Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

A causa della complessità dell’importazione, una PMI argentina ha acquistato 120 stampanti 3D per produrre i suoi pezzi di ricambio

Inizia da Difficoltà nell’importazione di pezzi di ricambio dalla Cina per la tua azienda di display a LED, Saverio Mirandaun piccolo e medio imprenditore di periferia, non se ne stava a guardare e iniziò a stamparlo nella sua stessa fabbrica.

“Abbiamo 120 stampanti 3D con cui produciamo parti e parti che non ci arrivano dalla Cina a causa della complessità dell’importazione: moduli e pannelli per schermi LED, alcuni totem che abbiamo inventato per contenere il suono e loghi 3D per tutti i nostri prodotti”, afferma Grupo. Il fondatore di Uno LED, afferma: “Quando il problema dell’importazione è risolto, lo stesso Continuerò a stampare qui, Perché questo ci rende autosufficienti. Possiamo ottenere parti e prodotti quando ne hai bisogno senza aspettare scartoffie e spedizioni. Inoltre, stiamo generando fonti di lavoro in Argentina invece di pagare i cinesi, e qui stiamo lasciando la valuta estera”.

Proprio come Miranda, migliaia di imprenditori e imprenditori di vari settori, dagli elettrodomestici all’odontoiatria, dall’ortopedia, alle officine di biciclette e motocicli, si stanno rivolgendo alla stampa 3D, sia con le proprie attrezzature che appaltando un servizio. Il fenomeno è stato accelerato dalle difficoltà interne e internazionali dovute alla crisi globale delle filiere a seguito della pandemia e della guerra in Ucraina.

per Gustavo Rodriguez, ITBA Industrial Engineering Career Director e Engineering Consultant, la stampa 3D sta generando una nuova rivoluzione nel campo industriale. “Questa tecnologia, sebbene sia in fase di sviluppo da più di tre decenni, Si è evoluto dalla prototipazione alla produzione del prodotto. Non ha più senso spostare i pezzi di ricambio da un continente all’altro o accumulare pezzi di ricambio che possiamo stampare direttamente nei nostri stabilimenti, riducendo i costi e i tempi di riparazione e produzione”.

READ  Truffe WhatsApp: un modo in cui migliaia di persone continuano a innamorarsene

Rodriguez sottolinea l’emergere di “Fattorie di stampa 3D dove vengono realizzati i prodotti, soprattutto su scale medie. Tra i vantaggi rispetto al tradizionale sistema di attrezzaggio, spiccano il maestro e il consulente: “Flessibilità, perché è possibile stampare combinazioni di pezzi di diversi colori e disegni, e la velocità di farlo”.

Un altro punto positivo della stampa 3D Riduzione dei costi perché è possibile eseguire il rendering degli oggetti senza la necessità di un modello o di un arrayIl che significa un grande investimento. Tuttavia, questa tecnica richiede un file digitale 3D per poter copiare l’oggetto o la parte desiderati. “Questo file può essere ottenuto mediante la scansione 3D della parte che voglio duplicare, la parte che è rotta, che non posso ottenere o importare è in ritardo e che chiude la linea di produzione”, spiega l’insegnante e consulente.

Martin Villagra, un dentista, stampa i pezzi per aiutarlo con i suoi compiti odontoiatrici

Evidenzia anche Rodríguez La necessità di includere nuove tecnologie di “fabbricazione digitale” in tutti i curricula ingegneristici. “Esistono molte tecnologie 3D per diverse applicazioni”, spiega. “Dobbiamo determinare qual è il requisito per quel pezzo o prodotto per applicare al meglio la tecnologia che risolve”.

Uno dei settori in cui ce ne sono di più La stampa 3D è salute. Dal taglio dentale e ortodonzia, attraverso Protesi ortopediche prodotte e distribuite da Gino Tobaro (Fondatore di Atomic Lab) fino al Bioprinting su tessuto umano.

“La stampa 3D è un enorme progresso in odontoiatria”, afferma il dentista e specialista in impianti di La Plata. Martin Vilagra Abate. “Avere uno scanner orale e una stampante 3D mi consentono di offrire ai pazienti più opzioni e accelerare i tempi di trattamento. Oggi lo uso per generare guide implantari microchirurgiche, modelli ortodontici e altre parti su cui ho fatto affidamento nella mia officina di odontotecnico ” lui dice.

READ  Steam Deck mostra i suoi componenti interni in un nuovo video con diversi avvertimenti

La società emergente di design medico, fondata nel 2018 da un designer industriale e studente di ingegneria elettronica a La Plata, Repliche di organi stampati in 3D per test preoperatori. Webio, fondata da un belga e due imprenditori francesi a Buenos Aires, si dedica alla “biostampa” di tessuti per test nell’industria farmaceutica, utilizzando “bioinks” con cui possono stampare cartilagini e tessutiCon l’obiettivo di ricostruire interi organi.

Nel frattempo, Raomed, creata da medici e biotecnologi di Cordova, produce protesi biocompatibili per persone che hanno subito traumi o incidenti, a un costo dieci volte inferiore a quello di un pezzo simile importato.

Si è tenuto ITBA 3D Hub, un incontro per chi è interessato alla stampa 3D
Si è tenuto ITBA 3D Hub, un incontro per chi è interessato alla stampa 3DNicola Sanz

La stampa 3D, utilizzata da anni per realizzare modelli e prototipi, è ora integrata nella produzione di beni di consumo. Osserva che “questo apre la possibilità all’emergere di nuovi modelli di business che influiscono sulla salute e sulla catena di produzione e fornitura di beni tangibili”. Cristiano Sandracapo dell’ITBA Digital Fabrication Lab, un’istituzione che ha recentemente implementato Mostra sulla tecnologia dell’asse 3DSi possono vedere alcuni degli sviluppi che sono già stati realizzati nel paese con le stampanti 3D.

“Se la stampa 3D si diffonderà, i consumatori potranno averne una a casa e invece di vendergli il prodotto fisico, le aziende venderanno loro il piano 3D di ciò che vogliono acquistare e il rotolo di materiali; ognuno stampa a casa le cose vogliono o hanno bisogno”, dice l’insegnante e consulente. Rodriguez “Sembra fantascienza, ma succede davvero”.

Nel frattempo, l’uomo d’affari Javier Miranda afferma: “Le stampanti 3D non solo ci hanno permesso di aggirare i problemi dell’importazione di parti, ma prima, durante la pandemia, le abbiamo utilizzate per stampare maschere di sicurezza che abbiamo donato agli ospedali, ed è così che abbiamo mantenuto le persone impegnato e ottimista. Oggi creiamo una nuova industria e assumiamo persone per utilizzare, mantenere e riparare stampanti 3D. La mia idea è quella di acquistare più apparecchiature e smettere di fare affidamento sulle importazioni, per realizzare prodotti nazionali al 100%.

READ  miHoYo ha ribadito che i fan possono produrre merce derivata da Genshin Impact - Kudasai
Vieni a conoscere The Trust Project