Giovedì 16 maggio apre a Urbino la mostra “Primo Levi: dalle leggi razziali alla scrittura creativa”

edil 4
rte
Biondi
Biondi
Biondi
Rosalba Cagli
il particolare arredamenti

In occasione del centenario della nascita di Primo Levi, giovedì 16 maggio, alle ore 16, nella Sala 5 del Collegio Raffaello di Urbino, in Piazza della Repubblica, sarà inaugurata la mostra Primo Levi: dalle leggi razziali alla scrittura creativa. L’esposizione, a cura di Giorgio Tabanelli, è stata promossa dal Comitato Nazionale per il centenario della nascita di Primo Levi, dal Comune di Urbino, dall’Associazione Carlo Bo di Urbino, dall’Associazione Arte Cinema Teatro Volontariato, in collaborazione con l’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. Due le sezioni in cui è articolata: una parte generale dedicata alla storia delle leggi razziali in Italia e una sezione che ripercorre la vita e le opere di Primo Levi.

Il progetto espositivo si avvale di documenti originali del Seicento e dell’Ottocento che ripercorrono le origini dell’antigiudaismo e dell’antisemitismo fino a ricostruire l’ideologia antisemitica dei primi decenni del Novecento, in Germania e in Italia, con sintesi storica e sezioni inedite al pubblico. La documentazione sulle leggi razziali, di grande interesse storico scientifico (volumi, giornali, riviste, volantini, documenti, dei primi decenni del Novecento), consente di comprendere l’evoluzione del pregiudizio razziale che ha portato nel 1938 alla pubblicazione del manifesto degli scienziati razzisti e alla promulgazione delle leggi razziali.Tra le sezioni originali e inedite, “Letteratura di svago e antisemitismo” dove sono esposti romanzi per ragazzi e gialli a sfondo antigiudaico e antisemitico. Il progetto si avvale della consulenza degli storici Alberto Cavaglion e Valerio De Cesaris. Per la biografia e le opere di Primo Levi hanno collaborato Roberta Mori e Lia Toaff. La mostra ha un carattere didattico e divulgativo, ed è rivolta in particolare agli studenti delle scuole e dell’Università. In programma visite didattiche che illustrano il percorso storico, che si avvale di testi, immagini e documenti. L’inaugurazione si terrà in presenza dell’Assessore alla Cultura Vittorio Sgarbi.

Uniurb
original-ceramiche
Frescina
Biondi
meme
Bella Ischia
ercolani