Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

63 milioni di anni fa il cambiamento climatico ha spazzato via il 63% delle specie in Europa, Asia e Africa

Gli scienziati hanno scoperto una nuova estinzione di massa di specie avvenuta 30 milioni di anni fa. Questo “pulsante di azzeramento” si è verificato durante il passaggio dei periodi geologici chiamati Eocene e Oligocene, a causa del raffreddamento della Terra, causando la Perdita del 63% degli animali Dall’Europa, dall’Asia e dall’Africa.

È stato un vero pulsante di resetLo ha affermato l’autore principale dello studio Dorian de Vries dell’Università di Salford nel Regno Unito.

La scoperta, che riunisce decenni di lavoro e rapporti su un evento di estinzione precedentemente non documentato, è stata pubblicata questa settimana sulla rivista scientifica Communications Biology.

In questo Transizione dall’Eocene all’Oligocene Quasi due terzi delle specie conosciute in Africa e nella penisola iberica si sono estinte, ha affermato uno dei firmatari della ricerca della Duke University.

Come nei film: salvare la Terra da un asteroide con bombe nucleari è possibile

Sono scomparsi, avvenuta circa 30 milioni di anni fa, dopo che il clima della Terra si è raffreddato durante la transizione dei periodi geologici.

Quel momento è stato segnato con violento cambiamento climaticoMa nel presente sta accadendo il contrario. La superficie terrestre si è raffreddata, le calotte glaciali si sono allargate, il livello del mare è sceso, le foreste hanno cominciato a trasformarsi in praterie e l’anidride carbonica è diventata più scarsa.

Sebbene fosse noto per aver colpito specie di mammiferi in Europa e in Asia, fino ad ora si pensava che l’Africa l’avrebbe fatta franca perché il suo clima più mite avrebbe formato una barriera contro questo raffreddamento, ma non è stato così.

READ  WhatsApp | L'emoji del cuore con un fiocco significa | cuore con nastro | Significato | Applicazioni | Smartphone | emojipedia | nda | nnni | GIOCO SPORTIVO

Questa conclusione è stata raggiunta da un team di ricercatori (dall’Inghilterra, dagli Stati Uniti e dall’Egitto), in gran parte da gruppo di studio di fossili Si trova nella sezione fossile principale del Duke Lemur Center. La collezione era opera del defunto Elwyn Simons de Duke, che per decenni vagò per i deserti egiziani alla ricerca di fossili.

Gli esperti hanno esaminato i fossili di cinque gruppi di mammiferi: uno dei carnivori estinti chiamati hyaenodonts; Due roditori, tra cui scoiattoli e istrici. Altri due primati, strepsirrini (lemuri e lori) e antropoidi (scimmie e scimmie).

Raccogliendo dati sui fossili, il team è stato in grado di Costruire alberi evolutivi Per questi gruppi, determinare il tempo di divergenza di nuovi ceppi e determinare il momento della prima e dell’ultima comparsa nota di ciascuna specie.

Il cambiamento climatico può essere collegato a 5 milioni di morti all’anno

Prova di molare

La prova è nei molari di questi animali, che può dirci molto su ciò che mangiano i mammiferi e quindi sul loro ambiente.

I roditori e le scimmie che riappaiono dopo qualche milione di anni hanno denti diversi. Erano nuove specie, mangiavano cose diverse e avevano habitat diversi.

“Vediamo una significativa perdita di diversità dei denti e quindi un periodo di recupero con nuove forme dei denti e nuovi adattamenti”, Diego de Dorian de Vries.

Il rapido cambiamento climatico non è stata l’unica sfida che queste poche specie di mammiferi sopravvissute hanno dovuto affrontare. L’Africa orientale ha anche sperimentato una serie di importanti eventi geologici.

Durante questo periodo si verificarono eruzioni super vulcaniche, che coprirono vaste aree di roccia fusa, e fu allora che la penisola arabica si separò dall’Africa orientale, aprendo il Mar Rosso e il Golfo di Aden.

READ  WhatsApp bloccherà gli account degli utenti che utilizzano questa app

DW / mf / ds

Potrebbe piacerti anche