Il 16 maggio a Fossombrone si parla di “Le criminalità organizzate nelle Marche”

Biondi
edil 4
rte
Rosalba Cagli
il particolare arredamenti
Biondi
Biondi

Sono trascorsi alcuni mesi dal cosiddetto “omicidio di Natale”. Il 25 dicembre scorso – a Pesaro, in pieno centro storico – veniva ucciso con 20 colpi di pistola Marcello Bruzzese, il fratello di un pentito di ‘ndrangheta. Viveva lì sotto la protezione del Ministero dell’Interno, ma i killer lo hanno trovato. Sembrerebbe la sceneggiatura di un classico film di mafia ambientato in Sicilia, invece è accaduto in un tranquillo capoluogo marchigiano, in un territorio in cui la presenza delle mafie sembrava sconosciuta. La realtà suggerisce che né la provincia di Pesaro, influenzata dalla vicinanza con la Repubblica di San Marino e con l’Emilia Romagna, né la regione Marche sono “isole felici”: oggi nessun territorio può dirsi immune alle infiltrazioni della criminalità organizzata, soprattutto quando parliamo di ‘ndrangheta, le cui articolazioni e diramazioni sono presenti in tutto il Paese. E allora sorge spontanea la domanda che ha poi dato il titolo al servizio di Rai News: dov’è la mafia? Di tutto questo vogliamo parlare giovedì 16 maggio alle ore 21 a Fossombrone presso la sala consiliare in un incontro dal titolo “Le criminalità organizzate nelle Marche”. Interverranno Sergio Sottani (Procuratore Generale presso la Corte di Appello di Ancona), Andrea Boni (Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Urbino), Daniele Paci (Sostituto procuratore presso la Procura distrettuale di Ancona) e Giuseppe Paolini (Presidente della Provincia di Pesaro e Urbino). L’iniziativa è organizzata dall’Associazione Nazionale Magistrati Sezione Distrettuale di Ancona, dal Coordinamento Antimafia di Pesaro Urbino, dalla Provincia di Pesaro e Urbino, dalla Consulta del Volontariato ATS 7, dal Gruppo Fuoritempo e dal Comune di Fossombrone.

da Gruppo Fuoritempo
ercolani
original-ceramiche
Biondi
Frescina
meme
Bella Ischia