Pollegioni – segretario Nuova Fano: “Furto in casa, la gente non si sente più sicura”

mcdonalds
rte
Biondi

Apprendiamo, anche dalla stampa, di un fatto gravissimo avvenuto a Fano. Il furto, che per le modalità si potrebbe chiamare “rapina” in abitazione, i cui autori sembra con accento non italiano, hanno tenuto in ostaggio una famiglia intera sotto la minaccia di un arma bianca. Purtroppo questo fatto , non unico nella nostra città, mostra come il crimine sia sempre più dilagante con attività illecite in mano anche a clan di stranieri che in alcune situazioni hanno mostrato anche una ferocia inaudita. E’ chiaro che questi fatti aumentano la percezione di insicurezza e i cittadini fanesi non si sentono più tranquilli. Ricevo proprio oggi la testimonianza di persone che già dalla prima serata chiudono le inferriate delle loro abitazioni perché hanno paura. Naturalmente contiamo presto che le normative nazionali, ancora molto carenti in tema di repressione della delinquenza, facciano si che la certezza della pena non sia più una chimera. Purtroppo questo fatto gravissimo testimonia che non si può abbassare la guardia cullandosi su statistiche leggere che non dicono più la realtà dei fatti . Ribadisco che molti cittadini, ormai rassegnati, non denunciano più e basta un fatto grave , come questo accaduto a Fano, per far rialzare l’asticella della preoccupazione . Spero presto di poter mettere a frutto la mia esperienza maturata nelle Forze dell’Ordine per poter dare un sostegno più concreto a Fano in tema di sicurezza pubblica. Ho depositato un progetto sicurezza nelle mani del già Prefetto Visconti e ripreso dal Prefetto Pizzi che con una lettera, a me indirizzata, mi informava che stava portando come proposta nei tavoli per l’ordine e la sicurezza dei comuni della provincia. Ho notato che,mentre in alcuni comuni alcune cose sono state realizzate, a Fano si potrebbe fare molto di più (soprattutto non dormire sugli allori). Giusto mettere le telecamere, che in molti casi sono state importanti per la soluzione di fatti di reato, ma bisogna che anche noi cittadini collaboriamo con le Forze dell’Ordine segnalando ciò che ai nostri occhi appare di natura sospetta. Polizia e Carabinieri fanno un grande e proficuo lavoro , lo vediamo quasi tutti i giorni, ma con grande difficoltà per la mancanza di personale ancora da ripianare. La Polizia Municipale va riorganizzata e deve diventare un valore aggiunto anche in termini di sicurezza pubblica collaborando con Polizia di Stato e Carabinieri che oltre alla città hanno un vastissimo territorio da controllare. Ci sono molte cose da rivedere in materia di sicurezza pubblica e una buona Amministrazione ha il dovere di preoccuparsi e di collaborare mettendo a disposizione le proprie possibilità chiaramente concordando le azioni con coloro che sono addetti alla nostra sicurezza pubblica Polizia e Carabinieri. E’ vero questo è un tempo da campagne elettorali ma i delinquenti non vanno certo in ferie. Spero davvero tra quattro mesi di poter essere un buon sostegno e costruire con concretezza la sicurezza dei cittadini fanesi poiché fino ad ora nonostante le tante proposte non mi è stato possibile.

Stefano Pollegioni - Segretario Nuova Fano
edil 4
il particolare arredamenti