Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

A proposito del libro 108 metri. Il nuovo eroe della classe operaia, di Alberto Brunetti | giornale

È la fine di novembre. Maradona è morto un anno fa. Le immagini vengono trasmesse alla TV: ci sono persone che improvvisano massacri e lasciano fiori ovunque e imprecano come dovrebbero; C’è chi scrive ciò che sente sulla carta, chi sostiene perché lo vuole nonostante il suo rammarico, c’è chi accende un fuoco per arrostire qualche salsiccia, chi taglia bottiglie di plastica per versare vino con lo sprite, chi mostra 10 tatuaggi con la palla, il suo amico, che non inquina; C’è una persona, in particolare, che si fa tatuare e dice “Guarda, guarda Diego per la gente, matto. Sulla pelle, Diego, polodo” e continua a colpirlo, salta e dice anche che l’hanno buttato fuori di lavoro, la conchiglia della madre, e nello stesso tempo canta allegramente Con la sua bocca sdentata: “Una bandiera con scritto ‘Che Guevara’, una coppia rock and roll e una canna fumante”.

C’è anche chi non capisce niente. Una preghiera per loro. Sì, c’è chi commenta le sue storie migliori, come chi ricorda che il 1° gennaio 1980 Maradona fece lo scherzo a un tavolino in strada a La Paternal; Ci sono quelli che parlano di dove si trovavano un anno fa e che preferirebbero discutere da dove provenissero gli aquiloni cosmici quando il pianeta Terra è sorto. La vecchia signora mi scrive: impasta. Il mio vecchio, in pensione, riposa. La puttana mi ruggisce quando controllo la palla, la palla che non puoi raggiungere mentre sputo “E tutte le persone hanno cantato, Marado, Marado, è nata la mano di Dio, Marado, Marado”, finché non ho calciato la palla verso il prossimo e mi viene voglia di scavalcare il recinto urlo un gol così le mie lacrime seguono, una volta per tutte, il destino che si meritano.

È fine novembre e vedo il libro sul tavolo, tra il caravan dell’Euskaltel Euskadi e la radio che ha il quadrante montato sulla stazione che suona il tango. L’ho guardato. il suo nome 108 metro. Il nuovo campione della classe operaia (Tin foil, 2021) e scritto da Tano Alberto Brunetti. Mi attira la foto di copertina, dove i giocatori del Livorno sfoggiano le loro belle stampe: un arciere alto, uno con mulinello e baffi e altri due con facce buffe, e penso: se mi chiedessero dove sono, io’ d scegliere di andare in mezzo a loro.

Ma questo non è un libro sul calcio, ma un libro sulla classe operaia, il secondo libro di Brunetti, a dire il vero. Perché sì: la classe operaia resiste, vive e lotta. Allora ho chiesto a Bronte che succede, e perché Livorno come copertina di un libro di cui parla quando la sua emigrazione in Inghilterra ha saputo del fango e della camomilla (Thatcher), e dei grembiuli dei cuochi, e dell’eterno splendore che viene dal ritorno dall’esilio . “Era un mito della mia infanzia”, ​​dice generosamente Alberto, “l’idea che il calcio non è solo non più, non è per quello che ho preteso”, Mi disse che era andato con suo padre a vedere il calcio proletario, non le partite di prima classe, e che da lì associava sempre il calcio che gli operai giocavano la domenica, immagino, quando erano liberi. “Associo offre sempre formaggio a giocato da operai alle domeniche con mio padre. Lui Stesso era un’opera, lavorava in acciaierie e raffinerie nel nord dell’Italia e tornava a casa da solo nei tempi migliori. Il mio rapporto con mio padre era di Piccolo collegato a uno stadio.”

attraverso il porto

108 metro. Il nuovo campione della classe operaia Parla di qualcos’altro, oltre al calcio che funge da metafora o da parallelo. Il libro, ovviamente, parla della classe operaia. Ma non parla da un luogo comodo o da un indicatore – o peggio, da un giudizio – ma piuttosto da una storia raccontata dalla prima persona, nel suo corpo, con la sofferenza tra le dita, per rivendicare la sua personale responsabilità per le storie, come io fare, dice l’autore.

A tal fine, il personaggio è figlio di una casalinga e mineralogista, tutti italiani. Figlio di operai, che è la prima generazione di studenti universitari, eppure migrano per lavorare. Una storia che molti di noi probabilmente conoscono. Pertanto, non è difficile entrare in empatia con il personaggio quasi immediatamente.

