire un’altra zona del porto. Brachuk ha confermato che tutti i proiettili erano del modello Kalibr utilizzato dalle forze russe.

Il ministero degli Esteri ucraino ha affermato, riferendosi al quarto missile che ha colpito l’area portuale, che “l’attacco è scaturito da Vladimir Putin in faccia al segretario generale dell’Onu Antonio Guterres e al presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan”.

READ  Almeno 11 migranti sono morti a Gracia dopo l'affondamento di un dhow

Da parte sua, il ministro delle Infrastrutture ucraino, Oleksandr Kobrakov, ha confermato che l’Ucraina continuerà a rispettare i termini dell’Accordo di Istanbul, per quanto riguarda la parte ad esso conforme. Il ministro ha sottolineato che i bombardamenti non fermeranno il lavoro delle autorità ucraine. Ha osservato che “non ci fidiamo della Russia, ma ci fidiamo dei nostri partner e alleati, motivo per cui l’iniziativa per il trasporto sicuro di cereali e prodotti alimentari dai porti ucraini è stata firmata con le Nazioni Unite e la Turchia, e non con la Russia”.

Affare

L’accordo raggiunto a Istanbul è il primo grande accordo tra le parti in guerra dall’invasione russa del 24 febbraio ed è stato atteso con impazienza per alleviare la fame. Che, secondo le Nazioni Unite, deve affrontare altri 47 milioni di persone a causa della guerra.

L’Ucraina ha rifiutato di firmare direttamente lo stesso documento con la Russia, quindi i due paesi hanno firmato separatamente accordi simili con la Turchia e le Nazioni Unite.Guterres ed Erdogan hanno partecipato al Palazzo Dolmabahce di Istanbul.

prima di firmare, L’Ucraina ha avvertito che fornirà una risposta militare immediata se la Russia viola l’accordo e attacca le sue navi o fa irruzione nei suoi porti. Il presidente ucraino ha affermato che le Nazioni Unite dovrebbero garantire il rispetto dell’accordo, che include il transito di navi con grano ucraino attraverso corridoi sicuri per evitare le mine nel Mar Nero.

Fino a 20 milioni di tonnellate di grano e altri cereali sono stati bloccati nei porti ucraini, in particolare Odessa, dalle navi da guerra russe e dalle mine piantate da Kiev per prevenire un assalto anfibio. Volodymyr Zelensky stima che il valore totale del grano ucraino sia di circa $ 10 miliardi.

READ  L'affondamento della nave da guerra Moskva solleva tesi interrogativi in ​​Russia sul destino del suo equipaggio

Secondo fonti del ministero dell’Agricoltura ucraino, citando Ukrinform, ci sono cereali immagazzinati nel porto di Odessa pronti per l’esportazione, sebbene il loro volume non sia specificato. Secondo quel mezzo, “Non separeremo questa spedizione in dettaglio, perché è responsabilità della gestione dell’infrastruttura. Ma le prime spedizioni sono in preparazione per domani o dopodomani”.

Ramificazioni

Il presidente ucraino ha affermato che l’attacco al porto di Odessa mostra semplicemente che Mosca sta cercando modi per annullare l’accordo sull’esportazione di grano firmato solo il giorno prima con Nazioni Unite, Turchia e Ucraina. “Questo dimostra solo una cosa: qualunque cosa la Russia dica e prometta, troverà il modo di annullarla”, ha detto Zelensky. In un video pubblicato su Telegram.

“Ieri tutte le parti hanno preso un chiaro impegno nei confronti del mondo per garantire il movimento sicuro del grano ucraino e dei prodotti correlati”, ha osservato Farhan Haq, vice portavoce del Segretario generale delle Nazioni Unite. Prendendo atto della gravità dell’attuale situazione mondiale per quanto riguarda la sicurezza alimentare Milioni di persone in tutto il mondo hanno bisogno di questi prodotti per alleviare la crisi alimentare globale e la sofferenza della popolazione colpita. È imperativo che Russia, Ucraina e Turchia rispettino pienamente i termini”.Un portavoce delle Nazioni Unite ha aggiunto.

Da parte sua, il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, ha definito riprovevole l’attacco missilistico russo. “Il raggiungimento di un importante obiettivo di esportazione di grano il giorno dopo la firma degli Accordi di Istanbul è particolarmente riprovevole e mostra ancora una volta il completo disprezzo della Russia per il diritto e gli obblighi internazionali”, ha scritto Borrell su Twitter.

READ  La Cina continua ad attaccare Taiwan: le ipotesi dietro una pericolosa escalation

Il portavoce del ministero degli Esteri ucraino, Oleg Nikolenko, ha aggiunto che la Russia dovrebbe assumersi la “piena responsabilità” in caso di violazione di questo accordo. Riferendosi ai mediatori dell’accordo, il portavoce ha aggiunto: “Si tratta di un attacco di Vladimir Putin al segretario generale dell’Onu Antonio Guterres e al presidente turco Recep Tayyip Erdogan”.

Reazioni di disapprovazione si sono estese anche alla diplomazia statunitense, il cui ambasciatore a Kiev, Bridge Brink, ha ricordato via Twitter che l’accordo sul grano non era stato firmato 24 ore fa e che la Russia deve essere ritenuta responsabile di quanto accaduto.