Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

A circa 850 migranti su barche delle ONG è stato chiesto di sbarcare in Italia

ROMA, 20 giugno. Circa 850 migranti sono a bordo di tre navi volontari, tra cui la spagnola Ida Mari, dopo una settimana di operazioni di salvataggio nel Mediterraneo, e sono state invitate a sbarcare in Italia il prima possibile.

Sulle coste della Sicilia, nel sud Italia, c’è un’organizzazione di volontariato tedesca, CII4, che è identica a 474 migranti, alcuni dei quali sono stati soccorsi sette giorni fa, per i quali l’organizzazione ha chiesto “un porto il prima possibile perché hanno bisogno di cure per terra.” .

Inoltre, 18 migranti sono stati evacuati dalla Guardia Costiera italiana a causa di problemi di salute e molti di loro hanno riportato ustioni e ferite. L’ONG ha spiegato sui suoi social media che uno degli sgomberati aveva riportato ferite significative in un incidente d’auto in Libia.

Aita Mari di Salvamento Marítimo, un ente di beneficenza spagnolo, “ha chiesto un porto di emergenza per 112 sopravvissuti in tutti i tipi di odissee”. “Alcuni sono già a bordo da 6 giorni. Meritano un’attenzione decente e una risposta rapida”, ha sottolineato.

Nella zona si trova Sea Watch 4, ente di beneficenza di volontariato con lo stesso nome, che in 24 ore ha portato in salvo 261 migranti, 165 dei quali sono stati trasferiti dalla nave umanitaria Louise Michael, finanziata dall’artista Pangxi. Tutti i 96 furono trasferiti sulla nave dopo che la nave mercantile fu recuperata da Aslihan.

“Dopo 24 ore senza l’assistenza di Italia e Malta, le 96 persone salvate dalla nave mercantile Aslihan hanno dovuto essere trasferite dalla sorveglianza marittima per fornire loro l’assistenza e l’assistenza medica di cui avevano bisogno”, ha affermato Sea Watch.

READ  Nairo Quintana si rammarica di non poter partecipare al nuovo Giro d'Italia.

L’arrivo delle navi all’isola di Lampedusa, a sud dell’Italia e a poche miglia al largo delle coste africane, presso il centro di accoglienza dell’isola, è sceso nuovamente a 870 persone, con una capacità di circa 250.

Da inizio anno sono 23.582 i migranti arrivati ​​sulle coste italiane, rispetto ai 18.359 dello stesso periodo del 2021, secondo gli ultimi dati del Viminale al 17 giugno. EFE

ccg / ig