Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Abel Balbo farà il suo debutto in Argentina come DT nel centro di Cordoba a Santiago del Estero e sarà accompagnato da Julio Lamas.

Otto mesi dopo aver dichiarato il suo desiderio di iniziare la sua carriera di allenatore, Abele nell’autobus Avrà la sua prima opportunità nel Paese in questo ruolo. L’ex attaccante argentino ha raggiunto un accordo sulla leadership Cordova centrale a Santiago del Estero, Arriverà questa settimana dall’Italia e sarà presentato ufficialmente dal club, dove assumerà le sue funzioni con l’aiuto di un assistente molto speciale nel suo staff tecnico: Giulio Lama.

A dicembre, in visita in Argentina, Balbo ha ammesso di essere concentrato sulla ripresa della sua tappa come DT, dopo un breve passo avanti rispetto a Treviso S Aretsu In ascesa italiana da più di un decennio, motivo per cui stava formando un gruppo di lavoro. C’è stata una sorpresa nei suoi piani per includere l’ex allenatore della squadra di basket argentina, qualcosa che ora sta prendendo forma. Mesi fa, infatti, i loro nomi sono emersi come candidati a subentrare al San Lorenzo quando Lamas ha annunciato attraverso i social network che avrebbe lasciato lo sport a cui era stato a lungo associato con grande successo per affrontare una sfida diversa.

Balbo realizzerà il suo sogno di regista in Argentina; Arriverà dall’Italia la prossima settimana

“Giulio è una persona molto conosciuta nel mondo dello sport, molto intelligente, molto disponibile con tutto ciò che riguarda la gestione di un gruppo. Logicamente non si allenerebbe ma è una persona molto seria, È un “10” e voglio un “10” al mio fianco, Spiegazione in quell’occasione ESPN Santa Fe, 56 anni. Lamas amava le sfide e dopo aver vissuto quattro anni in Giappone, lontano dalla famiglia durante la pandemia di Covid-19, ha voluto che il progetto fosse in un club argentino.

READ  ◉ Il fiume di oggi: gli undici decisi contro Talleres, il ritorno degli "impiccati" e le ultime notizie

Come calciatore, Balbo ha esordito nel Newell’s, ha attraversato il River e si è ritirato al Boca, ma ha trascorso gran parte della sua carriera in Italia, dove ha giocato dopo aver lasciato la squadra del milionario a Udinese, Roma (in due tempi), Parma e Fiorentina. Ha vestito la maglia della nazionale dal 1989 al 1998, dove ha fatto parte della squadra che ha disputato i Mondiali del 1990, 1994 e 1998, nonché di quelle che hanno giocato nella Copa America del 1989 e del 1995.

Nato a Embalm Villa Constitución il 1 giugno 1966, l’ex marcatore qualche tempo fa ha confermato in un’intervista a LA NACION che non ha smesso di lavorare nel calcio dal 2007, quando è diventato allenatore: “Ho guidato la promozione, ero un manager nei campi sportivi … Sì, negli ultimi cinque o sei anni mi sono dedicato alla mia famiglia perché ho due dei miei figli che studiano negli Stati Uniti e un altro in Spagna, quindi è stato molto difficile per noi andare a lavoro e ho lasciato sola mia moglie così mi sono dedicata alla mia famiglia, ma sono rimasta in contatto, insegno in varie accademie, negli Stati Uniti, in Canada e in Australia, preparo ragazzi e allenatori”.

Julio Lamas, da allenatore della squadra di basket giapponese ad assistente di calcio di Abel Balbo
Julio Lamas, da allenatore della squadra di basket giapponese ad assistente di calcio di Abel BalboSilvana Colombo

Da parte sua, Lamas ha rivelato di non avere alcuna intenzione di dedicarsi al calcio, che non era il suo piano originale quando ha lasciato il basket. Ma l’invito lo provocò: “Balbo mi ha invitato a costituire un organismo tecnico multidisciplinare, non ho conoscenze tattiche o tecniche, ma mi è piaciuta la proposta e la sua personalità. L’ho conosciuto prima delle Olimpiadi, quando ha incontrato Juan Jose Concina, il candidato alla presidenza di Newell, per offrirmi il direttore sportivo del club. Mi ha chiarito che ci sarebbe stato un responsabile del calcio, che sarebbe stato indipendente, e che sarebbe stato Abel. Lo abbiamo incontrato, ci siamo conosciuti e abbiamo subito avuto un’ottima connessione. Abbiamo parlato di cosa avremmo fatto, di come ci saremmo completati a vicenda se Konsina avesse vinto, ma poiché ciò non è accaduto, non è andato tutto a vuoto e sono andato ai Giochi con il Giappone”.

READ  Giroud: Beniam Jermay, il primo ciclista nero africano a vincere una tappa di un Grand Tour | Gli sport

“Quando sono tornato, Abel mi ha chiamato e mi ha fatto questo invito, voglio restare in Argentina”, ha detto Julio, allenatore di basket da più di 40 anni e professionista da 33 anni. È stato campione con San Lorenzo, Boca, Libertad de Senchal e Ben-Hur de Rafaela, e con la nazionale argentina, che ha diretto per sette anni – in due diversi tornei – ed è stato anche suo assistente.

Il momento sportivo che sta vivendo nel centro di Cordoba è preciso: È 20° nella classifica della Pro League ed è vicinissimo all’ingresso in zona retrocessione in Seconda Divisione Nazionale. Dopo le dimissioni di Sergio Rondina, la squadra ha giocato due partite con il ruolo ad interim di Adrien Adrofer, un pareggio con l’Estudiantes di La Plata e una sconfitta contro Patronato.