Taglio dei vitalizi in Regione: via libera in Commissione affari istituzionali

il particolare arredamenti
Biondi
Biondi
Biondi
Rosalba Cagli
rte
edil 4
Il palazzo della Regione

Taglio dei vitalizi, la Prima Commissione affari istituzionali approva le nuove disposizioni. Nella seduta di ieri pomeriggio è stata licenziata a maggioranza la proposta di legge per la rideterminazione degli assegni vitalizi diretti, indiretti e di reversibilità. Al testo base, a iniziativa dell’Ufficio di presidenza, sono state abbinate altre quattro proposte presentate da consiglieri di maggioranza e opposizione. I criteri e i parametri per la determinazione degli assegni, che entreranno in vigore dall’1 dicembre, sono stati fissati lo scorso 3 aprile in sede di Conferenza Stato-Regioni e la minore spesa complessiva nel triennio 2019-2021 sarà pari a 387.565 euro, prevedendo il meccanismo contributivo. Con una legge approvata nel 2011 la Regione aveva già provveduto ad abrogare i vitalizi agli ex consiglieri regionali a decorrere dalla X Legislatura.
In apertura di seduta è stato affrontato il tema delle agromafie con la presidente regionale di Coldiretti Maria Letizia Gardoni che ha illustrato l’attività dell’Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare. La Commissione ha espresso parere favorevole sull’adesione della Regione Marche alla Fondazione che sostiene l’Osservatorio. Secondo quanto riportato nel 6° rapporto annuale, il volume d’affari delle agromafie ammonta a 24,5 miliardi di euro e nel 2018 si è registrato un aumento del 12,4%. Tra gli obiettivi dell’Osservatorio la tutela del made in Italy, il contrasto alla pirateria alimentare, la valorizzazione delle produzioni di qualità e la sensibilizzazione dei cittadini ai temi della legalità in agricoltura.

Consiglio regionale Marche (l.v.)
Bella Ischia
Frescina
meme
original-ceramiche
ercolani
Biondi