Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Abbiamo annunciato un vaccino che promette di rivoluzionare la pediatria

“Questo vaccino prevede una rivoluzione nel sistema sanitario. I risultati sono molto conclusivi, l’ultima volta si pensava che la protezione fino al 40% non fosse stata raggiunta e ora è stata ampiamente superata. Cambierà il corso delle malattie dei bambini, perché libererà gli ospedali da molti casi pericolosiDisse a Tellam Fernando Pollack Direttore Scientifico della Fondazione per l’Infanzia.

Cos’è la bronchiolite

Il bronchiolite È un’infezione respiratoria acuta che si verifica più frequentemente nei mesi autunnali e invernali Colpisce principalmente i bambini di età inferiore a un anno.. Possono essere causati da vari virus; Il più comune è il virus respiratorio sinciziale (RSV).

“Il 70% dei bambini che vengono ricoverati in ospedale in inverno con bronchiolite, confondono gli ospedali e creano una tremenda tensione nel servizio medico”, Pollack ha identificato e spiegato che nei paesi in via di sviluppo “il 50% muore in casa, muore in silenzio”.

Secondo l’ultimo Bollettino Epidemiologico Nazionale emesso dal Ministero della Salute del Paese, Nel 2022 sono stati segnalati 173.723 casi di bronchioliteIl tasso di infezione cumulativo era di 11.861,8 casi / 100.000 residenti.

In Argentina, questa malattia causata dal virus RSV provoca circa 20.000 ricoveri ogni anno Circa 600 morti prevenibili di bambini di età inferiore a un anno.

“Con il vaccino ci sarà un cambio di paradigma, perché con la vaccinazione si eviterà l’80% dei casi gravi”, ha spiegato Pollack.

Le madri in gravidanza verranno vaccinate

Questo tipo di vaccino viene somministrato alla donna incinta, così come viene somministrato oggi per l’influenza o la pertosse, fino alla nascita del bambino pronto ad affrontare queste malattie grazie agli anticorpi forniti dalla madre.

READ  La vaccinazione obbligatoria non è saggia?

“Si tratta di un vaccino studiato per essere somministrato a una madre che è stata più volte in contatto con il virus durante la sua vita, e poi trasmette gli anticorpi al bambino attraverso la placenta. Il bambino, con gli anticorpi, è protetto fino a 6 mesi” Spiegato da Tellam Romina Lipster, pediatra, ricercatrice e specialista in vaccini.

“Il momento più vulnerabile è il primo anno, in particolare i primi sei mesi, quindi ciò che è richiesto è che alla nascita sia già protetto”, ha aggiunto.

Bronchiolite .jpg

Come sono state le sperimentazioni sui vaccini?

Lo studio clinico pilota ha incluso 7.400 donne in gravidanza <49 anni di età da 18 paesi a giugno 2020. A partire dalla fine del secondo trimestre, metà delle madri è stata assegnata in modo casuale a ricevere una singola dose di vaccino e l'altra metà una singola dose . Versione placebo.

In Argentina, 942 donne hanno partecipato allo studio presso l’Ospedale Militare di Buenos Aires, a Osinac e nei centri sanitari delle province di Salta e Tucuman.

Il follow-up delle madri è stato continuato fino a sei mesi dopo la nascita e i bambini sono stati seguiti fino a 1 anno di età. Un sottogruppo di ragazzi sarà seguito per due anni.

Risultati positivi ottenuti nel Maternal Immunization for Safety and Efficacy Study (MATIS), Pfizer ha previsto che avrebbe inviato i dati per la pubblicazione su una rivista scientifica. Successivamente, la Food and Drug Administration (FDA) statunitense, l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) e l’Argentinian Pharmaceuticals, tra gli altri enti regolatori, dovrebbero approvare questa misura nei prossimi mesi.

se approvato, Sarà il primo vaccino materno al mondo contro il virus della bronchiolite nei neonati. “Questo cambierà radicalmente la salute pubblica”, ha osservato Lipster. “Protegge l’80% delle malattie gravi nei primi tre mesi di vita e l’impatto è enorme”.

READ  Luis Camera, MD, consigliere del governo: "Possiamo arrivare a Natale con più di seimila casi di coronavirus"

“Questo vaccino ha un impatto non solo nel salvare vite umane, ma anche nella realtà di milioni di famiglie”, ha concluso lo specialista.