Al via la rassegna itinerante “Andare, camminare, ricordare”. Cinque appuntamenti tra Fossombrone e Sant’Ippolito

il particolare arredamenti
rte
Rosalba Cagli
Biondi
Biondi
Biondi
edil 4

La Biblioteca Civica Passionei di Fossombrone e la BiblioS – Biblioteca Comunale di Sant’Ippolito organizzano la rassegna itinerante “Andare, camminare, ricordare”, nata dal desiderio di far conoscere luoghi e ambienti che hanno suggerito e caratterizzato ricerche e
libri di studiosi locali. Si tratta di brevi camminate nei siti archeologici, religiosi e civili che hanno visto sorgere esperienze e animato l’esistenza di personaggi della storia del distretto forsempronese. Luoghi oggi scomparsi o poco conosciuti, meritevoli d’essere scoperti per le tracce storiche che conservano; tracce che ripercorreremo con delle guide esperte. Il punto di partenza sarà sempre la biblioteca, quella di Sant’Ippolito per il primo appuntamento, quella di Fossombrone per tutti gli altri. Qui gli studiosi avranno modo di introdurre l’argomento, lasciando ai partecipanti delle piccole brochure di documentazione, poi si partirà alla volta dei vari siti presi in considerazione. Questo il programma previsto: si parte sabato 4 maggio alle 17, appuntamento in Biblioteca a Sant’Ippolito, dove Emilio Pierucci ci racconterà di abbazie benedettine oggi scomparse tra Tarugo e Metauro. Mercoledì 8 maggio alle 18 appuntamento invece in Biblioteca a Fossombrone, dove Francesco Rossi ci intratterrà sulla figura del giovane Cardinale Giulio della Rovere portandoci dove sorgevano le sue dimore cittadine. Si prosegue martedì 21 maggio alle 21 con un breve itinerario cittadino sulle tracce dei membri della famiglia Donati guidati da Serafino Giulietti. Venerdì 24 maggio sempre alle 21 andremo assieme a Renzo Savelli alla scoperta di loggiati e sotterranei di Fossombrone. La rassegna si concluderà sabato 1 giugno alle 17, quando con Giancarlo Gori scopriremo i sepolcreti romani di San Lazzaro e Calmazzo. L’immagine della locandina è stata realizzata dal fumettista fanese Michele Petrucci.

original-ceramiche
Bella Ischia
Frescina
ercolani
meme
Biondi