Il Movimento Spontaneo per la sanità pubblica di Cagli sui ritardi al pronto soccorso per il bimbo di 15 mesi: “Anche l’Asur ci dà ragione”

Rosalba Cagli
edil 4
il particolare arredamenti
Biondi
Biondi
Biondi
rte

Riceviamo e pubblichiamo una nota del Movimento Spontaneo Cittadini ed Associazioni per la sanità pubblica di Cagli, riguardo ai chiarimenti forniti dall’Asur sul bimbo di 15 mesi che ha dovuto attendere diverse ore al Pronto Soccorso di Urbino perché intasato. “L’Area Vasta 1 per giustificare le problematiche relative alla questione del bimbo di quindici mesi che si era schiacciato un ditino… si dà la zappa sui piedi da sola, visto che nella sua nota chiarificatrice di fatto ammette tutte le carenze che i cittadini addebitano alla sanità marchigiana e della nostra zona in particolare. Infatti riporta i dati specificando che il bimbo è arrivato al Pronto Soccorso di Urbino alle otto di sera ed è stato visitato solo poco prima delle undici di sera (22,40); chiarisce che la radiografia è stata fatta ad Urbino (visto che a Cagli NON essendoci più il PPI Pubblico H24 la radiologia funziona solo ad orari ridotti); ammette quello che da anni si critica, ossia l’intasamento dei reparti e del Pronto Soccorso di Urbino, da quando sono stati chiusi i piccoli ospedali. Ciò in virtù della nota che scrive testualmente: “Si fa altresì presente che in data 14.03.19 la rilevazione sul grado di affollamento eseguita dal sistema informatico dimostrava alle ore 20,08 un Pronto Soccorso ‘Severamente sovraffollato’ con n. 25 pazienti presenti in gestione (di cui n. 2 casi critici)”. “Che dire di più, ci danno ragione anche dall’Asur!!!”

ercolani
original-ceramiche
Frescina
Bella Ischia
Biondi
meme