Lettera in redazione. L’appello di una signora ai candidati sindaci di Fano

rte
Biondi
Biondi
Biondi
edil 4
Rosalba Cagli
il particolare arredamenti
L’avvicinarsi della data delle elezioni comunali a Fano e in altri Comuni della nostra provincia, mi porta a riflettere sul momento particolare che la nostra città sta vivendo. Un clima fatto di insulti reciproci tra candidati… La gente vuol sentire parlare di programmi, di progetti per il bene comune. Attrazione turistica, proposta culturale, bellezza del territorio… parole appena accennate nei vari incontri. E ancora lavoro, la famiglia, gli anziani. L’agone politico, sia a livello nazionale che locale, da alcuni anni vede una eccessiva frammentazione dei partiti e la proliferazione di aggregazioni che intendono rispondere alle esigenze del bene comune, non auspichiamo altro che i candidati siano persone preparate e con piena consapevolezza della responsabilità a cui sono chiamate. Il bene comune è una assoluta priorità. Il bene comune non è la somma del bene dei singoli ma è un bene superiore perché deve offrire a tutti la possibilità di una vita dignitosa, di un lavoro onesto, di possibilità di mettere in atto le potenzialità di ciascuno, delle famiglie e dei gruppi sociali in un rapporto di sussidiarietà. Prioritario penso debba essere l’impegno a favore della famiglia. La famiglia è crocevia di risorse e di disagi, ad essa fanno capo i compiti più importanti dalla generazione dei figli alla cura delle persone anziane, dall’educazione primaria all’accompagnamento dei giovani alla laurea, in moltissimi casi si fa carico del mantenimento dei giovani che non trovano lavoro fino all’età adulta. Non può essere lasciata sola nell’affrontare le mille difficoltà della vita soprattutto in una situazione prolungata di crisi. Strettamente correlato è il problema del lavoro e della giusta retribuzione. Sappiamo bene che l’Amministrazione Comunale non è un centro per l’impiego, ma il sindaco con la sua giunta non può non ascoltare i bisogni dei cittadini e promuovere uno sviluppo e favorire una migliore organizzazione sociale e una maggiore capacità imprenditoriale anche tra i giovani, semplificando gli adempimenti amministrativi per fare sì che le capacità imprenditoriali non siano smarrite nei meandri delle burocrazie. Buon voto a tutti!
Maria Rosaria (Fano)
Biondi
Bella Ischia
ercolani
Frescina
original-ceramiche
meme