Non so quante storie tu, il lettore o il lettore, puoi vedere di persone che cambiano paese in tempi di crisi, ma credimi, lavorare all’estero passa attraverso molti momenti dolorosi e tristi di impotenza. Lavori in nero, hai datori di lavoro miserabili, subisci discriminazioni di ogni genere, vivi in ​​uno stato di vulnerabilità, e in caso di guai non ci sono finestre da colpire, e “Se ti beccano senza documenti ti assumono su un aereo”, come canta Jaime Ross, Questo è corretto.

tutto dentro 108 metro. Il nuovo campione della classe operaia. Il luogo in cui si svolgono gli eventi è l’Inghilterra per Margaret Thatcher e il dio che salva la regina. in qualsiasi momento. Brunetti parla di sé e dei disagi che ha attraversato lavorando nei ristoranti e ha un motivo: “Per raccontarci da soli o altrimenti ci racconteranno da fuori o come vittime o come poveri a cui bisogna ogni tanto quanto getterò un orso per beneficenza o eat carogne e demonizzandoci dobbiamoci. trovare le nostre parole per raccontarci. With umorism, with tenerezza, with alegria, with anger.”

questo salvataggio

Possono impedire molte cose, ma le parole non ci uccidono mai. Voglio soffermarmi su queste ultime nozioni di Bronte: umorismo, tenerezza e rabbia. È incredibile come appare in quasi 200 pagine del libro. Non è che siano stati messi lì per capricci retorici o cose del genere, ma piuttosto che nascono dalla razza, dai personaggi e dal loro andirivieni, e dalla simbiosi di giovani appena agli inizi nel mondo del lavoro e della anziano. Chi di malattie ne sa più degli euro – argomenti, l’uno o l’altro, che a volte sembrano dimenticati a causa delle narrazioni che ci circondano. Quello che voglio dire è che le esperienze private della classe operaia sono esagerate, strane, quasi fantasiose (l’immaginazione è come la capacità di immaginare qualcosa), e in questo umorismo inventato è salvezza, la tenerezza è gioia e la rabbia serve per conquistare – quest’ultimo come Sisifo, in molti casi, Vincere, vincere, vincere, vincere.

“Per me è necessario divertirsi. Non voglio raccontare storie di lavoratori piene di ideologia. La mia canzone d’amore per la classe operaia è fatta di racconti, storie frivole, battaglie, calcio e canzoni. La vita vera, i suoi alti e bassi e la sua battaglia contro i mulini a vento. […] Commedia con protagonista nella tradizione di Morgante e Margot o Lazarello de Tormes. Con una tuta blu però. o cocinero cantiere”, Bronte sostiene in proposito. Perché sì: questo libro contiene molti file spaghetti western. C’è uno spirito comico ed eroico allo stesso tempo. Può simpatizzare molto con i personaggi 108 metri Che, senza rendersene conto, si possa raggiungere una certa empatia con i comportamenti creatori di guaiPuoi aggrapparti al comportamento discutibile di un latino di fronte ai suoi superiori o provare il dolore di un giovane impiegato universitario, come Bronte, perché in tutti quei casi quello che stringe la testa e scuote il cuore è il fastidio di chi ha più potere . O non vuoi rompere le finestre di qualcuno che ti sputa in faccia? (Intendo il desiderio, non lo faccio.)

Bronte dice che le cose che sento sono vere. Parla di mondi. Indica che non sono pochi quelli che classificano la classe operaia come outsider, e che non vogliono più essere annusati come un operaio, vecchio, come il lavoro. Per Brunetti è tutta una questione di borghesia: divertimento, vacanze e shopping. Assaggia, incera, dimagrisci, deumidifica gli ambienti. suda. Sì, ma in palestra. Lo dice Brunetti e vedo l’avversario. Vedo anche la maglia del Livorno, la maglia di Cristiano Lucarelli per esempio, e mi è chiaro dove devi stare in campo per non perdere l’eredità.

Titolo, 108 metri, è una sorta di omaggio ai binari della ferrovia che venivano realizzati presso l’acciaieria dove lavorava il padre di Brunetti, Don Renato. In quella parte d’Italia, tra le interminabili giornate di lavorazione dei metalli, padre e figlio erano d’accordo su una cosa: il calcio che amavano. Andiamo a domenica assieme a vedere parte di calcio proletario. Il mio rapporto con mio padre, era da Piccolo Colegato alle senz Tribune di Cement”, Lo scrittore lo sa.

Così guardo un video in cui Maradona dice quale canzone di corte migliore e ride e ride e vive, malizioso, il labbro superiore leggermente sollevato al lato del cuore, ridendo tutta la vita, cantando, bello, con gli occhi al cielo, ridendo quando canta, e guardo il tatuaggio di Che Guevara mentre La salsiccia diventa marrone, il vino va nella bottiglia di plastica tagliata e canta anche il ragazzo magro che tiene Diego sulla sua pelle, vede la gomma e qualche dente, ma canta follemente della vita. Che volo. È bello come una pagina 108 metri Dove il protagonista fissa un dolce traguardo: “Sono felice di fare pace con il calcio. Perché c’è stato un tempo per me, essendo un ragazzino sfortunato, non era lo sport o il divertimento. Era una tattica di sopravvivenza e una strategia per tenermi in piedi sull’asfalto. Se sono cresciuto per strada era un must. Avere una mano capace di tirare un pugno della buonanotte o un calcio stile Batistuta. Certo, se tuo padre è un economista, non lo fai bisogno di giocare a calcio, puoi guardarlo in TV. Puoi considerarlo uno sport o un intrattenimento, un’attività di svago. Oppure puoi anche essere arrogante e dire che preferisci il tennis. Ma quando giochi per strada mentre i tuoi genitori sono lavorare e interagire con gruppi di ragazzi frustrati dalla vita e cresciuti a schiaffi, credetemi, essere in grado di stare in piedi da soli ha senso”.

READ  “È tanto, del resto l'ho difesa a morte” - Paparazzi Magazine