Consiglio regionale, approvata risoluzione sul servizio di continuità pediatrica. Interessate Pergola e Urbino

Rosalba Cagli
il particolare arredamenti
Biondi
Biondi
Biondi
edil 4
rte

L’atto, che è stato sottoscritto anche dal consigliere Federico Talè, impegna Presidente e Giunta ad assumere ogni iniziativa utile all’attivazione nel più breve tempo possibile. Interessati gli ospedali di Fabriano, San Severino Marche, Montegiorgio, Urbino e Pergola

E’ soddisfatto Sandro Bisonni per l’approvazione della risoluzione sul “Servizio di continuità pediatrica”, che porta la sua firma e quella del consigliere Federico Talè (Pd). “L’atto ha preso le mosse – spiega – da una mozione che avevo presentato tempo fa e che faceva riferimento alla necessità di istituire il servizio di guardia medica pediatrica presso tutte le strutture sanitarie senza reparto di pediatria partendo dall’ospedale di San Severino Marche. Una scelta importante che affronta il problema nella sua interezza”. Il Presidente e la Giunta regionale, infatti, vengono impegnati ad assumere ogni iniziativa utile all’attivazione, nel più breve tempo possibile, del servizio di continuità pediatrica nelle Marche, con particolare riguardo alle aree prive di ospedali dotati di un punto nascita o di pediatria ospedaliera. Tutto questo – fa presente Bisonni – a partire, come specificato nella risoluzione, dai siti interessati dal progetto per l’attivazione, in via sperimentale, di una continuità pediatrica da svolgersi nei giorni festivi e prefestivi, dalle 10 alle 18, con orario continuato”. In via prioritaria, lo stesso progetto individua le prime cinque sedi del servizio a Fabriano, dove le attività ambulatoriali garantite dal pediatra ospedaliero sono articolate su 6 ore quotidiane ad esclusione di festivi e prefestivi; a San Severino Marche; a Montegiorgio, per ridurre gli accessi impropri al pronto soccorso di Fermo, che si trova in posizione baricentrica per la popolazione di Amandola e della costa; a Urbino e a Pergola per evitare lunghe percorrenze verso gli ospedali. “Con questa risoluzione – conclude Bisonni – credo di essere riuscito a dare risposta a tutte le persone che chiedevano con forza l’istituzione di questo servizio. Le Marche con questa importante novità si attestano tra le Regioni d’Italia più all’avanguardia in questo campo nel pieno rispetto dei principi di universalità, equità e solidarietà su cui si fonda il nostro sistema sanitario”.

Frescina
Bella Ischia
Biondi
original-ceramiche
meme
ercolani