Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

80° anniversario della Biblioteca Nazionale di Panama

Voci amichevoli chiedono di imbrattare alcune righe in relazione all’80° anniversario della Biblioteca Nazionale di Panama. .

Voci amichevoli chiedono di imbrattare alcune righe in relazione all’80° anniversario della Biblioteca Nazionale di Panama.

Devo dire che la nostra biblioteca nazionale è nata circa quarant’anni dopo la fondazione della repubblica intorno al 1942. L’Istmo del XX secolo ha trascorso quasi quattro decenni repubblicani privi di un’istituzione simile.

Dal punto di vista iberoamericano, questo ritardo nel materializzarli e nel dar loro enormi collezioni che alludono a tutte le scienze, le discipline umanistiche e le arti significa uno sfortunato ritardo che l’opinione pubblica contemporanea ha deplorato.

A differenza delle tante biblioteche europee create durante il Medioevo e il Rinascimento, che si aggiungono agli innumerevoli secoli di splendore, alcune come la Bibliothèque nationale de France, che fu inizialmente una biblioteca reale; Poi, alla fine del Settecento, fu aperta la Biblioteca Nazionale, e nella seconda metà dell’Ottocento fu aperta la Biblioteca Imperiale, al tempo di Napoleone III, abbiamo, nel crepuscolo della prima metà del Novecento secolo, ereditato dalla famosa Biblioteca di Colonia, fondata nel 1892, Durante l’ultimo decennio del Panama colombiano, fu un comune, alcuni gruppi più antichi del XIX secolo e altri più moderni. In questa biblioteca ho letto figure scandalose dei nostri intellettuali come Diogenes de la Rosa (1904-1998), Roque Javier Lorence (1910-1984), Rodrigo Miro Grimaldo (1912-1996), Carlos Manuel Gastezoro (1922-1989) e le pubblicazioni consultate. Tra tante altre pubblicazioni. Il defunto storico di Gasteazoro ne notò i benefici e i privilegi quando era al liceo in un’epoca in cui non esisteva una biblioteca nazionale.

Dal 1904 al 1942 fiorirono anche le librerie più memorabili in alcune scuole della capitale, poiché diversi gruppi di studenti assorbirono nelle loro aule infinite conoscenze. Ricordiamo, ad esempio, la famosa biblioteca dell’Istituto Nazionale e la famosa biblioteca delle scuole di La Salle e Javier, oltre a biblioteche quasi universitarie che abbiamo visitato, come quelle dell’Instituto Inter-American e del Justo Scuola Arosemena. Alcuni di loro sono comparsi davanti alla Biblioteca Nazionale e hanno riempito un vuoto per il desiderio di conoscere i settori giovanili coeva.

READ  Oroscopo di oggi, domenica 9 ottobre: ​​pronostici per la salute e il benessere | Cronaca

Tornando alle provvidenziali fondamenta della nostra Biblioteca Nazionale intorno al 1942, sarà necessario spiegare che per i primi quarantasei anni la sua prima sede fu in un scomodo e antiquato edificio in pietra davanti all’Assemblea Nazionale, orfano dei requisiti minimi per offrire ai suoi lettori tranquillità e conforto per condurre le loro ricerche. Un indescrivibile calore tropicale e cocente sui nervi dei lettori distribuito nei due rari piani della sua struttura. Il materiale bibliografico nei depositi dei loro libri e riviste ha subito indicibili distruzioni. Fortunatamente, tutto è cambiato intorno al 1988, quando la Biblioteca Nazionale si è trasferita su una dolce collina nel Parco Omar Torrijos Herrera, dove ha un’atmosfera rustica e semi-rurale e l’aria condizionata per la prima volta nel 20° secolo.

Insomma, l’originario rinascimento della Biblioteca Nazionale è avvenuto negli ultimi trentaquattro della sua storia, ed è già stato trasferito in un edificio concreto, funzionale e beneficiario della rivoluzione digitale che l’ha resa più dinamica e globale.

Tuttavia, l’elenco dei suoi meritevoli amministratori non va cancellato dal 1942, a cominciare dallo speciale patrocinio concesso all’ente che, ai loro tempi, Ernesto de Jesus Castelero Reyes, Bonifacio Pereira Jiménez e Anna Maria Gian et Gian, raddoppiarono nei loro esordi , e ha continuato con un gran numero di unità Il sacrificio di sé che non ha mai smesso di raffinare l’istituzione, assicurandone la sopravvivenza. Né va dimenticato lo zelo e l’entusiasmo di direttori, bibliotecari e bibliotecari dal 1988. Il clima di solidarietà e sostegno per i lettori, studenti e ricercatori che lo visitano è un segno di orgoglio e attesta la qualità di un rinnovato patriottismo. La libreria di oggi.

READ  Evitare il sovraccarico di informazioni è già una priorità per il benessere dei dipendenti

Ho viaggiato in Europa, negli anni ’60 e ’70, da studente universitario, registrando la carta che i loro paesi avevano messo da parte per le loro biblioteche. Da Siviglia alla Svezia, ho deciso di partecipare a riunioni in Spagna, Francia, Belgio, Inghilterra, Svizzera, Italia, Germania, Danimarca e quelle di Stoccolma. In quelle nazioni, le persone calibravano i paesi in base al nome delle loro librerie di token. Questo ci spinge a difendere e perfezionare queste entità come successori delle grandi biblioteche della civiltà occidentale e orientale.

Un omaggio all’80° anniversario dell’istituzione della nostra Biblioteca Nazionale a Panama.

Sociologo e professore universitario